Tutti abbiamo sentito parlare del Bitcoin, ma pochi sanno chi è il suo inventore. Dietro alla creazione dell’oro digitale e alla tecnologia blockchain, grazie a cui è possibile investire in criptovalute, c’è Satoshi Nakamoto.

Cliccando qui è possibile fare trading di criptovalute con LiquidityX.

Quello di Nakamoto, però, non è un nome reale, bensì di uno pseudonimo. Ma allora, chi è Satoshi Nakamoto? Qual è la storia dell’inventore del Bitcoin? Proveremo a rispondere a queste domande con tutte le informazioni che ci è stato possibile raccogliere in rete. Un mistero da milioni di dollari che, al momento, nessuno sembra aver risolto.

Apri un Conto Gratis con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: LiquidityX

Deposito: 200€

Licenza: HCMC

  • Demo Gratis
  • Trading Central gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

74% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: XTB

Deposito: Nessun Minimo Richiesto

Licenza: CySEC/KNF/FCA

  • Demo Gratis
  • 0% Commissioni su Azioni

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

79% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Capex.com

Deposito: 100€

Licenza: CySEC

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

69% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Capital.com

Deposito: 20€

Licenza: CySEC

  • Demo Gratis
  • Spread Competitivi

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

83% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50€

Licenza: CySEC

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

78% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Chi è Satoshi Nakamoto

Sull’identità di Satoshi Nakamoto è nato un ampio dibattito, a livello mondiale, che ha dato vita a diverse teorie. C’è chi dice che si tratti di uomo, chi di una donna e chi crede che dietro a questo pseudonimo, invece, ci sia un gruppo di persone. Addirittura, alcuni sono convinti che Nakamoto abbia delle implicazioni con il Governo statunitense.

Gli esperti si sono concentrati soprattutto sul nome, cercando di capire se celasse la chiave per risolvere il mistero. Le tre parole individuate sono “satoshi”, “naka” e “moto” che, rispettivamente, potrebbero voler significare, traducendole dal giapponese, “saggio”, “dentro” e “fondamento”.

Nel corso degli anni, diverse identità sono state accostate al nome, ma tutte hanno assolutamente smentito di essere i creatori del Bitcoin. Nel 2017, nel giro del toto nomi finì anche Elon Musk.

Ci sono due personaggi, per la verità, che più di altri sono stati vicinissimi ad essere considerati il vero Satoshi Nakamoto. Il primo è Craig Steven Wright, un imprenditore australiano che ha dichiarato di essere Nakamoto nel 2016. Wright avrebbe fornito alcune prove che non sono state, però, ritenute sufficienti per confermare il match con il creatore del Bitcoin. L’imprenditore ha poi dichiarato di avere altre prove a conferma della sua identità, ma non le ha mai pubblicate. Al momento, il collegamento tra Wright e Satoshi risulta smentito.

L’altro personaggio è Adam Back, inventore ufficiale di un progetto crittografico che ha preceduto la nascita del bitcoin, ovvero Hashcash. Tuttavia, Back ha smentito ogni collegamento con Nakamoto.

Satoshi Nakamoto: come è nata la crittografia

Negli anni Ottanta, con la prima grande distribuzione commerciale di computer, hanno iniziato a formarsi diversi team di hacker informatici. Queste persone, in un mondo che stava entrando a grande velocità nell’era digitale, hanno individuato l’esigenza di proteggere la privacy degli utenti di Internet. In particolare ci fu un gruppo, chiamato Cypherpunk, che andò oltre la protezione dei dati personali, sostenendo la possibilità di eseguire transazioni finanziarie senza passare per gli intermediari ufficiali come le banche. Questa fu la prima idea di un sistema peer-to-peer (anche P2P o rete paritaria/paritetica). Tuttavia, il gruppo non riuscì a realizzarla, nonostante diversi tentativi, come ad esempio i progetti DigiCash e Bit Gold, ideati da due esponenti dei Cypherpunk.

