Quello tra Intesa e Ubi è uno dei matrimoni (commerciali) più chiacchierati dell’anno. Per gli investitori interessati a fare Trading su Azioni Intesa Sanpaolo, questo è un momento cruciale per scegliere la giusta operazione di mercato. La quotazione in Borsa dell’Istituto torinese è in ribasso da due sedute consecutive. Il Titolo della banca, attualmente, ha un prezzo di 1,7570 euro, in calo dello 0,34%. Minimo e massimo di 52 settimane rispettivamente di 1,3062 e 2,6325. La variazione su 1 anno è ancora in negativo del 12,14%. Entro la fine del mese, l’Antitrust dovrà esprimersi definitivamente sull’Ops di Intesa su Ubi: il verdetto potrebbe spingere il Titolo Intesa verso nuovi picchi.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250€

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200€

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10€

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Intesa Sanpaolo Ubi: è duello anche a Piazza Affari

Da un punto di vista finanziario, è interessante osservare come, mentre le Azioni della Banca guidata da Carlo Messina sono in rosso da due sedute, quelle di Ubi sono in netto rialzo da inizio Luglio. A contribuire all’andamento positivo del Titolo dell’istituto bergamasco proprio l’Ops di Intesa, che  prevede uno scambio di 17 azioni Intesa Sanpaolo per ogni 10 azioni Ubi Banca.

Nei giorni scorsi si è aperto un ampio dibattito sulla convenienza di questo tipo di operazione. Il cda di Ubi si è espresso negativamente, ma molti analisti finanziari ritengono, al contrario, che si tratti di un’attività conveniente. Il primo motivo riguarda un premio del 28%, contro il 4% medio di operazioni simili.

C’è poi il fattore crescita. Il cda di Ubi intravede alte possibilità di crescita per la banca bergamasca. I fatti, però, dicono altro. Nell’ultimo decennio, il rendimento del patrimonio netto tangibile di Ubi non ha mai superato il 5%. E gli obiettivi stabiliti dai vari piani industriali, nel corso degli anni, raramente sono stati raggiunti.

L’opinione della politica

Innanzitutto, trattandosi di un’operazione tra due banche italiane, il governo è fuori da ogni decisione. Per questo motivo, dal Parlamento sono arrivate poche opinioni in merito alla guerra tra i due istituti di credito.

Alcuni esponenti dei principali partiti, tuttavia, non hanno mancato di pronunciarsi sulla questione.

Secondo il parere di Giulio Centemero, capogruppo della Lega in Commissione Finanze della Camera, l’Ops di Intesa per Ubi è:

Un’operazione di sistema, che potrebbe creare un campione nazionale nel settore bancario europeo in grado di difendersi da eventuali operazioni ostili dall’estero e di guardare a sua volta a opportunità oltre confine.

Tuttavia, allo stesso tempo, secondo la Lega e altri partiti, mantenere una pluralità del credito in Italia rimane fondamentale.

Nel frattempo, gli analisti di Kepler Cheuvreux hanno alzato il target per il Titolo Intesa Sanpaolo che, in caso di successo dell’offerta pubblica di scambio potrebbe apprezzarsi del 5% sul breve termine. L’obiettivo passa da 2 a 2,1 euro per azione.

Il broker, di fatto, si è espresso a favore dell’Ops su Ubi, sostenendo l’operazione di Carlo Messina.

Altri articoli dello stesso autore: