Mattinata all’insegna di un significativo cambio di marcia per i trader che hanno scelto di investire in Azioni. Tutte le Borse Europee registrano un calo, oggi venerdì 28 agosto. Gli investitori sembrano aver abbandonato il carro dei recenti vincitori, in particolare i titoli tecnologici e del settore sanitario. In aumento, invece, le azioni bancarie, dopo che la Federal Reserve statunitense ha svelato il suo nuovo quadro politico.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250€

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200€

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10€

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

I dati di oggi

L’indice paneuropeo STOXX 600 è attualmente in calo dello 0,6%. I titoli tecnologici, che sono aumentati di circa l’11% quest’anno, sono scesi dell’1,1% durante le prime ore di contrattazioni di oggi. L’indice del settore sanitario è sceso invece dello 0,8%.

Il settore bancario, maggiormente influenzato dai tassi di interesse e che, negli ultimi mesi, era rimasto indietro rispetto ad altri settori, è invece in aumento dello 0,3%.

L’intervento di ieri del numero uno della Federal Reserve sembra aver cambiato gli equilibri del mercato. Jerome Powell ha infatti annunciato un nuovo quadro politico, che si concentra maggiormente sul rilancio della crescita economica e meno sulle preoccupazioni che l’inflazione possa essere troppo alta.

Nel frattempo, un altro disastro annunciato nel comparto aereo, con il titolo di Norwegian Air crollato dell’8,6%. Il vettore low cost ha dichiarato di aver bisogno di maggior denaro per resistere alla crisi generata dalla pandemia COVID-19, dopo le gravi perdite economiche per la prima metà del 2020.

Il nuovo approccio politico della Federal Reserve

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, è intervenuto ieri alla conferenza annuale di Jackson Hole, convocata dalla Fed di Kansas City, che quest’anno si è svolta virtualmente a causa del COVID-19.

Nel tanto atteso discorso, Powell ha presentato una serie di modifiche chiave al modo in cui la Fed affronterà la disoccupazione e l’inflazione.

In particolare, Powell ha definito la mossa della banca centrale USA come un robusto aggiornamento dell’approccio già in atto. La nuova strategia consentirà a periodi di maggiore inflazione di supportare ampi obiettivi di mercato.

La politica rivista della FED consentirà il targeting dell’inflazione media, il che significa che l’inflazione potrà aumentare moderatamente al di sopra dell’obiettivo a lungo termine del 2%, se necessario per bilanciare lunghi periodi di livelli inferiori al 2%.

La Fed ha mantenuto per anni un obiettivo di inflazione del 2%, ma è rientrata regolarmente sotto tale obiettivo per gran parte dell’ultimo decennio. Lunghi periodi di bassa inflazione sono visti dalla maggior parte degli economisti come un freno alla vitalità economica.

Powell ha confermato che la nuova strategia è stata approvata all’unanimità dal Federal Open Market Committee.

Gli analisti ritengono che i cambiamenti annunciati renderanno meno probabile che la Fed aumenti i tassi di interesse, se la disoccupazione diminuisce, purché livelli di occupazione più elevati non influenzino l’inflazione. Ciò significa che i tassi di interesse rimarrebbero più bassi e più stabili nel lungo termine.

Le osservazioni di Powell sono ritenute da alcuni esperti come un segnale che la banca centrale non frenerà la rapida crescita economica durante la crisi del COVID-19.

Altri articoli dello stesso autore: