Cina e America stanno reagendo molto diversamente alla guerra commerciale che li ha coinvolti. I primi stanno infatti trascorrendo un periodo molto difficile, dovuto alla sfiducia degli investitori nel mercato orientali. I secondi invece sono sempre molto solidi, grazie ai successi del mercato azionario americano.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKERVANTAGGIDEPOSITO MINIMOAPERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Ancora fiducia al mercato americano

Gli investitori dovrebbero ignorare i costosi titoli statunitensi e rivolgersi invece ai loro omologhi cinesi più economici, dove ulteriori stimoli aiuteranno a spingere la crescita degli utili. Le azioni cinesi vengono negoziate con una svalutazione e ne trarranno beneficio poiché le autorità intensificheranno gli sforzi per promuovere il flusso di credito nella seconda economia più grande del mondo. Al contrario, le azioni statunitensi sono costose e lo stimolo della Federal Reserve è già ben valutato dagli investitori. In un’intervista telefonica Thomas Poullaouec ha detto la sua sostenendo che la Cina è quella in cui c’è una preferenza a causa della valutazione e dell’aspettativa che lo stimolo cinese possa fornire un aumento dei guadagni, inoltre la Cina è impegnata a gestire questo ciclo in modo molto prudente con misure politiche.

T. Rowe Price afferma che la crescita degli utili negli Stati Uniti sta diminuendo e le azioni sembrano costose. Lo Shanghai Composite è aumentato di circa il 9% nell’ultimo mese, il migliore tra i colleghi globali, e il denaro fluisce nel mercato azionario cinese attraverso il suo legame di cambio con Hong Kong.

Tornare a investire sulle azioni

L’indice S&P 500 è aumentato solo del 2% con strateghi come Citigroup Inc. che hanno ribadito la loro posizione azionaria negli Stati Uniti, poiché la guerra commerciale e le preoccupazioni di crescita economica pesano sul sentimento. Il gruppo multi-asset di T. Rowe Price, che gestisce circa $ 333 miliardi, consiglia di investire in azioni, sia americane che europee e giapponesi, con i mercati emergenti che vantano l’unica posizione in sovrappeso delle azioni.

Quest’anno è stato testato in quanto i titoli dei mercati sviluppati hanno consegnato agli investitori più del doppio del rendimento dei loro rispettivi dei paesi in via di sviluppo. T. Rowe Price ha affermato che a volte è stato abbastanza doloroso, specialmente quando stanno accadendo cose, come in Argentina, ma la Cina può dare un po’ di slancio e supportare gli altri intorno ad esso. Per Poullaouec, la chiave del lato positivo della Cina è che gli imminenti sforzi di stimolo sono attualmente sottovalutati dagli investitori. Negli Stati Uniti, al contrario, le aspettative di sostegno politico da parte della Fed sono andate troppo oltre. Il mercato sta determinando molti più tagli rispetto a quello che possono offrire, ha affermato.

Altri articoli dello stesso autore:

Condividi l'articolo con i tuoi amici
error