Dopo il crollo del mercato del 2008, la realizzazione di un sistema P2P si concretizzò per mano di Satoshi Nakamoto. Il personaggio misterioso raccolse le sue idee in un documento intitolato “Bitcoin: un sistema di cassa elettronico peer-to-peer” e chiese ai Cypherpunk di aiutarlo. Nello specifico, il sistema di Nakamoto venne chiamato Blockchain, concepito per le transazioni di monete digitali. La criptovaluta nativa del progetto fu il Bitcoin. È possibile investire sul Bitcoin con LiquidityX cliccando qui.

Il lancio del Bitcoin

Il 3 Gennaio 2009 venne generato il primo blocco di Bitcoin della Storia. Il suo valore era praticamente vicinissimo allo zero. Con il lancio del software Bitcoin 0.1 venne stabilito il numero di bitcoin complessivi, la cui estrazione verrà completata nel 2040, pari a 21 milioni di BTC.

La prima transazione con il Bitcoin avvenne il 12 Gennaio di quello stesso anno, tra un attivista crittografico e lo stesso Nakamoto. L’anno successivo, il 22 Maggio del 2010, il bitcoin venne utilizzato per la prima volta come valuta di scambio. Nello specifico, vennero offerti 10mila bitcoin per pagare due pizze. Tra polemiche, controversie, furti e quant’altro, il settore delle criptovalute inizia a crescere assieme alla sua moneta di punta. A fine 2017, il Bitcoin raggiunge il valore di oltre 19mila dollari. Nell’Aprile del 2021, l’oro digitale tocca il suo valore massimo, fino ad oggi, di 64mila dollari. Gli anni passano; i progetti crittografici, oggi, sono numerosissimi. Eppure, il volto di Satoshi Nakamoto rimane ancora un mistero.

Chi ha incontrato Satoshi Nakamoto?

Alla luce di tutto questo, viene normare chiedersi se ci sia mai stato qualcuno che abbia incontrato Satoshi Nakamoto, consapevole di chi fosse. A quanto pare, dopo le controversie sul Bitcoin che hanno spinto la CIA e l’FBI ad indagare su Nakamoto, il padre del BTC ha tagliato qualsiasi tipo di legame comunicativo con il settore crittografico. L’ultimo contatto dichiarato fu con Gavin Andresen, un programmatore che si ispirò a Nakamoto per il suo lavoro. Una curiosità è che da quando Nakamoto ha fatto perdere ogni sua traccia, il suo portafoglio di Bitcoin è rimasto intatto. Nonostante l’aumento del prezzo del BTC abbia fatto diventare quel portafoglio milionario, l’inventore della crypto sembra non voler utilizzare quei soldi.

Conclusioni

Non si può negare che Satoshi Nakamoto abbia inventato un nuovo sistema finanziario globale che, probabilmente, andrà a prevalere, prima o poi, su quello attuale. Diversi esperti ritengono che a Nakamoto dovrebbe essere assegnato il Nobel per l’economia. Secondo la testimonianza di Andresen, Nakamoto sembrerebbe aver abbandonato il progetto Bitcoin, lasciandolo in mani sicure. O almeno questa sembra essere stata l’ultima conversazione tra i due. Tra alti e bassi, il prezzo del Bitcoin sembra essere destinato ad aumentare ancora. Non si esclude un picco di 100K nel prossimo biennio.

Da qualche anno, l’attività investire in Bitcoin e nelle criptovalute è balzata tra le preferenze degli investitori, in particolare degli operatori al dettaglio del trading online. Chi desidera iniziare a fare trade sulle crypto può farlo con LiquidityX. Si tratta del broker più affidabile e innovativo del momento, una vera e propria community mondiale creata da una società legalmente autorizzata da diversi enti di vigilanza borsistica nel mondo. Clicca qui per iscriverti su LiquidityX.

Altri articoli dello stesso autore:

Il nostro voto
Sommario
Satoshi Nakamoto: chi è? Storia dell’inventore del Bitcoin
Nome Articolo
Satoshi Nakamoto: chi è? Storia dell’inventore del Bitcoin
Descrizione
Chi è Satoshi Nakamoto? Qual è la storia dell'inventore del Bitcoin? Questo personaggio ha rivoluzionato il trading online: di chi si tratta?
Autore
Sito Editore
TradingCenter.it
Logo Editore

Il 69-83% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Considera se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu accetti la cookie policy.