Le azioni nei principali mercati azionari asiatici sono per lo più chiuse in rialzo venerdì. Nel frattempo, il commercio cinese con gli Stati Uniti è diminuito nella prima metà dell’anno, in un vicolo cieco tra i due colossi economici. Il Nikkei 225 in Giappone ha chiuso in rialzo dello 0.2%, mentre l’indice Topix è sceso dello 0,15%. In Corea del Sud, la Kospi ha avanzato lo 0,29%. L’ S & P / ASX 200 australiano è scivolato dello 0,29% chiudendo a 6.696,50.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

68% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Capex

Deposito: 100$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

69% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Spread Ridotti

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

71% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Le azioni asiatiche si riprendono lentamente

Le azioni della Cina continentale sono aumentate, con il composito di Shanghai in rialzo dello 0,44% a 2.930,55 e il composito di Shenzhen in rialzo dello 0,506% a 1.556,77. Anche la componente di Shenzhen ha guadagnato lo 0,66% chiudendo a 9.213,38. L’indice Hang Seng di Hong Kong ha aggiunto lo 0,23%, a partire dall’ultima ora di negoziazione. Complessivamente, l’indice più ampio di MSCI delle azioni Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è diminuito leggermente.

I dati di venerdì mostrano che le esportazioni cinesi in dollari sono diminuite dell′1,3% a giugno rispetto a un anno fa, mentre le importazioni sono diminuite del 7,3% nello stesso periodo. Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano che le esportazioni cinesi di giugno siano diminuite del 2% rispetto a un anno fa, mentre le importazioni avrebbero dovuto contrarsi del 4,5% rispetto all’anno precedente. Nella prima metà dell’anno, il commercio totale della Cina con gli Stati Uniti è diminuito del 9%, hanno mostrato dati doganali.

Singapore in forte crisi

Il prodotto interno lordo a Singapore è sceso del 3,4% nel periodo aprile-giugno rispetto al trimestre precedente su base annualizzata e destagionalizzata, secondo i dati preliminari pubblicati venerdì . Quelle aspettative ampiamente mancate di un aumento dello 0,1% trimestre su trimestre da un sondaggio Reuters. Rispetto a un anno prima, il PIL è cresciuto dello 0,1% nel secondo trimestre, la crescita anno su anno più lenta dal secondo trimestre del 2009, anche meno della previsione di un aumento dell′1,1% in un sondaggio Reuters.

Nonostante la stampa dei dati peggiore del previsto, i mercati di Singapore si sono ripresi dal precedente slittamento, con lo Straits Times Index scambiato dello 0.1% più alto nel pomeriggio. Sian Fenner , capo economista dell’Asia presso Oxford Economics, ha dichiarato che questo è abbastanza brutto, inoltre ha affermato he lui e il suo team stava cercando una contrazione negativa (trimestre su trimestre) dato che i numeri di produzione erano così deboli, hanno visto anche le cifre sull’esportazione, ma questa è stata una grande mancanza”. Singapore sta flirtando davvero con la recessione ora, ha detto Fenner.

Materie prime in forte aumento

L’ indice del dollaro USA , che replica il biglietto verde contro un paniere dei suoi pari, era a 96.913 dopo aver toccato un precedente massimo di 97.116. Lo yen giapponese ha scambiato a 108,34 contro il dollaro dopo essersi indebolito da livelli inferiori a 108,0 nella sessione precedente, mentre il dollaro australiano ha cambiato mano a $ 0,6999 dopo aver negoziato sotto $ 0,695 all’inizio della settimana. I prezzi del petrolio sono aumentati nel pomeriggio delle ore di trading asiatiche, con il benchmark internazionale dei future sul greggio del Brent che ha aggiunto lo 0,78% a $ 67,04 al barile ei future sul greggio USA sono aumentati dello 0,73% a $ 60,64 al barile. Le materie prime attualmente tendono tutte al rialzo e questo può offrire molte opportunità di investimento.

Altri articoli dello stesso autore:

Il nostro voto

Il 68-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo con la nostra cookie policy che puoi leggere qui.