Nuovo capitolo UBI – Intesa Sanapaolo, con il testimone che ora passa nelle mani dei soci dell’istituto bergamasco. I traders interessati ad investire in Azioni UBI dovranno attendere fino alla fine di luglio, per la decisione definitiva sull’offerta pubblica di Intesa. Nel frattempo, la quotazione della banca di Bergamo ha chiuso in rialzo del 4,20% l’ultima seduta di mercato, portandosi a quota 3.2030. Da Marzo, seppur molto lentamente, il trend è proseguito sempre in salita. La variazione su 1 anno è in positivo del 22,39%, mentre il massimo di 52 settimane è ora a 4.51.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Azioni Ubi e il piano industriale al 2022

A partire da ieri, 6 Luglio, ed entro il 28 Luglio, gli azionisti di Ubi banca dovranno decidere se accettare o respingere l’offerta di pubblico scambio (OPS) di Intesa. Dopo il primo giorno, l’adesione è allo 0,171% del capitale (pari a 1.961.815 azioni).

Nel frattempo, nella giornata di Venerdì, è stato presentato il piano industriale di Ubi al 2022.

Il cda dell’istituto bergamasco ha incluso nel piano 840 milioni di dividendi. L’assemblea si è anche espressa a sfavore dell’Offerta di Intesa, definendola non conveniente.

La Banca Torinese guidata da Carlo Messina ha immediatamente replicato che i vantaggi che deriverebbero dall’operazione, per tutti gli azionisti, sono molto più alti rispetto alle stime dichiarate dal Consiglio di Ubi.

Dopo il parere degli azionisti, spetterà all’Antitrust pronunciare il proprio verdetto entro il 30 Luglio.

Nel frattempo, il piano industriale UBI è piaciuto ai traders che hanno sostenuto il Titolo nella seduta di ieri. Si tratta di una revisione del piano presentato a Febbraio, prima della crisi generata dal coronavirus in Italia.

Tutte le linee strategiche di febbraio sono state confermate. In una nota, la società ha affermato di aver potuto affrontare l’emergenza Covid19 con la tranquillità di una situazione patrimoniale solida (CET1 ratio superiore al 12,5%).

L’istituto ha dichiarato crediti ad alto rischio per il 2,7% e crediti deteriorati ridotti, al 7,5%.

Rispetto alla prima versione del piano industriale, gli utili sono stati rivisti a 562 milioni al 2022, in ribasso rispetto ai 665 milioni previsti originariamente. Cresce anche il monte dividendi, ulteriore segnale del valore della banca.

Intesa difende i termini di acquisizione di Ubi

Mentre l’Ops entra nel vivo, l’istituto torinese mostra di volere a tutti costi portare a termine l’operazione.

Venerdì, il consiglio di amministrazione di UBI ha respinto l’offerta, che durerà fino al 28 luglio, affermando di non rilevare vantaggi adeguati per i propri azionisti.

Intesa ha offerto 1,7 delle proprie azioni per ciascun titolo UBI, valutando la quinta banca italiana per 3,5 miliardi di euro ($ 4 miliardi), in calo rispetto ai 4,9 miliardi stimati prima che il Covid19 colpisse l’Italia.

Per coloro che sono alla ricerca di Titoli da giocare in Borsa, quelli Intesa Sanpaolo e Ubi vanno verso un’appetibilità molto alta, man mano che si avvicina il responso finale dell’Ops.

Altri articoli dello stesso autore: