Nel suo ultimo intervento, la Federal Reserve ha intaccato le speranze di stimolo degli investitori. Per chi ha scelto di investire in azioni, lo scenario rimane negativo, con un’insistente pressione in particolare sui titoli tecnologici. Complice anche il tiro alla fune tra USA e Cina su TikTok. Sul fronte europeo, pesa invece il disastro nelle vendite per il settore automobilistico. Il coronavirus ancora imperversa nel mondo, con gravi conseguenze sanitarie ed economiche. In questo contesto, da evidenziare un dollaro meno debole che sembra risvegliarsi.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250€

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200€

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10€

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Gli eventi della notte: la Fed e la guerra tecnologica

Gli investitori globali guardano con interesse anche agli interventi della Banca del Giappone e della Banca d’Inghilterra. Tuttavia, il trend delle contrattazioni odierne sembra essere più influenzato dall’intervento della Federal Reserve statunitense e dalla pressione sul settore tecnologico.

In particolare, la FED ha esteso i tassi correnti, e dunque ha deciso di lasciarli invariati, fino al 2023. L’obiettivo è che il PIL USA raggiunga i livelli pre pandemici entro il 2021, piuttosto che nel 2022.

Dopo l’intervento della banca centrale statunitense, nel Forex il dollaro è rimbalzato contro tutte le principali valute rivali, registrando il suo miglior rialzo giornaliero in una settimana. Il cambio EUR/USD si è riportato sotto quota 1,18.

Sul fronte azionario, le azioni tecnologiche hanno perso l’1,6%. Il calo è avvenuto dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sentenziato che, affinché il Governo dia il via libera all’acquisto dei servizi di TikTok USA, ByteDance (azienda cinese proprietaria della famosa app) non dovrà mantenerne il controllo.

La battaglia del tycoon contro Pechino prosegue senza esclusione di colpi. Tutti i pesi massimi cinesi quotati a New York sono crollati, compreso il Titolo Alibaba, sceso del 4% durante la notte.

Il commento degli analisti

Da segnalare anche il crollo bancario, ma soprattutto del settore automobilistico. Le azioni Volkswagen, quelle di Renault e di PSA Group sono scese tra il 2,5% e il 3%. I dati del settore hanno mostrato che le vendite di auto europee sono diminuite del 17,6% ad agosto.

Gli analisti hanno sottolineato la forte delusione di tutti gli investitori che si aspettavano maggiori input dalla politica monetaria della Fed.

Inoltre, i mercati globali hanno rilevato che il rafforzamento del dollaro ha inflitto qualche danno anche ai mercati emergenti. La lira turca ha toccato il suo minimo storico, l’Argentina ha annunciato nuovi controlli sui capitali e le valute dell’Europa orientale hanno registrato ribassi per il terzo giorno consecutivo.

E ancora, il più ampio indice MSCI di azioni Asia-Pacifico, al di fuori del Giappone, ha perso l’1% durante la notte dopo cinque giorni consecutivi di guadagni. Il Nikkei giapponese ha invece perso lo 0,6%.

In sostanza, secondo gli esperti, le azioni high-tech erano ipercomprate e ora gli investitori stanno assistendo ad una correzione inevitabile. La politica della Fed sarebbe solo un ulteriore fenomeno scatenante del calo del comparto azionario, che si sarebbe verificato comunque. Tuttavia, ragionare a lungo termine in un contesto sociale, politico ed economico così incerto non può che essere una strategia fallimentare.

Altri articoli dello stesso autore: