Come comprare e investire in Azioni Crédit Agricole

Le azioni Crédit Agricole (Ticker ACA, codice ISIN FR0000045072) sono detenute dall’istituto bancario francese con sede a Parigi. La banca fu fondata nel 1894 ed è ricordata come una delle prime casse di credito legate al mondo agricolo. Successivamente, lo Stato intervenne per istituire delle Casse regionali e nel 1920 sorse un ente pubblico conosciuto come Caisse Nationale de Crédit Agricole. Nel 1988 si segnala la completa indipendenza della banca dallo Stato, essendo ormai divenuta finanziariamente autonoma. L’istituto, poi, va oltre l’ambito agricolo attraverso varie acquisizioni, fino ad imporsi a livello internazionale.

Con un fatturato di 32,8 miliardi di euro, la Crédit Agricole è la terza banca in Francia per capitalizzazione di mercato. Il titolo Crédit Agricole si mostra allettante: non si contano solo quote di azionisti individuali, ma il 29,96% di queste appartiene ad investitori istituzionali.

credit agricole azioni previsioni quotazioni titolo

Fare trading sulle azioni Crédit Agricole è un’ottima possibilità d’investimento poiché la banca fornisce una totale trasparenza ed una buona prevedibilità di profitti ai propri clienti.

Apri un Conto Gratis con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: LiquidityX

Deposito: 200€

Licenza: HCMC

  • Demo Gratis
  • Trading Central gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

74% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50€

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

68% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Capex

Deposito: 100€

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

69% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100€

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Spread Competitivi

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

77% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Comprare azioni Crédit Agricole: cosa analizzare per conoscere l’azienda? 

Crédit agricole è una delle maggiori realtà del circuito bancario italiano e comprarne le azioni può essere vantaggioso. Per capire i confini di questa opportunità ma soprattutto i rischi che possono conseguirne occorre procedere ad un’analisi dettagliata dei punti salienti dell’attività commerciale di Crédit agricole. Abbiamo selezionato come aspetti chiave:

  1. Il modello di business dell’azienda; 
  2. Profitti e perdite presenti negli ultimi bilanci aziendali; 
  3. Studio dei competitor dello stesso settore; 
  4. Le persone chiave collegate all’azienda (i c-level); 
  5. Il sentiment dei lavoratori dell’azienda; 
  6. Livello di indebitamento dell’azienda; 
  7. La RoadMap societaria. 

Attraverso questo esame dei 7 punti chiave capiremo come e perché il gruppo Crédit agricole sia diventato così attrattivo per gli investitori!

Il modello di business dell’azienda

Crédit agricole è un gruppo bancario italiano fondato nel 1860 e con una lunga storia alle spalle, in Italia allo stato attuale rappresenta il settimo gruppo per importanza con una presenza in oltre 11 regione e oltre 2 milioni di clienti. L’azienda ha in corso numerose partecipazioni che ne hanno accresciuto notevolmente il valore. Il modello di business ascrivibile a Crédit agricole è di banca commerciale che si rivolge sia a privati che piccole imprese e professionisti offrendo come principali servizi per i privati:

  • Conti, Carte e Servizi di Pagamento
  • Prestiti 
  • Mutui
  • Prodotti di risparmio 
  • Assicurazioni
  • Successioni 

Per le piccole imprese:

  • Gestione incassi e pagamenti
  • Finanziamento alle imprese
  • Copertura rischi
  • Operazioni estere
  • Investimento liquidità
  • Avvio Start Up

Il gruppo Crédit agricole ha diversificato le sue operazioni anche nel ramo agroalimentare.

Profitti e perdite presenti negli ultimi bilanci aziendali

Ogni anno si presentano nuove sfide da affrontare e nuovi problemi da risolvere che possono rallentare i processi produttivi e generare di conseguenza flussi di cassa minori. Analizzare tali livelli e la loro evoluzione nel corso del tempo ci permette di tracciare una linea nel tempo del valore di crescita dei segmenti produttivi e di misurare l’effettivo raggiungimento dei target finanziari. Il gruppo Crédit agricole nello specifico ha sempre portato a casa risultati largamente soddisfacenti. Nel 2018 i fatturati sono stati di 19.736 milioni di euro. Nel 2020 invece tale livello è passato a 20.153 milioni di euro evidenziando una crescita significativa. In fine nel 2021 i ricavi del gruppo sono passati a 20.500 milioni di euro.

Studio dei competitor dello stesso settore

Per conoscere il panorama finanziario in cui opera un gruppo è opportuno avere un quadro completo su cui ragionare. La misura della reale qualità delle attività commerciali è il feedback che proviene dagli utenti finali. Inoltre un esame comparativo mette in luce gli aspetti cardine delle operazioni in relazione ai loro punti di forza o debolezza. Nello specifico i principali competitor di Crédit Agricole sono:

  • Société générale
  • Natixis
  • Halkbank
  • ANZ Bank
  • BNP Paribas
  • Credit Suisse
  • Banque Populaire
  • Caisse d’epargne
  • La Banque Postale
  • Banque Federative Crèdit Mutuel

Le persone chiave collegate all’azienda (i c-level)

La guida delle operazioni più importanti e delle scelte societarie è affidata in modo congiunto alle figure di spicco dell’azienda. Per tale ragione è sempre opportuno sapere chi siano, quali siano le loro mansioni e passato professionale al fine di determinare un aspetto ulteriore di valore commerciale legato al capitale umano. A vario titolo sono sempre molteplici tali figure, nel caso di Crédit Agricole possiamo nominare come tali il presidente Ariberto Fassati e l’amministratore delegato Giampiero Maioli.

