Il comitato giudiziario della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha scritto ai grandi quattro giganti della tecnologia – Facebook, Amazon, Apple e Google – chiedendo informazioni complete sulle sue strutture finanziarie e 10 anni di e-mail tra i massimi dirigenti. Il comitato bi-partitico sta raccogliendo i dati nell’ambito dell’indagine sulla concorrenza nel settore tecnologico, prima di tenere udienze e tavole rotonde.

Troppi quesiti irrisolti

Alcune delle informazioni richieste sono roba copia-incolla monotone come elenchi di prodotti e servizi, concorrenti percepiti e le società che hanno acquistato, organigrammi delle divisioni aziendali e copie di documenti precedentemente forniti in risposta a precedenti indagini antitrust. Ma l’enorme mole coinvolge la comunicazione interna tra i senior manager in merito a specifici problemi di concorrenza. Ad esempio, il comitato sembra interrogare Amazon sull’acquisizione di Audible, Blink e AbeBooks, tra gli altri, e se le conversazioni interne che hanno portato alle decisioni di acquisto si basavano su qualsiasi minaccia competitiva che avrebbero potuto rappresentare.

In un altro esempio, Alphabet è in fase di test sull’acquisto di dispositivi simili a Android e YouTube e se le app e i servizi non Alphabet godono della stessa visibilità nella ricerca di Google e nel Play Store. In effetti, le lettere del comitato elencano per nome app specifiche che sono state rimosse o limitate da Google Play, Facebook e App Store di Apple, volendo vedere il ragionamento alla base della loro rimozione. Jerrod Nadler, presidente della commissione, ha recentemente dichiarato che vi sono prove crescenti che una manciata di società è arrivata a catturare una quota fuori misura del commercio e delle comunicazioni online.

Impossibile usare Internet senza i colossi

Il presidente ha continuato sostenendo che è sempre più difficile utilizzare Internet senza fare affidamento su questi servizi. I documenti richiesti forniranno al Comitato una migliore comprensione del grado in cui questi intermediari godono del potere di mercato, di come stanno usando quel potere di mercato, se stanno usando il loro potere di mercato in modi che hanno danneggiato i consumatori e la concorrenza e come il Congresso dovrebbe rispondere.

Doug Collins, membro del ranking della commissione giudiziaria della camera ha affermato che queste informazioni sono fondamentali per aiutare a stabilire se si stanno verificando comportamenti anticoncorrenziali, se le agenzie di contrasto antitrust dovrebbero indagare su questioni specifiche e se le leggi antitrust debbano essere migliorate per promuovere meglio la concorrenza nei mercati digitali. Le richieste formali di informazioni sono state inviate venerdì indirizzate personalmente a Mark Zuckerberg su Facebook, Jeff Bezos su Amazon, Tim Cook su Apple e Larry Page su Alphabet. Spaventosamente per coloro che lavorano nei dipartimenti degli archivi, il comitato vuole che tutti i documenti vengano forniti entro il 14 ottobre. Se dovesse essere vera questa indagine, investire in azioni sarebbe rischioso e quindi è consigliato attendere.

Altri articoli dello stesso autore:

Piattaforma: 24option

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

Recensione

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

Recensione

*Terms and conditions apply

Condividi l'articolo con i tuoi amici
error

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.