Investire nel Forex

Il forex ovvero il foreign exchange market, nonché mercato valutario, consiste nello scambio di una valuta con un’altra e la speculazione sulla variazione di prezzo che intercorre attraverso tale scambio.

Il mercato valutario denominato forex è senza dubbio il più grande tra i mercati finanziari mondiali. Parliamo di scambi monetari giornalieri superiori ai 2000 miliardi di dollari.

Tramite questo strumento finanziario speculano sia le grandi banche d’investimento sia i trader retail (piccoli investitori). I piccoli trader, professionisti e non, possono accedere al mercato forex solamente attraverso i broker di trading online.

Forex: le origini

La nascita del mercato forex avviene nel 1971 grazie all’abbandono degli accordi di Bretton Woods. Tali accordi infatti impedivano infatti qualsiasi speculazione sui mercati valutari imponendo dei tassi di cambio fissi tra tutte le valute mondiali e il dollaro statunitense.

Negli anni 80 l’utilizzo dei computer rese i trasferimenti internazionali di capitale molto più rapidi e questo cambiò notevolmente il settore rendendo i volumi di scambio e la volatilità esponenzialmente più elevata. I broker attuali scambiano milioni di dollari in pochissimi secondi.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKERVANTAGGIDEPOSITO MINIMOAPERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Forex: funzionamento del mercato valutario

Ogni transazione effettuata sul mercato valutario prevede contestualmente la vendita di una valuta (detta anche divisa) e l’acquisto di un’altra. Questo è il motivo per cui si parla di coppie valutarie nel mercato forex.

La coppia euro dollaro viene espressa come EUR/USD. In questo caso, per fare un esempio e chiarire maggiormente alcuni concetti fondamentali del forex, possiamo dire che la valuta EUR è la valuta principale o di base invece, in questo caso, la valuta USD è quella denominata secondaria o controvaluta. Quindi, aprire una posizione significherà acquistare o vendere una quantità di controvaluta in funzione del tasso di cambio.

Forex: quotazioni sulle piattaforme dei broker 

Quando siamo all’interno della piattaforma di un broker forex notiamo che sulle coppie valutarie i tassi di cambio vengono espressi secondo la forma (ad esempio) EUR/USD 1.3785/13788: cosa indicano questi importi? Il prezzo di sinistra è indicato come prezzo “denaro” o bid, ovvero il prezzo al quale il trader acquisterebbe in quel dato momento la coppia di valute in esempio; il prezzo sulla destra, definito come prezzo ask o “lettera” è il prezzo al quale il trader venderebbe sempre in quel momento la coppia valutaria.

Lo spread è dato quindi dalla differenza dalla differenza tra prezzo bid e prezzo ask (oppure tra denaro e lettera) e tale differenziale in questo caso è pari a 0.0003: lo spread è il guadagno della piattaforma di trading online per ogni operazione. Per convenzione vengono eliminati gli zeri e lo spread viene definito in pip (point in price o percentage in point) per cui in questo esempio, per aprire un operazione pagheremo 3 pips di spread.

Visti gli ampi volumi di trading, le quotazioni nel forex vengono espressi sino alla quarta o quinta cifra decimale.

Forex: le diverse tipologie di contratto

Esistono tre forme di contratto attraverso cui vengono effettuate tutte le operazioni di forex trading.

Contratti Spot

In questo tipo di contratto denominato spot le parti si accordano al fine di effettuare una compravendita di valute in funzione del prezzo del mercato corrente.

Contratti Forward

Questi sono definiti come contratti a termine in cui lo scambio valutario viene stipulato un dato prezzo al quale la valuta A dovrà essere scambiata con la valuta B. Un contratto forward può essere aperto (senza data di scadenza) o a scadenza (in questo caso viene definito un tempo limite entrò il quale il contratto deve essere eseguito poiché dopo tale data lo stesso contratto verrà automaticamente annullato.

Contratti Future

I future sul forex sono una tipologia di contratto in cui viene prestabilita una compravendita di valute ad un prezzo definito in una data specifica. La differenza tra i contratti forward e i contratti future è data dal fatto che i future prevedono un vincolo per le parti che prevede l’obbligo dello scambio di valute entro la scadenza predefinita.

Forex: classificazione delle coppie valutarie

Anche se tendenzialmente si possono scambiare tutte le valute mondiali con un’altra, vi sono alcune coppie di valute che ottengono un volume di scambio giornaliero notevolmente maggiore rispetto ad altre. Da ciò ne dipende la seguente classificazione:

  • coppie fx maggiori;

  • coppie fx minori;

  • coppie fx esotiche.

Le coppie valutarie maggiori (ad esempio euro/dollaro statunitense, o dollaro statunitense/franco svizzero) rappresentano l’85% circa degli scambi giornalieri sul mercato forex. Essendo coppie che prevedono maggiore liquidità e maggiore volume di scambio lo spread che offrono i broker sulle coppie maggiori è particolarmente basso.

Le coppie valutarie minori, definite anche cross, sono coppie che non presentano scambi con il dollaro statunitense per cui ad esempio troviamo euro/franco svizzero o sterlina/yen giapponese.

Le coppie valutarie definite esotiche invece son quelle che interessano tutti i mercati emergenti e quindi tutte quelle che prevedono volumi di scambio particolarmente bassi e allo stesso tempo bassa liquidità. Esempi di coppie esotiche sono dollaro statunitense/peso messicano o dollaro statunitense/lira turca.

Forex: quotazioni e andamento delle coppie valutarie

Il mercato forex è ovviamente influenzato da alcuni fattori che hanno un forte peso nella quotazione di una valuta di un determinato paese. Analizzando a fondo gli andamenti storici delle coppie valutarie è evidente che fattori macroeconomici, microeconomici, l’inflazione, i tassi d’interesse, i deficit della nazione, il debito pubblico e la stabilità politica di un paese sono tra i principali “attori” nell’andamento delle quotazioni del mercato forex. E’ bene quindi consultare ogni giorno il calendario economico che forniscono i principali broker di trading online in quanto ciò ci consentirà di fare delle previsioni più accurate sull’andamento del mercato forex.

Forex: gli orari di trading

Vediamo adesso quali sono gli orari di apertura e chiusura del forex a livello globale e capiamo come sono organizzati e quali sono le diverse sessioni di trading forex.

All’interno dell’immagine sottostante troviamo descritte le varie sessioni e gli orari in cui apre e chiude ogni borsa di riferimento nel mercato forex:

forex: orari di trading

Come si può notare grazie alla decentralizzazione del mercato forex si può fare trading sulle coppie valutarie 24 ore su 24 tranne il sabato e la domenica.

Visti gli orari potremmo affermare che fare trading sul forex non è un gioco e che può rappresentare un vero e proprio lavoro.

Tra le varie sessioni di scambi forex possiamo affermare che la sessione asiatica è quella che non registra movimenti particolarmente importanti a meno che il calendario economico di riferimento non preveda eventi davvero significativi. La sessione europea è quella in cui viene effettuato il maggior numero di scambi nel mercato forex in quanto a Londra troviamo le sedi principali delle maggiori banche a livello mondiale. La sessione americana, seconda soltanto alla precedente, prevede fondamentalmente alti livelli di scambio solamente negli orari in cui anche nel mercato europeo vengono scambiate coppie di valute.

Sommario
Investire nel Forex
Nome Articolo
Investire nel Forex
Descrizione
✅Scopri cos’è e come fare forex trading sulle coppie di valute mondiali. Cambi giornalieri, previsioni e tutti i dettagli sul foreign exchange! ✅
Autore
Sito Editore
TradingCenter.it
Logo Editore