Ariberto Fassati è un uomo d’affari e imprenditore italiano nato nel 1946 laureatosi all’università Bocconi in economia e commercio inizia la sua esperienza lavorativa per il Gruppo Agnelli per poi entrare a far parte di Crédit Agricole nel 1977 ricoprendo diverse cariche fino alla presidenza. Inoltre è:

  • Presidente della Cassa di Risparmio Parma e Piacenza SpA
  • Vice Presidente di Banca Popolare Friuladria SpA
  • Vice Presidente di Cassa di Risparmio della Spezia SpA
  • Presidente di Crédit Agricole Leasing Italia Srl
  • Consigliere di Amundi SGR SpA
  • Consigliere dell’ABI (Associazione Bancaria Italiana)
  • Consigliere del FITD (Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi)

Nel 2019 ha ricevuto l’onorificenza di “Officier dans l’Ordre National Du Mérite” dalla Presidenza della Repubblica Francese.

Giampiero Maioli è un banchiere italiano che inizia la sua carriera professionale nel 1992 con il gruppo Cariparma. Ha seguito in prima persona i passaggi per l’ingresso della suddetta in Banca Intesa da cui poi nascerà Crédit Agricole. Inoltre il sig. Maioli è anche Vice Presidente del gruppo Amundi e consigliere di FCA Bank e Agos Ducato. 

Il sentiment dei lavoratori dell’azienda

La scelta del personale deve essere basata su criteri precisi in base al core business del gruppo stesso. Le aziende ovviamente hanno delle richieste nei confronti dei lavoratori che però hanno oltre ai doveri anche dei diritti ben precisi. La corretta comunicazione col personale e una politica che sia volta a coinvolgere i lavoratori sono le chiavi per un apparato interno sano e che sia proattivo alla riuscita delle attività. Nello specifico Crédit Agricole ha un totale di 10.000 dipendenti. Il codice interno di condotta dell’azienda è ben visto dai lavoratori in quanto offre un’organizzazione tale da rendere i vari passaggi fluidi e funzionali. Le retribuzioni variano a seconda del ruolo coperto con un ambiente di lavoro che viene definito ordinario e non eccessivamente stressante. I salari sono in media con gli altri istituti di credito italiani e in sintesi il sentiment riscontrato è positivo. 

Livello di indebitamento dell’azienda

Se si consulta un bilancio aziendale si noterà che tra le rendicontazioni esistono varie voci tra cui quella inerente al debito. Le aziende per supportare le attività iniziali si avvalgono spesso di raccolte fondi che però devono essere gradualmente restituiti nel tempo sottraendo alle entrate spesso gran parte del loro volume iniziali. Conoscere tali livelli e processi è un segno distintivo di solidità e un vantaggio in più in chiave di investimento. Nella fattispecie, Crédit Agricole ha registrato per il 2021 un debt to equity ratio di 0.36.  

La RoadMap societaria

Nel primo trimestre del 2022 Crédit Agricole ha registrato un incremento del 15% che lascia ben sperare anche per il prossimo futuro. Anche gli utili hanno mostrato una crescita del 51% e sono stati pari a 126 milioni di euro valore emblematico della portata d’affari del gruppo e delle sue prospettive future.

Investire in Azioni Crédit Agricole

Il grafico sottostante mostra l’andamento storico del titolo Crédit Agricole

Grafico azioni Crédit Agricole aggiornato in tempo reale

Previsioni titolo Crédit Agricole

Per fare previsioni sulle azioni Crédit Agricole è importante visionare il grafico riportato per conoscere l’andamento delle quotazioni in Borsa. Stando alla chiusura del 31 maggio 2019, la partenza per il titolo è stata leggermente sotto tono segnando 10,17 euro, quindi dei prezzi inferiori rispetto alla settimana precedente. Secondo gli analisti le quotazioni minime sono di 10,12 euro, mentre il tetto massimo è di 10,33: c’è un leggero margine di miglioramento per il titolo, che effettivamente nella prima settimana di giugno, dovrebbe confermare la propria stabilità.

Storico quotazioni Crédit Agricole

Lo storico delle quotazioni delle azioni Crédit Agricole mostra un’evoluzione importante per la banca francese a partire dal 2001, anno in cui è stata quotata presso la Borsa di Parigi. Analizzando i dati degli ultimi anni, infatti, si nota un aumento delle entrate totali: nel 2015 la rendicontazione si è chiusa con una cifra di 76904 euro, mentre la chiusura del 2018 conta 81633 euro. Stando poi ad analisi più specifiche, risalenti all’ultima settimana di maggio 2019, il trend si riafferma costante attraverso l’aumento dei volumi pari a 1,270 rispetto alla media del mese precedenti fissata a 1,014. L’istituto di credito francese, quindi, nel primo trimestre del 2019 ha mantenuto la propria saldezza.

Dividendi azioni Crédit Agricole

I dividendi societari di Crédit Agricole vengono distribuiti ogni anno agli azionisti della società che possiedono quote della stessa.

Trading su Azioni Crédit Agricole

Il trading online su CFD Crédit Agricole è destinato ad avere successo nei 49 Paesi in cui è attualmente attivo, poiché tale banca è caratterizzata da una solida struttura finanziaria e ciò favorisce la sicurezza dei propri investimenti.

Il nostro voto
Sommario
Come comprare e investire in Azioni Crédit Agricole
Nome Articolo
Come comprare e investire in Azioni Crédit Agricole
Descrizione
Come comprare e investire in azioni Crédit Agricole! ✅ Scopri le previsioni sul titolo e i dividendi, lo storico delle quotazioni e il grafico.
Autore
Sito Editore
TradingCenter.it
Logo Editore

Il 63-77% dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo con la nostra cookie policy che puoi leggere qui.