Con l’obiettivo di diversificare il portafoglio di investimento con titoli in crescita, gli analisti segnalano l’opportunità di comprare azioni IBM, colosso informatico statunitense e leader mondiale nel campo della tecnologia. Poche ore fa, l’azienda ha lanciato una partnership di ricerca con l’industria giapponese per accelerare i progressi nel calcolo quantistico. In questo modo verranno anche approfonditi i legami tra i due paesi in un campo emergente e sensibile. Il Titolo in Borsa della compagnia americana non ha ancora recuperato le perdite del crollo di Marzo. Tuttavia, nelle ultime sedute, la quotazione sembra poter prendere una direzione rialzista più marcata. Covid19 permettendo.

IBM, il nuovo team USA-Giappone per il futuro dell’informatica

La partnership annunciata prevede che i membri del nuovo gruppo, che include Toshiba Corp e Hitachi Ltd, avranno accesso basato su cloud ai computer quantistici statunitensi di IBM. Il gruppo avrà anche accesso a un computer quantistico, noto come IBM Q System One, che l’azienda USA prevede di allestire in Giappone nella prima metà del prossimo anno.

Il Quantum Innovation Initiative Consortium, questo il nome del gruppo, avrà sede presso l’Università di Tokyo e includerà anche Toyota Motor Corp, istituzioni finanziarie e produttori chimici. La partnership mirerà ad aumentare la base di competenze quantistiche del Giappone e consentire alle aziende di sviluppare usi per la tecnologia.

L’iniziativa segue ad un accordo tra IBM e l’università, firmato alla fine dello scorso anno, per un’ulteriore cooperazione nel calcolo quantistico, che promette di rimpiazare i supercomputer di oggi con nuovi dispositivi futuristici, sfruttando le proprietà delle particelle subatomiche.

Dario Gil, direttore di IBM Research, intervistato da Reuters, ha dichiarato che:

Dobbiamo riconoscere che il quantum è una tecnologia estremamente importante, competitiva e sensibile e la trattiamo come tale. Per questo motivo stiamo cercando di costruire un’industria quantistica su larga scala.

La partnership è nata quando gli Stati Uniti e i suoi alleati hanno iniziato a competere con la Cina nella corsa allo sviluppo della tecnologia quantistica, che potrebbe alimentare i progressi dell’intelligenza artificiale, della scienza dei materiali e della chimica.

Lo scorso settembre, IBM ha dichiarato che avrebbe portato un computer quantistico anche in Germania per avviare una collaborazione di ricerca anche in Europa.

Le ultime novità finanziarie su IBM

Nel frattempo, il colosso informatico americano, nei giorni scorsi, ha dichiarato un dividendo trimestrale di $ 1,63 per azione, in linea con il precedente. Con un rendimento a termine del 5,19%. Il pagamento è previsto per il 10 Settembre.

La condizione generale dell’azienda non è però delle migliori. Stando ai dati registrati, i ricavi, l’EBITDA e il reddito operativo si stanno riducendo.

La quotazione è inoltre in negativo del 16,33% su base annuale, con il massimo di 52 settimane attualmente fissato a 158.75 dollari per azione. Il prezzo attuale si muove invece attorno al valore di 125 dollari.

Sicuramente, l’azienda ha subito l’impatto del Covid19 sulle economie mondiali in modo più netto rispetto ad altre società dello stesso settore. Secondo gli analisti, tuttavia, è stata un’occasione per pensare ad un cambiamento. IBM si prepara infatti ad una trasformazione maggiormente incentrata sul cloud.

 

Altri articoli dello stesso autore: