Investire in Materie Prime

Per fare trading online con le materie prime è bene conoscere tutto ciò che gravita intorno a questo mondo: all’interno di questa sezione del sito troverai tutto ciò che riguarda il settore delle materie prime. Scopriamo insieme cosa sono e come funzionano, quali sono le più scambiate, cosa ne influenza l’andamento di mercato, le quotazioni e quali informazioni consultare al fine di poterne prevedere il trend.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKERVANTAGGIDEPOSITO MINIMOAPERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Materie Prime: Guarda il Video per capire subito cosa sono

Materie Prime: cosa sono le commodities?

Per materie prime, definite a livello internazionale commodities, intendiamo un bene per cui vi è richiesta sul mercato globale (domanda) che viene offerto senza considerare le differenze qualitative: il petrolio, l’oro, l’argento sono merci che non variano qualitativamente in funzione di chi le produce.

Le materie prime sono quindi dei beni indifferenziati, delle merci che devono essere di semplice immagazzinamento che non perdono le caratteristiche originarie con il passare del tempo.

Possiamo distinguere 5 settori relativi alle merci negoziabili:

  • agricolo: sono negoziabili infatti avena, mais, soia, frumento, mais;

  • coloniale e tropicale: qui troviamo cacao, caffè, cotone, succo d’arancia, tabacco, zucchero;

  • metalli: alluminio, argento, nickel, oro, palladio, platino, rame, zinco;

  • energetico: benzina, etanolo, gas naturale, nafta, petrolio;

  • carne: bovini, maiali, pancetta di maiale.

Materie Prime: come funziona il mercato?

L’uniformità che caratterizza le materie prime fa sì che tali merci possano essere negoziate all’interno delle borse dei mercati globali.

Ovviamente, non è possibile investire in commodities acquistando e rivendendo direttamente il bene quindi, tale mercato prevede l’utilizzo di strumenti finanziari quali i futures, fondi d’investimento, ETF e i cfd per poter trarre profitto dalle fluttuazioni dei prezzi delle materie prime.

Materie prime: su quali commodities investire oggi?

Non tutti sanno che la materia prima su cui si investe di più è senza dubbio l’oro. L’oro viene definito bene rifugio poiché normalmente nei periodi di crisi economica il suo prezzo sale mentre nei periodi di crescita o di stabilità finanziaria di una nazione il suo valore rimane piuttosto immutato.

Come è stato detto prima, non è possibile acquistare o rivendere materie prime fisicamente ma, l’oro fa eccezione infatti è l’unica che può essere realmente comprata e conservata. Moltissime persone infatti non ritengono l’oro un investimento ma un modo per proteggere il proprio capitale dalla svalutazione.

Il petrolio è certamente un’altra materia prima (commodity) sulla quale tantissimi trader investono per ottenere profitti: il volume di trading sul petrolio è davvero enorme e grazie ai broker online non sono solo i grandi investitori a trarre profitto da questa materia prima che negli ultimi anni è stata molto volatilità offrendo grandi opportunità di guadagno.

Molti investitori hanno messo gli occhi anche su argento e rame soprattutto perchè tali merci hanno subito un elevato ribasso nel corsi degli ultimi anni: dal 2012 ad oggi l’argento è passato da un prezzo per oncia di 40 dollari ad un prezzo di 15 dollari. In molti stanno acquistando questi metalli poiché credono in una fase rialzista che riporti i prezzi a quelli degli anni precedenti.

Come tutti gli strumenti finanziari anche con le materie prime abbiamo investitori di lungo termine e speculatori che operano in periodi molto brevi: ogni trader ha la sua visione ma quel che è certo è che si può trarre profitto da entrambe le visioni di trading.

Grazie all’era digitale 3.0 è davvero semplice investire in materie prime. Se prima era possibile investire in commodities solamente tramite futures e fondi d’investimento che prevedono costi elevati e procedure di stipula lunghe adesso tramite i cfd è possibile investire su questi asset finanziari da casa e pagando semplicemente bassi spread. Un’altra cosa che rende preferibile la scelta di investire sulle materie prime utilizzando i cfd è data dal fatto che tramite i fondi d’investimento si può ottenere profitto solamente se il mercato è rialzista e non si può guadagnare durante le fasi ribassiste: questo è un motivo in più per scegliere il trading CFD poiché gli investitori preferiscono ottenere profitto sia dalle fasi rialziste sia da quelle ribassiste.

Le materie prime non sono tante ma è sempre meglio investire sempre su ciò in cui abbiamo la maggiore conoscenza quindi, prima di investire, studia a fondo qualsiasi commodity su cui vuoi investire. Studiare un settore significa capire innanzitutto cosa influenza l’andamento di quel particolare mercato.

Materie Prime: cosa influenza le commodities?

Vi sono aspetti importanti per fare previsioni sull’andamento delle materie prime.

Politiche monetarie e prezzi delle materie prime sono altamente connessi. Ad esempio, è di uso comune considerare l’inflazione di un paese sul rapporto dei prezzi delle commodities del settore agricolo o energetico (in particolar modo il petrolio).

Tutti i beni di consumo vengono influenzati dal costo del petrolio visto che il carburante è fondamentale per i trasporti di tali merci. Possiamo quindi affermare con ragionevole certezza che all’aumentare del costo del petrolio aumenteranno i costi delle materie prime di largo consumo alimentare (i comunicati del Bureau of Labor Statistics hanno dimostrato l’affidabilità di questa tesi).

Non tutti considerano invece il rapporto tra i tassi di interesse applicati dai governi finanziari centrali e i prezzi delle materie prime. La Banca d’Italia ha evidenziato il limitato peso delle scelte delle banche centrali sui prezzi delle commodities: un taglio di 100 punti base sui tassi d’interesse (particolarmente elevato) può portare ad un rincaro medio delle materie prime del 5%, effetto che nell’arco di un semestre tende a diminuire.

Studi particolarmente rilevanti dell’economista statunitense Jeffrey Frankel pubblicati nel 2007 hanno inoltre dimostrato che i bassi tassi d’interesse favoriscono la crescita della domanda poiché una diminuzione dei tassi porta i produttori di una commodity (ad esempio il petrolio) a diminuire le attività di estrazione visto che non conviene trattenere in loco determinate scorte. La diminuzione dei tassi inoltre favorisce lo spostamento degli investimenti verso asset più redditizi correlati alle materie prime.

Il Fondo Monetario Internazionale nel 2012 ha osservato che in caso di aumento di materie prime alimentari o energetiche si hanno tassi di interesse più elevati (quindi politiche finanziarie più restrittive).

Investire in Materie Prime: andamento e previsioni

Non dimentichiamo mai di tenere costantemente sotto osservazione tassi d’interesse, dati sull’inflazione e prezzi degli asset correlati quando vogliamo fare trading cfd sulle materie prime.

A seguire troverai l‘andamento dei prezzi, le quotazioni e quindi i grafici delle materie prime su cui la maggior parte degli investitori fa trading cfd giornalmente.

Sommario
Investire in Materie Prime
Nome Articolo
Investire in Materie Prime
Descrizione
✅Scopri cosa sono e come investire in materie prime, ovvero le commodities. Quotazione, prezzo e andamento di ogni singola materia prima su cui investire! ✅
Autore
Sito Editore
TradingCenter.it
Logo Editore