eBay potrebbe aver iniziato ad agire sulla truffa dell’indirizzo di pagamento e-mail PayPal su cui sono caduti vittime numerosi venditori. Uno degli ultimi venditori di eBay a scoprire che sono stati truffati ha scoperto che eBay stava rimborsando le tasse prima di scoprire che erano stati truffati. Venerdì, Roshni di Style It Up UK ha lasciato un commento su Tamebay chiedendo se qualcuno fosse riuscito a recuperare i fondi rubati o fosse stato coperto da eBay per le perdite.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKERVANTAGGIDEPOSITO MINIMOAPERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Inizialmente era una storia familiare

Un hacker ha cambiato l’indirizzo e-mail di pagamento PayPal e i fondi delle vendite future sono stati deviati al truffatore. Sono stati verificati oltre £ 300.000 di perdite da circa 18 account eBay. La perdita media è di circa £ 16,5k con la più grande che sappiamo essere di £ 70k. Nel caso di Roshni la perdita era di circa £ 4k. Il primo punto da notare è che Roshni utilizza le Regole aziendali di eBay e l’hacker, avendo ottenuto l’accesso all’account eBay Style It Up ha aggiunto una nuova regola aziendale con il falso indirizzo eBay.

Il resto della truffa ha seguito il metodo ormai normale di registrazione di un indirizzo e-mail scambiando solo una lettera dell’indirizzo e-mail originale per rendere più difficile individuare la truffa. Sentiamo costantemente persone dire che i venditori interessati avrebbero dovuto individuare la truffa, che in questo caso è iniziata nell’aprile 2019 ed è stata scoperta nell’agosto 2019. Tuttavia è quasi impossibile per la maggior parte delle aziende conciliare le vendite di eBay con i pagamenti di PayPal, i venditori esperti su eBay sapranno che la prima priorità di ogni giorno è quella di raccogliere, imballare e spedire le vendite e se eBay afferma che un ordine è stato pagato per i venditori si fida che eBay abbia ragione.

Un caso unico

Il secondo punto che rende unico questo caso è che eBay ha iniziato a rimborsare le tasse intorno al 6 agosto. Roshni se ne rese conto solo una settimana dopo quando, avendo scoperto la frode quando cercava di rimborsare una vendita in cui il truffatore aveva rubato i fondi, telefonò a eBay. eBay ha quindi rivelato di essere ben consapevole che i proventi delle vendite erano andati a un truffatore e le ha detto che avevano già rimborsato le tasse.

Quello che eBay non ha fatto è stato, dire a Roshni che era stata truffata e aveva perso migliaia di sterline. eBay aveva inviato un’e-mail il 7 agosto affermando di ritenere che l’account fosse stato utilizzato in modo fraudolento. eBay ha forzato un ripristino della password di eBay e ha scollegato il conto PayPal associato.

Paypal è un conto sicuro

Per una società di pagamenti come Paypal, queste notizie potrebbero far perdere molta fiducia agli investitori e per le azioni Paypal potrebbe essere un grande danno. In generale, il collegamento conto PayPal è solo per consentire a eBay di riscuotere le commissioni eBay e ciò che eBay non ha fatto è stato rimuovere la regola commerciale fraudolenta con l’indirizzo falso PayPal. In effetti, quando parlavano con il supporto eBay, sembravano inconsapevoli dell’esistenza di Business Rules per impostare l’indirizzo e-mail di pagamento PayPal.

Forse l’aspetto più interessante di questo caso è che eBay lo ha scoperto e ha iniziato a rimborsare le commissioni del venditore per le transazioni in cui i proventi sono stati rubati. eBay sta iniziando a scansionare gli account venditore specificatamente per raccogliere questa frode, come se fosse un grande passo avanti. Chi ricevesse un’email che dice che le tasse sono state rimborsate per l’uso non autorizzato del tuo account, questo dovrebbe far suonare le campane di allarme. Non basta limitarsi a proteggere il proprio account, ma è essenziale controllare immediatamente la presenza di indirizzi e-mail falsi.

Altri articoli dello stesso autore:

Condividi l'articolo con i tuoi amici
error