Come comprare e investire in Azioni ENI

Le Azioni ENI (Ticker ENI, Codice ISIN IT0003132476) sono emesse da Eni S.p.A., società operante nel settore dell’energia e tra le prime 150 aziende al mondo per fatturato. Fondata come Ente Pubblico nel 1953 dallo Stato Italiano, l’azienda è stata poi convertita in Società per Azioni nel 1992. La compagnia opera principalmente nei settori del petrolio e del gas naturale, e nella produzione e vendita di energia elettrica ed energia rinnovabile. E’ presente in quasi 80 Paesi nel mondo con oltre 30.000 persone alle proprie dipendenze. Il Titolo ENI è quotato sull’indice FTSE MIB della Borsa Italiana e al New York Stock Exchange. L’impresa fattura oltre 60 miliardi di euro all’anno, con un utile netto di circa 3,3 miliardi.

eni azioni previsioni quotazioni titolo

Considerata la grandezza dell’azienda, fare trading sulle Azioni ENI è un tipo di investimento che attrae moltissimi operatori di mercato. Si tratta di un tipo di bene finanziario che può soddisfare le esigenze sia di chi approccia al trading in modo rischioso, sia chi predilige una strategia di tipo tradizionale. Vediamo maggiori dettagli.

Chi desidera investire in azioni ENI ha bisogno di affidarsi ad un broker ed aprire un conto trading. Una delle piattaforme regolamentate più sicure e vantaggiose è LiquidityX. La possibilità di operare senza pagare alcuna commissione e di ricevere i segnali di trading direttamente sul sito, rendono questo broker uno dei più apprezzati degli ultimi anni. Inoltre, per aprire un conto ed iniziare ad investire basta un deposito di soli 200 euro. Per completare la tua iscrizione su LiquidityX e ricevere subito l’accesso a tutte le sue offerte, clicca qui.

Apri un Conto Gratis con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: LiquidityX

Deposito: 200€

Licenza: HCMC

  • Demo Gratis
  • Trading Central gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

74% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: XTB

Deposito: Nessun Minimo Richiesto

Licenza: CySEC/KNF/FCA

  • Demo Gratis
  • 0% Commissioni su Azioni

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

79% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Capex.com

Deposito: 100€

Licenza: CySEC

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

69% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Capital.com

Deposito: 20€

Licenza: CySEC

  • Demo Gratis
  • Spread Competitivi

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

83% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50€

Licenza: CySEC

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

78% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Comprare azioni ENI: cosa analizzare per conoscere l’azienda?

ENI è la più conosciuta azienda di idrocarburi italiana acronimo di Ente Nazionale Idrocarburi e oggi ti spiegheremo come comprarne le azioni in modo sicuro. Il successo della compagnia nel corso del tempo è il frutto di un insieme di fattori e di una visione del lavoro lungimirante e ben organizzata. Capire la struttura interna legata al modo di fare business dell’azienda è un modo ottimo per iniziare la propria esplorazione dell’azienda al fine di tradurre la forbice di scalabilità azionaria. Vedremo nello specifico:

  1. Il modello di business dell’azienda;
  2. Profitti e perdite presenti negli ultimi bilanci aziendali;
  3. Studio dei competitor dello stesso settore;
  4. Le persone chiave collegate all’azienda (i c-level);
  5. Il sentiment dei lavoratori dell’azienda;
  6. Livello di indebitamento dell’azienda;
  7. La RoadMap societaria.

Le azioni di un colosso come ENI vanno sapute maneggiare e questa guida composta di 7 punti chiave ti aiuterà nel lavoro!

