La crescita del petrolio grezzo dopo il primo disastroso trimestre dell’anno, ha portato molti profitti al governo americano. Preoccupato dai rapporti internazionali in bilico, che hanno portato i mercati americani ai minimi quest’anno, l’aumento del prezzo del petrolio è l’unico modo per riottenere in consensi pubblici.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: 24option

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Nuove società emergono grazie alla situazione favorevole

La multinazionale svizzera-olandese Vitol è emersa come uno dei più grandi vincitori nel settore del petrolio grezzo nei primi tre mesi di quest’anno, poiché il più grande trader indipendente di energia del mondo ha avuto uno dei suoi trimestri più redditizi dopo che i timori di una recessione globale sono stati superati. La società, guidata dall’amministratore delegato Russell Hardy e dal presidente Ian Taylor, aveva registrato un reddito netto pari a quasi $ 600 milioni nel primo trimestre.

Mercuria, uno dei più piccoli rivali svizzeri di Vitol, ha avuto un primo trimestre da record. BP, Shell e Glencore, i cui commercianti competono con persone del calibro di Vitol e Trafigura, hanno anche affermato che il trading ha tenuto a galla i guadagni del primo trimestre. Molti commentatori e analisti hanno sostenuto che la caduta del petrolio nell’ultimo trimestre del 2018 era stata causata dalla vendita forzata da parte delle banche che avevano organizzato un gran numero di barriere per le aziende nel fiorente settore dello shale americano.

I prezzi del petrolio nell’ultimo anno

Il mercato globale del petrolio che interessa 100 milioni di barili al giorno è stato travolto dai timori per l’economia globale, che ha visto il calo delle azioni statunitensi a due cifre nel quarto trimestre. Il petrolio grezzo Brent, il punto di riferimento internazionale, è crollato da un picco di quattro anni di $ 86 al barile in ottobre a quasi $ 50 al barile entro Natale.

Si è poi radunato quasi al 40% fino a quasi $ 70 al barile entro la fine di marzo, prima di toccare quota $ 75 al barile ad aprile. Da allora è tornato a $ 60 al barile. Vitol, che è di proprietà di circa 350 senior partner sparsi nei centri di trading petrolifero di Londra, Ginevra, Singapore e Houston, non è l’unico trader che ha superato con successo la volatilità della commodity più importante del mondo negli ultimi sei mesi.

Il mercato petrolifero è stato ampiamente teso fino al 2019, quando le sanzioni statunitensi contro Iran e Venezuela, unite al collasso economico e politico di quel paese, hanno ridotto drasticamente l’offerta. Tuttavia, da quando ha raggiunto il picco dell’anno ad aprile, il petrolio è scivolato quasi del 20%, per via degli investitori che hanno avvertito che le forniture di shale statunitensi stanno ancora crescendo rapidamente proprio mentre la guerra commerciale USA-Cina suscita preoccupazioni sulla domanda.

I risultati mostrano l’estrema volatilità dei mercati petroliferi a chi decide di investire sulle materie prime, che sono stati travolti dalle forze in competizione tra le forniture in aumento, dal boom dello shale americano, la produzione limitata causata dalle sanzioni statunitensi su Iran e Venezuela e le preoccupazioni per l’economia globale negli ultimi sei mesi, sono stati un vantaggio per le case commerciali. Tuttavia, una persona ha informato a proposito che le condizioni di trading sono state più difficili nel secondo trimestre.

La previsione di Taylor

Taylor, che lo scorso ottobre aveva previsto che il greggio Brent sarebbe stato in media di circa 65 dollari al barile quest’anno, ha detto a Bloomberg questa settimana che la società aveva goduto di un primo trimestre forte, ma non ha rivelato quanto fosse redditizio. I profitti stellari del primo trimestre seguono due anni relativamente difficili. Finora nel 2019 il petrolio greggio Brent ha raggiunto una media di 66 dollari al barile.

Altri articoli dello stesso autore: