Tesla (NASDAQ: TSLA) ha sempre ricevuto molta attenzione, in particolare in questo 2020. I suoi rivoluzionari veicoli elettrici sono diventati icone del progresso tecnologico. E la società che il CEO Elon Musk ha contribuito a trasformare nell’attore dominante nel suo settore ha reso gli azionisti estremamente entusiasti. Tuttavia, per gli investitori in fondi indicizzati, Tesla ha appena aperto l’ultima di una lunga serie di controversie. I fondi indicizzati hanno appena speso 90 miliardi di dollari per comprare azioni Tesla, a seguito dell’inclusione del titolo nell’S&P 500, e in soli due giorni hanno già perso 7,4 miliardi di dollari.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

68% of investor lose money

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

72% of investor lose money

Piattaforma: IQ Option

Deposito: 10$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

73% of investor lose money

Acquistare ai massimi storici

I fondi indicizzati sapevano da più di un mese che le azioni Tesla sarebbero diventate una merce calda. È stato a metà novembre che S&P Dow Jones ha annunciato che Tesla si sarebbe unita all’indice S&P 500, a partire dall’inizio delle negoziazioni del 21 dicembre.

Ciò significava che i fondi indicizzati dovevano puntare all’acquisto di azioni il più vicino possibile alla fine della giornata del 18 dicembre. In questo modo, i loro rendimenti avrebbero avuto una corrispondenza ai rendimenti dell’S&P 500.

Tuttavia, a differenza dell’indice, i fondi dovevano capire come fare quell’acquisto enorme, senza sconvolgere i mercati. Un compito arduo, perché la capitalizzazione di mercato di Tesla di oltre $ 600 miliardi significava che la casa automobilistica elettrica avrebbe rappresentato una percentuale considerevole di un enorme mercato multitrilione.

Alla fine, i fondi indicizzati hanno pagato circa 90 miliardi di dollari in azioni Tesla, facendo raggiungere al titolo il suo massimo storico a 694 dollari.

Ieri pomeriggio, le azioni di Tesla sono state scambiate a circa $ 638 per azione. Ciò ha segnato il secondo giorno consecutivo di perdite che, complessivamente, hanno superato l’8%. I 90 miliardi di dollari di azioni che i fondi indicizzati hanno acquistato venerdì valgono già 7,4 miliardi di dollari in meno.

Tutti fanno il tifo per Tesla

Il problema con i fondi indicizzati è che non hanno assolutamente alcun incentivo a evitare l’abilità di gioco che inevitabilmente porta a perdite come questa. Il più delle volte, le aziende sono molto più piccole quando vengono aggiunte all’S&P 500, quindi l’impatto negativo sugli azionisti non è così grande come lo è stato qui.

Gli investitori scelgono i fondi indicizzati esclusivamente per replicare gli indici. Quando gli indici creano una discontinuità come questa, i gestori di fondi seguono ciecamente le regole, a scapito dei loro azionisti.

Naturalmente, date le prestazioni passate di Tesla, è certamente possibile che le azioni saliranno a $ 700 e oltre in futuro. Potrebbe accadere oggi, prima della fine del 2020 oppure dopo. Senza dubbio, si tratta di ciò che ogni investitore di fondi indicizzati vuole che accada.

Tuttavia, per quanto i fondi indicizzati siano utili per gli investitori ordinari, questo è il prezzo invisibile che gli azionisti dei fondi indicizzati pagano. Nel caso di Tesla, 7,4 miliardi di dollari. 

La società, ora, ha davanti a sé una serie di grandi sfide. La buona notizia è che, in queste situazioni, il CEO Elon Musk ha sempre un jolly da giocare. Quale sarà questa volta?

Altri articoli dello stesso autore:

Il nostro voto