Axel Springer, un giornalista tedesco, trasformò un giornale di Amburgo in un colosso editoriale che ora copre centinaia di titoli e miliardi di euro di entrate annuali. La società era un’azienda in crescita che si rivolgeva al mercato azionario, dando a un gruppo eterogeneo di investitori un credito su un flusso di profitti in espansione. Ora, a 34 anni dalla quotazione del titolo, gli investitori pubblici non avranno più tale diritto.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKERVANTAGGIDEPOSITO MINIMOAPERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

La storica decisione di Springer

Le azioni di Axel Springer sono destinate ad abbandonare il mercato pubblico dopo che la società ha raggiunto un accordo di acquisizione questo mese con KKR, il gruppo di private equity. Il ritiro in mani private è il simbolo di un cambiamento radicale nei mercati dei capitali che ha cambiato la natura delle borse europee e statunitensi come condotti di capitale tra le aziende in crescita e gli investitori quotidiani.

Solo negli Stati Uniti, il numero di società quotate è di poco superiore a 4.000, metà di loro quotate nel 1996, lo zenit per il mercato statunitense. Anche l’Europa ha contratto, in misura minore. L’aumento post-crisi del private equity è solo uno dei fattori alla base del cambiamento. Altri fattori includono il ritmo più lento delle nuove società che avviano sui mercati pubblici, mentre le fusioni che combinano più titoli hanno anche ridotto il numero di società quotate. I bassi tassi di interesse, nel frattempo, hanno aumentato l’attrattiva del finanziamento del debito per le società che in passato avevano deciso di raccogliere fondi vendendo azioni.

Il rallentamento dei mercati azionari

I mercati azionari non sono posti competitivi per raccogliere capitali o vendere società in questo momento, ha dichiarato Robert Buckland, analista di Citi. Ha poi aggiunto che i mercati azionari pubblici si stanno riducendo perché le società possono trovare capitali più economici altrove. Poiché gli investitori hanno cercato rendimenti più elevati, hanno ridotto le allocazioni da azioni e obbligazioni e invece hanno investito i soldi in classi alternative di attività, come il private equity. KKR e colleghi come Blackstone e il Gruppo Carlyle hanno attirato decine di miliardi di dollari nell’ultimo decennio, tra cui più di $ 2 trilioni in denaro seduti ai margini che devono ancora mettere al lavoro, noto come dry powder (polvere secca).

Nick Colas, co-fondatore di DataTrek Research sostiene che Il capitale di rischio e il private equity sono in circolazione da molto tempo, ma nell’ultimo decennio hanno fatto davvero passi da gigante, e inoltre con il private equity si puo’ usare la leva finanziaria, senza essere legati al controllo di un’azienda pubblica e si ha più controllo per effettuare tagli più facilmente. Nello stesso momento in cui questa ondata di denaro è confluita nel private equity, le aziende hanno utilizzato il proprio denaro per riacquistare azioni , rimuovendo le azioni dai mercati pubblici.

I numeri dello scorso anno

L’anno scorso, le società statunitensi hanno speso $ 806 miliardi per riacquisti di azioni, un record. Nel primo trimestre, Apple da sola ha speso $ 23,8 miliardi sui riacquisti di azioni . Il produttore di iPhone ha incrementato il suo programma negli ultimi anni dopo che Carl Icahn, l’investitore attivista, ha esortato la società a utilizzare le sue crescenti pile di denaro per riacquistare le proprie azioni.

La concentrazione del mercato azionario sta creando società superstar come Facebook, Google e Amazon che dominano sempre più le loro industrie, secondo gli analisti di Goldman Sachs. Ha affermato Ryan Hammond, un analista di Goldman.Attraverso le industri, che le aziende hanno conquistato quote di mercato crescenti, traducendo il loro vantaggio competitivo in margini e sovraperformance più elevati negli ultimi tre anni, ha dichiarato Ryan Hammond, un analista di Goldman. Il torrente di offerte pubbliche iniziali negli Stati Uniti quest’anno non è un contrappunto. Al contrario, questi elenchi riflettono una funzione sempre più importante dei mercati pubblici – fungendo da valvola di uscita per investitori privati e fondatori di start-up.

Le differenze tra le IPO oggi rispetto a 15 anni fa

Le IPO molto attese, come i rivali di passaggio, Uber e Lyft, avevano già raggiunto valutazioni altissime grazie a numerosi round privati di raccolta fondi, e si sono svolte indifferentemente dal momento della quotazione. Il debutto pubblico di giugno di Slack potrebbe fornire un modello. La piattaforma di messaggistica ha completato una quotazione diretta in cui le sue azioni sono quotate in una borsa valori ma l’azienda non guadagna denaro in tal senso.

La società aveva già attratto $ 1,2 miliardi attraverso investitori privati, incluso un giro di raccolta fondi per $ 427 milioni in agosto. Wayne Wicker, Chief Investment Officer di ICMA-RC ha detto che le IPO di oggi ha meno opportunità al rialzo di quindici anni fa e che I gruppi di private equity stanno mantenendo queste aziende private più a lungo in modo da non far nascere migliaia di aziende embrionali.

Altri articoli dello stesso autore:

Condividi l'articolo con i tuoi amici
error