AT&T (NYSE: T) ha recentemente sbalordito gli investitori con due grandi annunci. Innanzitutto, la compagnia prevede di scorporare WarnerMedia. In secondo luogo, l’azienda ha deciso per una riduzione del dividendo. A causa di queste due notizie, chi ha scelto di investire in Azioni AT&T ha visto il titolo crollare, da un massimo di quasi 34 dollari a circa 28. La reazione del mondo del trading online è stata, dunque, per lo più negativa, nonostante le decisioni prese dalla società abbiano l’obiettivo di risanare le casse dell’azienda.

Apri un Conto Gratis con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: LiquidityX

Deposito: 200€

Licenza: HCMC

  • Demo Gratis
  • Trading Central gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

74% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50€

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

68% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Capex

Deposito: 100€

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

69% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100€

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Spread Competitivi

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

77% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

Azioni AT&T, i motivi del forte ribasso

Come premesso, AT&T ha deciso di scorporare Warner Media, che aveva acquistato meno di tre anni fa, e di unirla a Discovery (NASDAQ: DISCA) (NASDAQ: DISCK). Gli investitori di AT&T riceveranno nuove azioni equivalenti a una quota del 71% nella nuova società. Al contempo, gli investitori di Discovery controlleranno il restante 29%.

A&T afferma che la nuova società genererà $ 3 miliardi di sinergie sui costi annuali e competerà in modo più efficace contro Netflix e Disney nella guerra dello streaming. Tuttavia, la decisione inverte anche bruscamente i piani di AT&T di fondere le sue reti di distribuzione e i suoi contenuti multimediali.

Inoltre, AT&T prevede di ridurre il proprio dividendo per tenere conto della distribuzione di WarnerMedia agli azionisti di AT&T. Ci si attende che, senza Warner Media, AT&T spenderà solo circa $ 8 miliardi del suo flusso di cassa in dividendi, dopo la chiusura dell’accordo Discovery. Un dato che indica una spesa quasi dimezzata rispetto ai circa $ 15 miliardi dello scorso anno.

Ma l’aspetto più importante è che l’azienda terminerà la sua serie di 36 anni di aumenti annuali dei dividendi. Dunque, non sarà più un Dividend Aristocrat dell’S&P 500, ovvero un titolo d’élite riservato ai membri dell’indice che hanno aumentato i loro pagamenti ogni anno per almeno 25 anni consecutivi.

AT&T attualmente paga un rendimento da dividendo a termine del 6,5%. Quindi, gli investitori dovrebbero aspettarsi un rendimento inferiore tra il 3% e il 4% dopo la chiusura dell’accordo a metà del 2022. Il nuovo spin-off non dovrebbe pagare un dividendo, dal momento che probabilmente reinvestirà la maggior parte dei soldi in nuovi contenuti.

Sono molte le informazioni da elaborare per gli investitori di AT&T, che ora si stanno chiedendo se sia il caso di vendere le azioni della società.

AT&T sul mercato

AT&T ha sottoperformato significativamente l’indice S&P 500 negli ultimi cinque anni. Il suo rendimento totale, che include i dividendi reinvestiti, è aumentato solo del 3%.

Ci sono tre semplici motivi per questi risultati. In primo luogo, la società ha acquistato le licenze per lo spettro DirecTV e AWS-3 nel 2015, quindi ha acquisito Time Warner nel 2018. Questi acquisti hanno fatto salire alle stelle il suo debito a lungo termine.

In secondo luogo, gli acquisti di DirecTV e Time Warner si sono rivelati controproducenti. DirecTV, che aveva lo scopo di espandere l’attività di pay-TV, ha perso abbonati, diventando un peso morto. Le divisioni TV e film di Time Warner hanno subito fortemente l’impatto della pandemia, senza i soldi necessari per contrastare i competitor.

All’inizio di quest’anno, AT&T ha venduto una partecipazione del 30% in DirecTV e ha ora deciso di scorporare WarnerMedia. In altre parole, ha bruciato miliardi di dollari mordendo più di quanto potesse masticare.

Infine, T-Mobile US (NASDAQ: TMUS) ha superato AT&T come secondo operatore wireless negli Stati Uniti dopo la fusione con Sprint lo scorso anno. La rete 5G di T-Mobile ha un’area di copertura più ampia sia di AT&T che di Verizon (NYSE: VZ), grazie al suo utilizzo di spettri di banda inferiore.

Anche in questo caso, AT&T ha perso il suo vantaggio competitivo. L’azienda deve ora aumentare le sue spese di marketing per tornare in una buona posizione, a discapito, però, delle sue ambizione in ambito media. Se la compagnia non avesse acquistato DirecTV e Time Warner, la situazione attuale sarebbe ben diversa.

Cosa si aspetta AT&T per il futuro?

Dopo lo spin-off, AT&T ritiene che i suoi ricavi cresceranno a un tasso annuale composto (CAGR) a una cifra bassa e che l’EBITDA e l’EPS rettificati cresceranno di un CAGR a una cifra media.

La compagnia prevede di liberare più denaro per investimenti incrementali in 5G e banda larga in fibra. L’azienda intende espandere la sua rete 5G per coprire 200 milioni di persone negli Stati Uniti entro la fine del 2023 e raggiungere 30 milioni di clienti in fibra entro la fine del 2025. Le ambizioni 5G di AT&T non sono entusiasmanti, visto che la rete 5G di T-Mobile raggiunge già 295 milioni di clienti in tutto il mondo.

E ancora, la società prevede di ridurre il rapporto debito netto/EBITDA a meno di 2,5 miliardi entro la fine del 2023. Solo dopo aver raggiunto questo target l’azienda valuterà la possibilità di riprendere i suoi grandi riacquisti, che sono stati sospesi all’inizio della pandemia lo scorso anno.

È ora di vendere azioni AT&T?

In conclusione, gli investitori dovrebbero aspettarsi che la crescita della “nuova” AT&T rimanga anemica, i suoi livelli di debito rimangano alti e i suoi pagamenti di dividendi siano inferiori. Inoltre, non vi è alcuna garanzia che WarnerMedia e Discovery se la caveranno meglio come azienda autonoma.

In questo scenario, la vendita delle Azioni AT&T appare ragionevole e, anzi, consigliata dagli esperti di trading online.

Altri articoli dello stesso autore:

Il nostro voto

Il 63-77% dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo con la nostra cookie policy che puoi leggere qui.