L’industria dei bitcoin e delle criptovalute si è scontrata contro i turbolenti piani di  Facebook di lanciare una rivale del Bitcoin, la cripto Libra. Tale lancio è previsto per il 2020. Alcuni hanno suggerito che le aziende tecnologiche starebbero meglio adottando bitcoin piuttosto che tentare di creare un’alternativa centralizzata, come sta facendo la piattaforma di micro-blogging Twitter.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: 24option

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Bitcoin: non valuta digitale bensì oro digitale

Il capo dei progetti di criptovaluta di Facebook, David Marcus, ha affermato di vedere il bitcoin come “oro digitale” e mentre è frenato dalla sua estrema volatilità, il bitcoin “ha uno scopo completamente diverso”. Marcus non pensa al bitcoin come ad una valuta vista la sua estrema volatilità ma lo vede come oro digitale: queste le sue parole dalla conferenza del New York Times DealBook della scorsa settimana. Questo sembrerebbe il motivo per cui gli investitori scelgono di comprare Bitcoin quotidianamente.

Molti hanno fatto il confronto tra bitcoin e oro in passato: quelli più fiduciosi sul bitcoin sperano che il token digitale possa eventualmente superare il valore di mercato di $ 8 trilioni d’oro. Il valore totale di tutti i bitcoin è attualmente di soli $ 160 miliardi, circa 50 volte meno dell’oro. L’estrema volatilità di Bitcoin, che negli ultimi anni ha oscillato selvaggiamente da meno di $ 1.000 per bitcoin all’inizio del 2017 a quasi $ 20.000 in meno di 12 mesi dopo, ha portato a temere che i regolatori finanziari potessero reprimere opportunità di investimento in bitcoin e criptovalute.

Gli osservatori del mercato dei bitcoin e delle criptovalute avevano sperato che i prezzi potessero iniziare a stabilizzarsi con la maturazione del mercato, ma ciò non è accaduto con il bitcoin che continua a fare movimenti giornalieri del mercato ben oltre le valute tradizionali, le materie prime o le azioni delle aziende.

Il prezzo del bitcoin, che è stato pesantemente venduto l’anno scorso, ha registrato un forte rimbalzo durante la prima metà del 2019, in gran parte a causa del forte interesse da parte delle società tecnologiche nei confronti del mondo delle criptovalute. Dopo che Facebook ha svelato i suoi piani per un rivale di Bitcoin, preso da molti come una tacita approvazione della tecnologia Bitcoin e blockchain, l’ultima corsa al rialzo di bitcoin si è fermata mentre gli investitori si agitavano preoccupati da un rafforzamento della regolamentazione.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è stato tra i leader mondiali, i politici e i regolatori che hanno pubblicamente parlato contro i piani di Libra di Facebook,  suggerendo che potrebbe incoraggiare le attività criminali e minare il controllo dell’economia della banca centrale. Facebook ha sostenuto che vorrebbe lavorare con regolatori e governi di tutto il mondo per creare Libra prendendo le distanze da una visione simile al bitcoin e alle altre criptovalute esistenti.

Sempre David Marcus ha affermato che l’economia non può sentirsi minacciata dal Bitcoin che ha dimostrato essere un asset di investimento non correlato al resto dei mercati finanziari e ha aggiunto che le persone non utilizzano il Bitcoin come valuta digitale per pagare beni e servizi. Il Bitcoin ha uno scopo totalmente diverso. Presentato all’inizio di quest’anno, il progetto Libra di Facebook è destinato a fungere da valuta digitale e dovrebbe essere utilizzato principalmente in parti del mondo con infrastrutture finanziarie meno sviluppate.

I piani di Facebook, tuttavia, si sono in qualche modo chiariti da giugno, con una manciata di 28 società originariamente riunite da Facebook per formare l’Associazione Libra che ha lasciato il gruppo e l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg criticato dai senatori statunitensi.

Altri articoli dello stesso autore: