Quando la scorsa settimana Trainline ha annunciato il raggio di prezzi per la sua offerta pubblica iniziale, è stato l’ultimo segnale di una ripresa dei mercati azionari britannici dopo la fine del 2018. I piani di quotazione di Trainline , il secondo tentativo della compagnia di trasporto di iscriversi ai mercati pubblici in quattro anni , arrivano sulla scia del fortunato debutto di Watches of Switzerland al London Stock Exchange lo scorso mese.

Entrambe le società sono focalizzate sul Regno Unito, ma sono emittenti internazionali che ultimamente hanno allietato per po’ un mercato londinese offuscato dalla Brexit e ancora furioso da due grossi flop, il Funding Circle e Aston Martin. Network International, il gruppo di pagamenti con sede negli Emirati Arabi Uniti, ha aperto la strada con la sua quotazione di aprile. Le sue azioni hanno scalato più di un terzo, dando una capitalizzazione di mercato di £ 3 miliardi ($ 3,8 miliardi).

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKERVANTAGGIDEPOSITO MINIMOAPERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Nuovi rapporti commerciali sta UEA e Inghilterra

Finablr, un altro gruppo di pagamenti degli Emirati Arabi Uniti, ha avuto un andamento meno positivo con le sue azioni scese quasi di un quinto, ma è ancora una delle poche società a vendere nuove azioni a Londra per tutto quest’anno. Gli esordienti stanno arrivando sul mercato in un momento in cui si teme che il governo del Regno Unito possa legiferare per rendere le liste di alcuni gruppi stranieri più facili da bloccare per motivi di sicurezza nazionale .

La mossa del governo arriva in risposta alle IPO come quella di EN +, il gruppo di materie prime con legami con l’oligarca russo, Oleg Deripaska. Eppure è ancora indicativo di diffidenza nei confronti di alcuni emittenti stranieri. Le società del Regno Unito hanno dominato nel boom dell’IPO della LSE anni prima del referendum sull’appartenenza all’UE di giugno 2016.

Ma mentre la proporzione di operazioni che coinvolgono un emittente le cui attività sono gestite al di fuori del Regno Unito è diminuita, la loro quota di denaro raccolto è aumentata, come aziende del gruppo ceco di sicurezza informatica Avast, Sherborne Investors di Edward Bramson con sede a Guernsey, produttore di uranio Kazatomprom e EN + hanno fruttato grandi guadagni .

L’importanza dei rapporti internazionali

Nel 2014, il 15% del totale delle somme raccolte nel LSE era da parte di gruppi non britannici, compresi quelli di Guernsey e Jersey, sono saliti al 18% nel 2015, secondo un’analisi del Financial Times dei dati di Dealogic. Dopo un brusco calo nel 2016, quando gli emittenti internazionali non hanno quasi guadagnato denaro, nel 2017 tale cifra è salita al 31% e si è arrestata al 33% lo scorso anno.

Ha dichiarato Achintya Mangla, responsabile dei mercati azionari di JPMorgan che una buona parte della elaborazione di IPO è da aziende al di fuori del Regno Unito che scelgono il Regno Unito per il suo status di hub globale. In mercati azionari poco brillanti, turbati dalla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e un periodo di volatilità verso la fine dello scorso anno, le società hanno frenato in generale dalla vendita di azioni. Ma le imprese del Regno Unito in particolare affrontano una dura accoglienza, secondo un banchiere, in quanto i rapporti commerciali futuri del paese con il resto del mondo rimangono in ballo.

Possibilità di espansione in Africa

Un candidato che sta attualmente attraversando il processo di quotazione LSE è il gestore di telefonia mobile Africa Airtel, un gruppo focalizzato sull’Africa che non è esposto all’economia del Regno Unito. Questo può essere un vantaggio quando i gestori di fondi sono incerti sulle prospettive di crescita economica in Gran Bretagna e nella zona euro.

Nel frattempo alcuni richiedenti di IPO hanno deciso di posticipare le loro offerte pubbliche iniziali in attesa di ulteriore chiarezza in merito alle relazioni del Regno Unito con l’UE. James Fleming, co-responsabile del mercato azionario britannico ed Emea di Cit ha dichiarato che la sfida che abbiamo è quella di indurre le commissioni a premere il grilletto per andare sul mercato. Parte di tale cautela è stata determinata anche dalla performance dei prezzi delle azioni del finanziatore di fondi Funding Circle e della casa automobilistica Aston Martin.

Le case automobilistiche ancora in calo

Il prezzo delle azioni di Funding Circle è stato quasi dimezzato dal suo debutto sul mercato principale di Londra a settembre, mentre le azioni dell’Aston Martin sono scese del 46% da quando è stata lanciata a ottobre. Un quinto delle azioni incerte della casa automobilistica è attualmente sottostimato, il che significa che gli investitori scommettono che il prezzo cadrà ulteriormente.

Il manager dei fondi di crescita britannici di Legal and General Chiaramente Gavin Launder ha affermato che Aston Martinaveva un prezzo troppo alto, e che la compagnia è ancora in una fase di transizione. L’IPO era in anticipo di almeno un anno. Un altro banchiere ha spiegato in modo più sintetico l’impatto sulla psicologia degli investitori, infatti ci vuole un po ‘prima che le persone tornino sicure dopo che hanno perso grosse somme di denaro.

Altri articoli dello stesso autore:

Condividi l'articolo con i tuoi amici
error