Le speranze per la fine della disputa commerciale tra la Cina e gli Stati Uniti sono state ritardate il mese scorso. Le azioni del Presidente Trump hanno aumentato l’ostilità tra i due paesi, spingendo la Cina ad attuare misure di ritorsione. L’annuncio della settimana scorsa di un incontro allargato tra i presidenti statunitensi e cinesi al G20 di questo mese ha fornito motivi di ottimismo. Ma, per ora, gli effetti della guerra commerciale si stanno diffondendo.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKER VANTAGGI DEPOSITO MINIMO APERTURA CONTO
Corsi Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Gli sviluppi della guerra commerciale

Il sentimento pubblico riflette il disagio. Più di sei americani su 10 sono molto o un po’ preoccupati che la loro economia locale sarà influenzata negativamente dalle tensioni commerciali con la Cina, ha trovato un recente sondaggio della Monmouth University. Si prevede che la crescita economica più ampia subirà un duro colpo. Le tariffe USA-Cina potrebbero ridurre il prodotto interno lordo globale dello 0,5% nel 2020, il che equivarrebbe alla perdita di circa 455 miliardi di dollari, ha avvertito Christine Lagarde, amministratore delegato della FISM, in un post sul blog del 5 giugno .

Anche gli investitori sentono la pressione. Con le relazioni commerciali USA-Cina apparentemente più rocciose da un giorno all’altro, alcuni gestori patrimoniali e consulenti stanno scoprendo che i rischi nel mercato emergente superano i benefici, almeno nel breve periodo. Lori Heinel, vice direttore generale degli investimenti presso il gestore patrimoniale di State Street Global Advisors, afferma che i mercati emergenti, in generale, hanno visto un rallentamento della crescita nell’ultimo anno fino a un anno e mezzo.

Quanto influirà questa situazione sull’economia Usa?

Inoltre solleva la questione se e quando gli Stati Uniti, che stanno vivendo un ciclo economico prolungato, dovranno affrontare una correzione o addirittura una recessione. In questo contesto, la recente escalation in alcuni dei conflitti commerciali ha reso la Cina un EM ancora più precario, secondo Heinel. Nel tentativo di limitare il rischio, afferma, State Street è attualmente sottopeso in Cina nei portafogli EM, mentre circa un anno fa era sovrappeso.

Il gestore si sta inoltre riposizionando trasferendosi in società nazionali e orientate finanziariamente, quelle che dovrebbero essere meglio isolate dalle tensioni geopolitiche. Nonostante gli svantaggi, la signora Heinel vede opportunità in Cina, in particolare per gli investitori a lungo termine che potrebbero trovare buoni punti di ingresso nel mercato in questo momento.

I consiglieri dicono che un orizzonte a lungo termine, quando si parla di Cina, è fondamentale. Da un lato, è un momento difficile considerare di investire nel paese, secondo Eric Leve, vicepresidente esecutivo e chief investment officer di Bailard Institutional, un consulente di investimento registrato (RIA) che fa parte dell’FT 300 di quest’anno.

Ma nel 2019 fino ad ora, la Cina ha sovraperformato i più ampi mercati emergenti, aggiunge. Ciò ha aiutato il CSI 300,un indice dei principali titoli cinesi, a salire del 7% circa negli ultimi 12 mesi, secondo i dati del Capitale IQ, a fronte di un calo del 2% dell’indice EM di MSCI. Il sig. Leve pensa che questa sovraperformance mascheri l’impatto delle tensioni commerciali.

L’importanza della Cina per gli USA

Ma con il peso della Cina in molti indici EM superiori al 30 per cento, sostiene che è un mercato troppo importante da ignorare. Gli investitori non riescono a distogliere lo sguardo da esso, ma uno deve, come si vede, stare molto attento, dice Leve. Un’opzione per ridurre i rischi è prendere in considerazione Hong Kong, che offre la possibilità di godere dei benefici di una più ampia crescita cinese senza il sovraccarico della disputa commerciale, secondo Leve, che è stato con Bailard per più di 30 anni.

Riconosce che le proteste di massa di questo mese, alimentate da un conto di estradizione sospeso da allora, potrebbero sollevare preoccupazioni tra gli investitori. Ma pensa ancora che le prospettive di Hong Kong siano buone a medio termine. Anche Rajat Jain, analista e analista senior di ricerca presso Litman Gregory Asset Management, vede opportunità in Cina, con almeno 10 anni di anticipo.

Come sfruttare il momento

Considerando i mercati emergenti nel complesso, Litman Gregory raccomanda un’esposizione del 20 per cento a questi mercati nella parte azionaria dei portafogli clienti, uno sforzo volto a ridurre l’esposizione che può verificarsi quando un mercato vede un declino, dice. È anche saggio utilizzare i gestori attivi nei mercati emergenti, in particolare in Cina, afferma Jain. Questa potrebbe rivelarsi una buona mossa per chi fa investimenti sulle migliori piattaforme di trading online.

Aggiunge che i manager che sono sul campo, che guardano le aziende e valutano i rischi, sono più adatti di un semplice investimento passivo. Questi professionisti dell’investimento possono incontrare funzionari della compagnia e del governo per avere un’idea di quali siano i fattori di rischio. Per il signor Jain, gli aspetti negativi al momento sono le incognite per l’economia cinese, e questa preoccupazione non si limita ai negoziati commerciali con gli Stati Uniti.

I consiglieri di Litman Gregory, anch’egli membro dell’FT 300, si preoccupano enormemente di come gli eccessi di credito e i probabili rendimenti bassi di alcuni investimenti in Cina si diffonderanno nell’economia, secondo il signor Jain. Oltre a ciò, la disputa commerciale in corso non è di supporto alla crescita globale, dice.

Altri articoli dello stesso autore:

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.