I trader interessati a comprare azioni europee, oggi, sono alle prese con un mercato piatto, dopo un’apertura lievemente al ribasso. Nella giornata di ieri, nel suo attesissimo intervento, la Banca Centrale Europea è stata meno accomodante del previsto sugli stimoli fiscali all’economia dell’Unione. Anche le crescenti prospettive di una Brexit senza accordo hanno mantenuto il sentimento di rischio piuttosto contenuto.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Europa stretta tra Brexit e BCE

L’UE sta intensificando i preparativi per un finale tumultuoso della saga quadriennale della Brexit. Gli alti funzionari si preparano ad informare i 27 membri europei in merito al piano del primo ministro britannico Boris Johnson, intenzionato a rompere le trattative di divorzio.

In questo contesto, l’indice paneuropeo STOXX 600 rimane stabile e si appresta a concludere la settimana al rialzo. Deboli i principali indici di settore, dopo che la BCE ha mantenuto i tassi di interesse stabili,affermando di osservare attentamente l’euro.

Le flessioni più ampie sono state registrate nelle scorte di petrolio e gas a causa del calo dei prezzi del greggio.

Nel comparto azionario, nella stabilità generale, spicca il balzo del 17,3% Aryzta (ARYN.S), azienda svizzera che commercia prodotti surgelati da forno. La compagnia ha dichiarato di essere in trattative avanzate con la società di private equity Elliott Advisors per un accordo di acquisizione.

Il capo economista della BCE mette in guardia gli investitori sulla ripresa

Scrivendo un post sul suo blog, il giorno dopo che la Banca centrale europea ha lasciato invariata la sua politica e revocato le previsioni su crescita e inflazione, Philip Lane, capo economista della Banca centrale europea, ha avvertito che l’impatto deflazionistico della recessione derivante dal Covid non è stato bandito.

In particolare, nello scritto si legge che:

L’inflazione rimane molto al di sotto dell’obiettivo e ci sono stati solo progressi parziali nella lotta all’impatto negativo della pandemia sulle dinamiche di inflazione previste. Dovrebbe essere assolutamente chiaro che non c’è spazio per l’autocompiacimento.

Immediato il commento di diversi analisti che sostengono che la ripresa economica, dunque, è lungi dall’essere garantita. Le aspettative di inflazione aumenteranno lentamente e la BCE potrebbe dover fare di più per garantire condizioni finanziarie più accessibili.

Allo stesso tempo, le relazioni tra l’Unione europea e la Gran Bretagna si stanno deteriorando. Il Regno Unito sta pianificando di redigere una legge per rompere il trattato di divorzio tra i due organismi, una mossa che probabilmente affonderebbe quattro anni di colloqui sulla Brexit.

I dati di venerdì hanno mostrato che l’economia britannica è cresciuta del 6,6% a luglio da giugno, più o meno come previsto.

Cambio Euro Dollaro oggi 11 Settembre

Sul fronte Forex, la coppia EUR/USD viaggia in salita dello 0,36%, a quota 1.1856. Il prezzo si sta riprendendo dopo il calo di ieri a seguito dell’intervento della BCE.

Su dodici mesi, la moneta unica si è apprezzata, rispetto al biglietto verde, del 7,51%, con il massimo di 52 settimane di 1.186. La coppia si avvia verso un periodo ricco di evento che potrebbero generare alta volatilità sulla quotazione, in particolare le prossime elezioni USA del 3 Novembre.

Altri articoli dello stesso autore: