La gestione efficace delle attività di riserva in valuta estera è stata a lungo una sfida chiave per le banche centrali e la Cina non fa eccezione. Ma ora, il paese, che detiene le maggiori riserve di valuta estera del mondo, è alla ricerca di modi migliori per proteggere la grande quantità di attività e massimizzare i rendimenti degli investimenti. Secondo la Banca popolare cinese, le riserve valutarie della seconda economia più grande del mondo, ammontavano a circa 3,1 trilioni di dollari alla fine del mese scorso, in aumento di $ 31 miliardi, ovvero l’1 percento dall’inizio di quest’anno.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKER VANTAGGI DEPOSITO MINIMO APERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Le riserve cinesi stanno finendo?

L’anno scorso, le riserve sono diminuite di $ 67 miliardi rispetto all’anno precedente, dopo essere aumentate di $ 129 miliardi nel 2017. Le riserve si sono stabilizzate a poco più di $ 3,07 trilioni, circa il 24 percento del PIL, entro la fine dello scorso anno e costituivano quasi il 27 percento di tali attività a livello globale, secondo il Fondo monetario internazionale. Le riserve in valuta estera si riferiscono a qualsiasi attività finanziaria estera detenuta da una banca centrale e possono includere banconote, depositi, obbligazioni, buoni del tesoro e altri titoli di Stato. Zhao Qingming, capo economista dell’Istituto per i derivati finanziari della China Financial Futures Exchange, ha dichiarato che sicurezza e liquidità sono i due obiettivi principali per la gestione delle riserve valutarie in Cina, con la sicurezza come obiettivo primario. Detenere una quantità così grande di valuta estera riserve, è ragionevole che i gestori siano fortemente avversi al rischio, preferendo investire la maggior parte delle riserve in attività sicure.

Dal 60 al 70 percento delle riserve valutarie della nazione sono detenute come debito sovrano da economie avanzate, nonché obbligazioni finanziarie e societarie con rating creditizi elevati. Altri obiettivi di investimento includono azioni, depositi bancari e derivati finanziari. Supportato dal grande accumulo di riserve valutarie, il paese ha visto una crescita economica stabile e veloce negli ultimi quattro decenni, con una bassa inflazione.

Grazie alle riserve, la Cina può anche beneficiare di un favorevole contesto commerciale e finanziario a lungo termine, in base a quanto detto daChen Yuan, ex vice governatore della banca centrale ed ex vicepresidente della Conferenza consultiva politica popolare cinese, in un forum il 10 agosto. Secondo Chen, di fronte a nuove sfide, tra cui le questioni relative ai tassi di cambio sollevate di recente dagli Stati Uniti, la priorità è mantenere sicure queste riserve e rafforzare la posizione del renminbi a livello globale. Chen vede potenziali rischi di cambio, poiché la maggior parte delle attività estere riservate alla Cina sono in dollari USA.

Composizione della valuta

Alla fine del mese scorso, l’Amministrazione statale per i cambi, o SAFE, il regolatore cinese del forex, ha dichiarato che le riserve di valuta estera del paese detenute in dollari USA rappresentavano il 58 percento del totale entro la fine del 2014, rispetto al 79 percento del 1995. Tra le riserve globali in valuta estera, le attività detenute in dollari USA rappresentavano il 65 percento del totale entro il 2014, rispetto al 59 percento del 1995, secondo il rapporto annuale di SAFE dell’anno scorso. Per la prima volta, SAFE ha reso pubblica la composizione valutaria delle riserve forex, dopo aver segnalato per la prima volta i dati alla composizione valutaria delle riserve valutarie, o COFER, un database del Fondo monetario internazionale, nel 2015.

Secondo COFER, che mantiene i dati trimestrali sulla composizione valutaria delle riserve ufficiali in valuta estera, le riserve valutarie del mondo hanno raggiunto $ 11,59 trilioni nel primo trimestre di quest’anno. Circa il 58,14 percento del totale era in dollari USA, rispetto all’1,8 percento del renminbi. Zhao ha affermato che la composizione valutaria delle riserve in Cina quasi corrisponde alla tendenza globale. Chen ha avvertito che, data la grande percentuale di riserve globali detenute in dollari statunitensi, gli Stati Uniti, in una certa misura, possono influenzare il mercato dei cambi influenzando il valore del dollaro, il che potrebbe anche provocare impatti negativi sulla Cina a causa della crescente controversia commerciale.

Gli Stati Uniti accusano la Cina

Immediatamente dopo l’annuncio da parte del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, il dollaro e le azioni sono calati bruscamente e l’oro si è rafforzato. I timori sono quindi aumentati nei mercati finanziari globali, innescando una maggiore volatilità. Secondo gli economisti, le riserve valutarie sono generalmente viste come cuscini contro le fluttuazioni drastiche dei tassi di cambio. Il valore del renminbi può essere stabilizzato attraverso la vendita o l’acquisto di valuta estera e le ampie riserve del paese possono prevenire il rischio di debito estero a breve termine. Dopo aver valutato la situazione lo scorso anno, l’FMI ha concluso in un rapporto che le stime suggerivano che vi era stato un piccolo intervento sui cambi da parte della PBOC.

Il rapporto, pubblicato il 9 agosto a Washington, è stato citato dagli analisti per sostenere la Cina L’obiezione di essere stata etichettata come manipolatore di valuta dagli Stati Uniti. Oltre alle controversie valutarie, gli investitori globali prevedono che se la Federal Reserve degli Stati Uniti annuncerà più tagli ai tassi nei prossimi mesi, potrebbe abbassare i prezzi delle attività denominate in dollari USA e indebolire il valore della maggior parte delle riserve valutarie. Continua quindi la guerra commerciale tra Usa e Cina che stanno portando moltissimi speculatori a investire sul mercato valutario.

Altri articoli dello stesso autore:

Condividi l'articolo con i tuoi amici
error
Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.