Notizie contrastanti per i trader che hanno scelto di comprare Azioni BMW. Da una parte, la casa automobilistica prevede di realizzare un profitto operativo, quest’anno, nonostante abbia perso 666 milioni di euro ($ 787 milioni) nel secondo trimestre. Ad incidere sulle casse della società il crollo delle vendite durante il lockdown tedesco, europeo e globale. Il settore automobilistico è stato uno dei più colpiti dalla crisi economica generata dall’emergenza sanitaria di Covid19.

Apri un Conto Gratis con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: LiquidityX

Deposito: 200€

Licenza: HCMC

  • Demo Gratis
  • Trading Central gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

74% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: XTB

Deposito: Nessun Minimo Richiesto

Licenza: CySEC/KNF/FCA

  • Demo Gratis
  • 0% Commissioni su Azioni

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

79% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50€

Licenza: CySEC

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

68% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Capex

Deposito: 100€

Licenza: CySEC

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

69% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Capital.com

Deposito: 20€

Licenza: CySEC

  • Demo Gratis
  • Spread Competitivi

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

83% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

BMW, i dati del secondo trimestre

Il produttore tedesco di BMW, Minis e Rolls-Royces, ha affermato che le consegne hanno iniziato a riprendersi, anche in Cina, ma che il rimbalzo non sarebbe bastato a compensare la discesa per le vendite perse a causa della pandemia.

Le azioni della BMW sono diminuite del 3% a seguito dei risultati comunicati. Gli analisti non si aspettavano una perdita così ampia degli utili,al lordo degli interessi e delle imposte (EBIT).

In una nota, l’azienda ha anche affermato che le sue prospettive non hanno tenuto conto del potenziale impatto di una seconda ondata di infezioni COVID-19, né della prospettiva di una recessione più sostenuta o più profonda nei suoi mercati chiave.

Nel settore automobilistico, la pandemia ha colpito anche Fiat Chrysler (FCHA.MI), Ford (F.N) e Daimler (DAIGn.DE), in un momento in cui, tra l’altro, l’industria automobilistica tradizionale sta aumentando la spesa per le tecnologie a basse emissioni, in vista delle rigide norme europee anti-inquinamento.

Scendendo nei dettagli dei dati finanziari comunicati dal colosso tedesco, il margine EBIT di BMW per le auto è crollato del 10,4% dal 6,5% del secondo trimestre dell’anno scorso, quando il suo profitto operativo è stato di 2,2 miliardi di euro. La società ha consegnato 485.464 auto nel secondo trimestre, in calo del 25% rispetto all’anno precedente.

Al contrario, il pioniere delle auto elettriche Tesla (TSLA.O) ha visto il suo margine lordo automobilistico ampliarsi al 25,4% nel secondo trimestre, rispetto al 18,9% dell’anno precedente, nonostante un calo delle consegne del 5%.

L’analista di Jefferies, Philippe Houchois, ha dichiarato che le previsioni di margine della BMW, per l’intero anno, suggeriscono una buona ripresa nella seconda metà del 2020, anche se i risultati del secondo trimestre sono più bassi del previsto.

A maggio, la società aveva anticipato una perdita nel secondo trimestre, riducendone le prospettive, prevedendo un margine EBIT compreso tra lo 0% e il 3% per il 2020 rispetto alla gamma del 2% -4% prevista prima della pandemia.

La quotazione BMW in tempo reale

In questo momento, le Azioni BMW sono in calo del 2,90%, a quota 56.145 euro per azione. La variazione su 1 anno è in negativo dell’8,71%. Il minimo e il massimo di 52 settimane equivalgono rispettivamente a 36.595 e 77.06 euro per azione.

Il CEO di BMW, Oliver Zipse, si è così espresso in merito alla situazione finanziaria della sua azienda:

Ora guardiamo al secondo semestre con cauto ottimismo e continueremo a puntare su un margine EBIT compreso tra lo 0% e il 3% per il segmento automobilistico nel 2020.

Altri articoli dello stesso autore:

Il nostro voto

Il 63-79% dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo con la nostra cookie policy che puoi leggere qui.