Dopo il tracollo degli ultimi giorni di tutte le principali criptovalute, gli speculatori stanno pensando se è bene o meno continuare a credere nel Bitcoin. In seguito al ritorno sopra i 13,000 usd infatti, la prima criptovaluta ha subito un ribasso veloce e incredibilmente alto.

Questo ha cominciato a portare malcontento e sfiducia intorno a tutto il mondo delle criptovalute, abbassando notevolemente i volumi di scambi negli ultimi giorni. Dopo le parole dure di Trump anche l’India sta pensando di vietare il Bitcoin.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKER VANTAGGI DEPOSITO MINIMO APERTURA CONTO
Corsi Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

L’India blocca il Bitcoin

La spettacolare scivolata dei prezzi al ribasso di Bitcoin è stata ulteriormente spinta da un rapporto interamente non confermato che la criptovaluta potrebbe essere vietata in India. Quello che si dice sia una proposta trapelata per un divieto di bitcoin in India è stato etichettato come patetico e corrotto dall’investitore miliardario Tim Draper, che è un importante sostenitore del bitcoin.

Stava rispondendo alle segnalazioni di una bozza di legge che avrebbe imposto un divieto generalizzato a tutte le criptovalute del paese. Tim Draper ha manifestato la sua indignazione dichiarando che il governo indiano ha vietato il bitcoin, una valuta che offre una grande speranza di prosperità in un paese che ne ha disperatamente bisogno. I suoi commenti sono stati scatenati da un documento non verificato che circolava sui social media dopo essere stato pubblicato dall’avvocato blockchain Varun Sethi.

Queste continue notizie negative sul Bitcoin portano gli speculatori di borsa a investire sul Bitcoin a ribasso.

Bitcoin raggiungerà i 250.000 usd?

Il documento recita che Nessuno può estrarre, generare, trattenere, vendere, trattare, emettere, trasferire, disporre o utilizzare criptovaluta nel territorio dell’India. Il documento, che è stato individuato per la prima volta da CoinTelegraph, fa un’eccezione per questa regola sotto forma di qualcosa chiamato Digital Rupee. Altre figure all’interno della comunità della criptovaluta hanno suggerito che imporre un tale divieto a un’entità decentralizzata come il bitcoin sarebbe quasi impossibile.

Indipendentemente dal fatto che un divieto sia mai attuato in India, il semplice suggerimento di esso sembra aver contribuito ad aumentare la pressione al ribasso sul mercato della criptovaluta.

Il prezzo del bitcoin è crollato nelle ultime 24 ore, perdendo quasi il 15 per cento del suo valore e cancellando oltre 10 miliardi di dollari dalla sua capitalizzazione di mercato. Altre importanti criptovalute che hanno subito perdite significative includono ethereum e litecoin, che sono caduti entrambi tra il 10 e il 15 per cento da martedì. Mr Draper ha in precedenza acclamato il bitcoin per il suo potenziale di sostituire le forme di valuta tradizionali, definendolo all’inizio di quest’anno come uno dei più grandi progressi tecnologici che l’umanità abbia mai visto. L’investitore, che detiene una quota significativa di bitcoin, ha recentemente sostenuto una richiesta presentata nel 2018 che la criptovaluta raggiungerà $ 250.000 entro il 2023.

Altri articoli dello stesso autore:

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.