Dalla sua fondazione 27 anni fa, Amazon ha sempre avuto ottime motivazioni per le sue strategie, vantando una logica commerciale e finanziaria senza pari. Non a caso, investire in Azioni Amazon è diventata una delle attività di trading online più diffuse al mondo.

Amazon ha sempre scommesso sul potere del razionale, attraverso un processo decisionale orientato all’economia.

Tuttavia, quando si tratta dello split di azioni, Amazon sembra evitare il pensiero logico per fare affidamento sulla saggezza popolare.

Per essere chiari, Amazon non ha annunciato uno split di azioni. Ma si vocifera da settimane che potrebbe farlo, con il titolo scambiato a quasi $ 3.300. Gli analisti riflettono sul fatto che se Amazon seguirà la strada del frazionamento, le sue motivazioni potrebbero essere di natura non finanziaria.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: OBRInvest

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: LiquidityX

Deposito: 250$

Licenza: HCMC

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Perché le aziende dividono le loro azioni?

In passato, quando gli investitori compravano azioni da agenti di cambio, le società di tanto in tanto dividevano le loro azioni. Lo scopo era raddoppiare, o talvolta triplicare, il loro numero di azioni e dare agli investitori una o più nuove azioni per ogni azione che possedevano.

Il costo per la società era minimo. Inoltre, frazionare il valore delle azioni le rendeva più convenienti per gli investitori ordinari intimiditi dai prezzi elevati. Prezzi più bassi significavano anche commissioni di intermediazione più basse per gli investitori al dettaglio. Le azioni a basso costo significavano più acquirenti. In sostanza, una buona strategia per dare slancio finanziario alla propria attività.

Questa pratica, tuttavia, ha sempre meno senso in quanto gli investitori possiedono sempre più azioni in aggregato, attraverso fondi comuni di investimento o ETF, acquistano frazioni di azioni e le scambiano elettronicamente su piattaforme senza commissioni. Di conseguenza, lo split di azioni è diminuito costantemente negli ultimi 20 anni. Secondo uno studio di Morgan Stanley, nel 2000 ci sono stati 60 frazionamenti o frazionamenti inversi – una manovra in cui le aziende con prezzi molto bassi dimezzano il conteggio delle azioni per raddoppiare i loro prezzi – e meno di 10 lo scorso anno.

Le aziende, però, continuano a sperare che uno split possa spargere un po’ di polvere di fata sui prezzi delle loro azioni. Effettivamente, poiché gli investitori sono consapevoli del vantaggio storico dei frazionamenti azionari, le azioni continuano a muoversi quando le società annunciano uno split. Sempre secondo Morgan Stanley, che ha esaminato 450 società che hanno frazionato le loro azioni negli ultimi 20 anni, tali società superano l’S&P 500 per una media del 2,4% dopo l’annuncio della loro intenzione di frazionare, e poi del 4,7% per sei mesi dopo la data effettiva. Tuttavia, tale vantaggio è diminuito negli ultimi anni.

Perché Amazon vuole frazionare le sue azioni?

È difficile sostenere che le azioni Amazon siano sottovalutate o che un prezzo più basso potrebbe attirare più interesse da parte dei trader. Con la terza capitalizzazione di mercato più alta al mondo, Amazon è sempre al centro del mercato. Il 1 marzo, il titolo Amazon era il decimo più detenuto su Robinhood.

Una possibile motivazione per Amazon sarebbe l’ingresso nel Dow Jones Industrial Average, il gruppo di 30 azioni blue chip utilizzato come punto di riferimento per il mercato azionario più ampio per oltre un secolo.

Poiché il Dow è un indice ponderato in base al prezzo, non ammette società con quotazioni azionarie molto elevate che influenzerebbero la ponderazione. L’appartenenza al Dow segnala che un’azienda fa parte di un club di istituzioni consolidate e stabili e questo può essere interessante per Amazon. Tuttavia, dato che Amazon è più grande di quasi tutte le società del Dow (tranne Apple e Microsoft), non è chiaro quali vantaggi ne ricaverebbe l’azienda.

Inoltre, se l’obiettivo di Amazon è l’ingresso nel Dow, lo split non funzionerebbe. La società dovrebbe prendere in considerazione un frazionamento 10 a 1 o 20 a 1, per allineare i suoi prezzi più in linea con altri componenti Dow. In questo momento, le azioni delle società Dow hanno un prezzo compreso tra $ 416 (per UnitedHealth) e $ 53 (per Cisco).

Amazon ha già diviso le sue azioni in passato, tre volte, tutte tra il 1997 e il 1999, quando era una società ancora affamata di investitori e di convalida da Wall Street. Ora, è una società molto diversa e il prezzo delle sue azioni a quattro cifre è una testimonianza della sua vertiginosa salita, qualcosa che perderebbe in una scissione.

Le conseguenze involontarie dello split di azioni

Un altro motivo per cui le aziende scelgono di frazionare le loro azioni è per renderle meno volatili. In teoria, più investitori possiedono il titolo, meno possibilità ci sono che un numero significativo di loro comprino o vendano contemporaneamente.

Recenti ricerche nell’ambito del trading online, però, mostrano quanto sia vero anche il contrario. Il frazionamento azionario può rendere le azioni più volatili, perché gli azionisti prestano più attenzione alle variazioni di prezzo rispetto alle variazioni delle percentuali. Spesso, infatti, gli investitori tendono a valutare le notizie su una società in termini di impatto del dollaro sul prezzo delle azioni. Ad esempio, il prezzo delle notizie su un nuovo CEO può essere valutato dai trader ad $ 1 per azione, indipendentemente dal costo delle azioni. In base a questa tendenza, un titolo azionario con un prezzo inferiore avrà un aumento di prezzo maggiore. Ciò funziona anche per i frazionamenti inversi. Diverse statistiche mostrano che un raddoppio del prezzo di un’azione riduce la sua volatilità dal 20% al 30%.

Per questo motivo, i dirigenti di un’azienda dovrebbero essere favorevoli ai frazionamenti. In particolare, i dirigenti che detengono opzioni che maturano quando le azioni della società raggiungono un certo prezzo, più le azioni sono volatili, più è probabile che raggiungano il numero magico che consente loro di esercitare la loro opzione. Tuttavia, dato che le azioni Amazon sono state un treno in fuga negli ultimi anni, quasi raddoppiando dal 2019, è difficile immaginare che i suoi dirigenti debbano ricorrere a simili stratagemmi per incassare le proprie azioni.

 

Altri articoli dello stesso autore:

Il nostro voto