Il modello di business dell’azienda

ENI è un’azienda italiana inizialmente di proprietà dello Stato Italiano fondata nel 1953 e attiva nel settore degli idrocarburi. Con il suo iconico logo raffigurante un cane a sei zampe il gruppo ENI è presente in 69 paesi. ENI è un’azienda i cui servizi comprendono:

  • Petrolio
  • Gas Naturale
  • Chimica
  • Biochimica
  • Produzione e commercio energia elettrica

Nel 2021 è stata classificata da Forbes Global 2000 al posto numero 461 della classifica mondiale delle società ad azionariato diffuso per ricavi, utili e capitalizzazione di mercato. L’azienda dalla sua trasformazione in S.p.A. ha cambiato struttura interna e ora opera attraverso tre grandi divisioni che sono:

  1. Divisione Exploration and Product
  2. Divisione Gas & Power
  3. Divisione Refining and Marketing e Chimica

Profitti e perdite presenti negli ultimi bilanci aziendali

Per conoscere la direzione da seguire un trader deve al primo posto aver chiaro dove voglia andare. Esattamente come in un’analisi l’obiettivo deve essere chiaro al fine di percorrere una strada lineare che porti all’obiettivo. Il target del nostro esame del gruppo ENI è sostanzialmente cercare di mettere in luce i punti di valore. Un punto di inizio può essere sondare le prestazioni finanziarie in termini di profitti e perdite realizzati dalla compagnia nel corso degli anni e che possono essere un fedele rivelatore del flusso di cassa che interessa al gruppo. Andando nel dettaglio e partendo dal 2019 noteremo una flessione del 12.43% rispetto all’anno precedente con ricavi per 79.566 miliardi di dollari. Nel 2020 ancora un calo interessa i fatturati di ENI stavolta del 35.47% chiudendo l’esercizio annuale con 51.343 miliardi di dollari. In fine nel 2021 una crescita del 79.21% segna il bilancio aziendale chiudendo con ricavi per 92.011 miliardi di dollari.

Studio dei competitor dello stesso settore

Mai come per il comparto energetico la concorrenza è numerosa e fitta di aziende pronte a bombardare l’utente finale di offerte pur di accaparrarselo. In tale ambito è opportuno fare chiarezza mettendo in evidenza quali sono le aziende operanti e il loro modo di fare business così da estrapolare gli aspetti di valore rispetto ai difetti strutturali. Vediamo nello specifico chi sono i principali competitor del gruppo ENI:

  • BP
  • TotalEnergies
  • LUKOIL
  • Chevron
  • Engie Portugal
  • Saipem
  • Chiyoda Corporation
  • Exxon Mobil Corp
  • Shell PLC
  • Equinor ASA

Le persone chiave collegate all’azienda (i c-level)

La struttura di governance aziendale è lo specchio del reale grado di valore professionale detenuto dalla compagnia. Il vertice di tale struttura è presieduto dalle figure chiave ossia quelle persone che per merito sono state poste a dirigere l’azienda e che dunque hanno poter di influenzare le strategie di mercato e di conseguenza l’avvenire societario. Per mezzo della conoscenza di tali ruoli è possibile inoltre determinare un aspetto di valore ulteriore del gruppo. Le figure chiave di ENI sono due e sono il Presidente Lucia Calvosa e l’Amministratore Delegato Claudio De Scalzi.

Lucia Calvosa è una dirigente d’azienda italiana laureata in giurisprudenza presso l’Università di Pisa e professore ordinario di diritto commerciale nella medesima università. Oltre al suo incarico in ENI la dottoressa Calvosa è anche consigliere di amministrazione indipendente di CDP Venture Capital SGR S.p.A. e Banca Carige oltre che presidente del consiglio di amministrazione di AGI e della fondazione Enrico Mattei oltre che membro del consiglio generale della fondazione Giorgio Cini. Lucia Calvosa è attualmente presidente di ENI.

Claudio De Scalzi è un dirigente d’azienda italiano nato nel 1955 laureatosi in fisica presso l’Università degli Studi di Milano inizia il suo percorso professionale in ENI nel 1981 in qualità di ingegnere di giacimento per poi diventare project manager responsabile per lo sviluppo di ENI in Libia, Nigeria, Mare del Nord e Congo. Nel gruppo ENI ha ricoperto varie cariche dirigenziali fino ad essere indicato nel 2014 dal governo Renzi come amministratore delegato. Inoltre Claudio De Scalzi è vice presidente di Confindustria energia e consigliere di amministrazione del teatro La Scala. Il suo compenso nel 2020 sarebbe stato stimato per sei milioni di euro.

