La situazione nel Regno Unito del mercato immobiliare, sta attraversando un periodo piuttosto brusco e chi fa trading sul forex l’ha notato. Il fiore all’occhiello per incrementare la proprietà domestica ha lasciato il governo esposto a significativi rischi di mercato. Alcuni acquirenti che lo utilizzano rischiano di finire in deficit patrimoniale, secondo un rapporto del comitato di sorveglianza delle spese parlamentare pubblicato giovedì.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: 24option

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

La banca paga oltre il 40% delle case

Il National Audit Office ha anche evidenziato dati che mostrano che il 63 per cento delle persone che usano il sistema di aiuto per l’acquisto, Help to Buy, del governo potrebbero aver acquistato le loro proprietà anche senza di essa, e i dati mostrano anche che il 19 per cento di essi non erano acquirenti per la prima volta.

L’aiuto per l’acquisto è stato introdotto dal governo di coalizione di David Cameron nel 2013, con lo scopo di aiutare più persone a entrare nel mercato immobiliare. I critici sostengono che lo schema ha gonfiato i prezzi delle proprietà e i profitti dei costruttori edili, ma non è riuscito a risolvere la grave penuria nel Regno Unito di case economiche.

Lo schema consente agli acquirenti di versare una caparra di appena il 5% su una casa di nuova costruzione del valore di £ 600.000 e ricevere un prestito dal governo per coprire il 40% del valore della proprietà a Londra, o 20% altrove. Il resto è coperto da un mutuo tradizionale. Tra il lancio di Help to Buy nell’aprile 2013 e nel dicembre 2018, il Ministero degli alloggi, delle comunità e delle amministrazioni locali ha amministrato 211.000 prestiti nell’ambito del programma per un valore totale di 11,7 miliardi di sterline.

L’aiuto del governo è diventato un’arma a doppio taglio

Entro il 2023, quando l’aiuto per l’acquisto è programmato per finire , l’importo netto prestato dal governo attraverso lo schema è previsto in picco a circa 25 miliardi di sterline. Gareth Davies, capo della NAO , ha affermato che lo schema ha esposto il governo ad un significativo rischio di mercato e se i valori delle proprietà calano, oltre a legare una significativa capacità finanziaria pubblica.

Il governo prevede di recuperare il suo investimento in Help to Buy entro il 2032, ma una flessione del mercato immobiliare potrebbe colpire il valore del suo portafoglio prestiti, ha detto la NAO. Lo schema ha incentivato l’acquisto di case di nuova costruzione, che in genere costano dal 15 al 20 per cento in più rispetto alle proprietà di seconda mano comparabili, secondo l’analisi del NAO.

Il piano di recupero della NAO

Sempre NAO ha asserito che nei momenti in cui il mercato si abbassa (sia a breve, medio o lungo termine), il contribuente potrebbe perdere in modo significativo, in quanto l’investimento del governo nel capitale abitativo ridurrebbe di valore. Inoltre, i proprietari di immobili potrebbero affrontare la trappola del deficit patrimoniale, aggravata dal premio di nuova costruzione.

La NAO ha notato come due quinti di tutte le proprietà di nuova costruzione siano state acquistate utilizzando Help to Buy sin dalla sua introduzione e che lo schema abbia portato a maggiori profitti per molti costruttori di case. Mr Davies ha dichiarato che la più grande sfida del governo è stata quello di svezzare il mercato immobiliare dal programma con il minimo impatto possibile sul suo obiettivo di costruire 300.000 case l’anno entro la metà del 2020.

Altri articoli dello stesso autore: