Ciò che tutti coloro che scelgono di investire in criptovalute lamentano da tempo, è stato ribadito dal CEO di Ripple. Brad Garlinghouse ha affermato che la mancanza di chiarezza nella regolamentazione statunitense sulle criptovalute è deleteria. Conosciuta per la criptovaluta XRP, la società fintech Ripple è stata coinvolta in una lotta legale dalla posta altissima con la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, a partire dallo scorso anno.

A dicembre, la SEC ha presentato accuse contro la società, Garlinghouse e un co-fondatore di Ripple, sostenendo l’attuazione di una raccolta di oltre $ 1,3 miliardi attraverso un’offerta di titoli non registrati.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: OBRInvest

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: FXPN

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

I dettagli

Garlinghouse ha affermato che gli Stati Uniti devono ancora fornire chiare linee guida normative per le criptovalute, a differenza di quanto hanno fatto i paesi asiatici.

Poche ore fa, intervistato dalla CNBC GarlingHouse ha detto che:

Dò credito a mercati come Singapore e persino parti della Corea, dove c’è stato davvero uno sforzo ponderato guidato dal governo per definire e avere quadri normativi chiari sulle criptovalute. Ironia della sorte, qui negli Stati Uniti non hanno fornito la stessa chiarezza. È l’unico paese del pianeta che ha affermato che XRP è qualcosa di diverso da una valuta.

Il CEO di Ripple ha citato la battaglia legale in corso della società con la SEC, come un esempio di dove e come il quadro normativo statunitense rimane poco chiaro.

In una denuncia presentata a dicembre, la SEC ha affermato che Ripple ha creato un vuoto di informazioni quando non ha rivelato l’offerta agli investitori. L’agenzia sostiene che la società era tenuta a condividere questo tipo di informazioni con gli investitori perché XRP può essere considerato a tutti gli effetti un contratto di investimento in base ad alcuni criteri. E quindi, l’offerta andava gestita come quella di un titolo ai sensi delle attuali leggi federali in materia.

I regolatori finanziari a livello globale stanno esaminando come dovrebbero regolamentare il settore delle criptovalute.

Garlinghouse ha minimizzato l’importanza dell’attuale controllo delle criptovalute, affermando che l’industria dovrebbe continuare a concentrarsi su ciò che queste tecnologie forniscono ai clienti.

Ripple sul mercato

Ripple continuerà a sfruttare il suo registro XRP e i token per rendere efficienti i pagamenti. Questo è l’obiettivo primario della società confermato dal suo CEO.

In questo momento, la coppia XRP/USD su Binance viene scambiata a 1,544, con un rialzo di oltre il 10%. Su dodici mesi, la criptovaluta risulta in crescita del 510,88%. Il token segue dunque il forte slancio del settore a partire dall’inizio del 2021. Nelle ultime settimane, la risorsa ha registrato il suo massimo storico di 1,5979.

Altri articoli dello stesso autore:

  •  
  •  
  •  
  •