Il sentiment dei lavoratori dell’azienda

Il gruppo ENI ha un raggio di operatività mondiale pertanto si avvale di un numero elevato di dipendenti che è stato stimato nel 2021 per 32.689 unità. Analizzare il sentiment dei lavoratori ossia il loro stato di benessere psico fisico in relazione alle condizioni lavorative è molto importante per definire lo stato di salute dei tessuti interni al gruppo. Le compagnie puntano molto sulla fidelizzazione e l’engagement del lavoratore perseguendo politiche basate sull’inclusività al fine di incentivare la propensione al lavoro e al sacrificio del dipendente. Dopo il taglio di 10,000 lavoratori operato da ENI nel 2020 il sentiment ha trovato un suo equilibrio. Gli impiegati della compagnia descrivono infatti una situazione migliorata, i contratti offerti sono a tempo indeterminato e i compensi adeguati agli standard del comparto.

Livello di indebitamento dell’azienda

L’analisi del livello di indebitamento è una parte essenziale del processo di valutazione dell’apparato economico del gruppo. Tale parametro mette in evidenza il livello di esposizione di ENI basato sul confronto tra equity e negatività del gruppo che per il 2022 è stato di 0,49.

La RoadMap societaria

In casa ENI l’agenda è fitta di appuntamenti per l’anno in corso ma anche a più lungo raggio. Fra i principali obiettivi quello di raggiungere la sostenibilità a tal proposito ENI ha concluso da poco un investimento in Inghilterra da 2.5 miliardi per progetti cattura carbonio e per l’energia rinnovabile.

Investire in Azioni ENI

Il grafico sottostante evidenzia l’andamento storico del titolo ENI.

Grafico azioni ENI aggiornato in tempo reale

Previsioni Titolo ENI

Trattandosi di una compagnia che opera principalmente nel settore del petrolio, è evidente che qualsiasi variazione del prezzo del greggio influenzerà anche le previsioni sulle Azioni ENI.

Altro importante fattore da considerare riguarda le condizioni dell’economia a livello globale, dal momento che la società opera in tutto il mondo.

Infine, bisogna fare attenzione anche ai bilanci societari e ad eventuali progetti o nuove partnership in cantiere. Questi fattori possono aumentare o diminuire la fiducia sul titolo.

Storico Quotazioni ENI

Lo storico delle quotazioni delle Azioni ENI evidenzia un andamento tendenzialmente stabile, ma con alcuni alti e bassi significativi. Un primo forte ribasso è avvenuto tra il 2008 e il 2009, a causa della crisi economica globale. Dopodiché possiamo affermare che il titolo non si è più ripreso completamente. La quotazione attuale è pari all’incirca a 14 euro.

Dividendi Azioni ENI

I dividendi societari di Eni S.p.A. vengono distribuiti due volte all’anno, generalmente a Maggio e a Settembre. lI valore dei dividendi ha subito un calo praticamente costante, dal 2009 ad oggi. Da una cifra di 0,65 si è passati infatti a 0,40 centesimi di euro.

Trading su azioni ENI

Il trading online su CFD ENI è un’ottima alternativa agli investimenti tradizionali, che richiedono grosse somme di denaro e tempistiche molto lunghe. Attraverso gli investimenti su Internet è invece possibile sfruttare le grandi opportunità offerte dai maggiori titoli azionari. Nel caso specifico, il bene finanziario ben si presta ad operazioni a breve e brevissimo termine.

Il nostro voto
Sommario
Come comprare e investire in Azioni ENI
Nome Articolo
Come comprare e investire in Azioni ENI
Descrizione
Come comprare e investire in azioni ENI! ✅ Scopri le previsioni sul titolo e i dividendi, lo storico delle quotazioni e il grafico.
Autore
Sito Editore
TradingCenter.it
Logo Editore

Il 69-83% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Considera se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu accetti la cookie policy.