Apple (AAPL.O), Alphabet (GOOGL.O), Amazon (AMZN.O) e Facebook (FB.O), che insieme rappresentano circa un quinto del valore totale dell’S&P 500, riporteranno i loro risultati trimestrali giovedì. Per chi ha scelto di investire in azioni nel settore tecnologico, si tratta di un momento cruciale. Le azioni di queste aziende, attualmente, sono scambiate vicino ai massimi record. Tuttavia, il gruppo deve affrontare un crescente controllo antitrust potenzialmente pericolo per le attività di ognuna delle compagnie.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Big tech, la situazione attuale sul mercato e sui controlli

Le Azioni Amazon e le Azioni Apple sono aumentate, rispettivamente, del 74% e del 57% quest’anno, superando di gran lunga il guadagno del 5% dell’S&P 500. La pandemia di coronavirus ha accelerato le tendenze verso lo shopping online, lo streaming video e altre tecnologie che hanno aiutato le più grandi aziende di Wall Street a prendere ulteriori quote di mercato dai rivali più piccoli .

Il gruppo dei Big Tech, per anni, è stata criticato per aver soffocato la concorrenza. Ora, gli investitori sono alla ricerca di segnali che i colossi in questione abbiano esteso il loro vantaggio durante la pandemia. Tuttavia, le nubi temporalesche antitrust, negli ultimi mesi, sono aumentate.

Un pungente rapporto di un gruppo della Camera dei Rappresentanti, pubblicato questo mese e che dettaglia gli abusi del potere di mercato da parte delle grandi aziende tecnologiche, suggerisce una strada difficile da percorrere, per il gruppo, se il candidato presidenziale democratico Joe Biden, che è in testa nei sondaggi, vincesse le elezioni del 3 novembre.

A tal proposito, Dan Morgan, investitore presso Synovus Trust, ha affermato che:

Sembra esserci molta premura e desiderio non solo di multare queste aziende, ma potenzialmente di cambiare il modo in cui svolgono la loro attività. In passato, ci sono state molte dichiarazioni a parole, ma ora stiamo iniziando a vedere alcune posizioni piuttosto attive.

Morgan si aspetta che le aziende sopra menzionate inizino a risparmiare per pagare potenziali multe future.

Apple, Alphabet, Amazon e Facebook hanno un valore di mercato azionario combinato di $ 5,5 trilioni, rispetto alla capitalizzazione di mercato di $ 29 trilioni dell’S&P 500.

Gli utili

I rapporti trimestrali del gruppo arriveranno in un contesto di turbolenza. Nella seduta di ieri, l’S&P 500 ha registrato il più grande calo giornaliero in quattro settimane. Il numero ancora vertiginoso dei casi di coronavirus e l’incertezza su una legge di sgravio fiscale a Washington stanno offuscando le prospettive di una ripresa economica.

Secondo i dati I/B/E/S di Refinitiv, gli utili per azione del settore tecnologico S&P 500 sono aumentati dello 0,3% nel terzo trimestre.

Gli analisti si aspettano che le società dell’S&P 500 vedranno un calo aggregato del 16,7% nei loro utili del terzo trimestre, poiché l’economia statunitense è rimasta paralizzata dalla pandemia.

Il rapporto del trimestre di settembre di Amazon rappresenterà probabilmente una sorta di “quiete prima della tempesta”. Il rivenditore online è in procinto di costruire più centri di distribuzione, in previsione di un’intensa stagione di acquisti natalizi.

Anche Twitter riporterà i suoi dati finanziari giovedì, con gli analisti che, in media, si aspettano un calo delle entrate del 9%. Il ribasso è dovuto principalmente alle pubblicità, con gli inserzionisti che, danneggiati dalla pandemia, spendono meno.

Infine, gli esperti prevedono che il rapporto di Apple di giovedì rifletta un calo dello 0,5% delle entrate, a 63,7 miliardi di dollari, e l’utile netto dell’11,2% a 12,1 miliardi di dollari. Tuttavia, i trader concentrati sulle Azioni Apple rimangono più interessati alle prospettive di vendita del nuovo iPhone e sulla crescita dei ricavi derivanti da app, giochi e streaming video e musica.

Altri articoli dello stesso autore: