Due pesi massimi del trading online moderno si sono uniti, quest’anno, in una correlazione da capogiro. Da una parte Tesla, azienda leader nel settore dei veicoli elettrici e guidata da Elon Musk, uno degli imprenditori più controversi e ricchi della storia. Dall’altra il Bitcoin, la criptovaluta più grande al mondo.

Da gennaio ad oggi, i prezzi delle due risorse sui mercati si sono influenzati spesso a vicenda, per diversi motivi. Principalmente da quando Musk ha comunicato che la sua azienda aveva investito 1,5 miliardi di dollari nell’oro digitale.

Poi una serie di eventi controversi, come la questione dello spreco energetico per l’estrazione della crypto. Fino ad arrivare a ieri, quando Tesla, durante gli utili del trimestre, ha riportato, tra gli altri dati, anche una svalutazione di circa 23 milioni di dollari, a causa del crollo del BTC in primavera.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: OBRInvest

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: LiquidityX

Deposito: 250$

Licenza: HCMC

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Tesla e Bitcoin, tutta la storia

Nella giornata di ieri che ha visto Tesla impegnata nella chiamata agli utili trimestrali, Musk ha annunciato una svalutazione di $ 23 milioni relativa all’investimento in bitcoin, che ha influito sul reddito operativo dell’azienda nel periodo esaminato.

A febbraio, Tesla aveva annunciato di aver acquistato 1,5 miliardi di dollari in bitcoin, più dell’intero budget trimestrale destinato alla ricerca e allo sviluppo. Alla fine di marzo, la società aveva poi dichiarato che quell’investimento aveva raggiunto un valore di 2,48 miliardi di dollari, sulla base dell’aumento del bitcoin nel primo trimestre.

Dati alla mano, Tesla ha registrato un guadagno netto di 101 milioni di dollari dalle vendite di bitcoin durante il primo trimestre; ciò ha contribuito ad aumentare i profitti netti della compagnia a un livello record. Nel rendiconto delle operazioni della società, tale guadagno si presenta come una riduzione delle spese operative.

Tuttavia, il prezzo del bitcoin è crollato di oltre il 40% nel secondo trimestre. Nonostante la spesa derivante dal crollo della crypto, l’utile operativo di Tesla è quadruplicato a $ 1,3 miliardi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le entrate della società sono state pari a $ 11,96 miliardi con un utile per azione di $ 1,45. I dati riportati hanno superato le stime degli analisti.

Le quotazioni di oggi

Le azioni Tesla sono aumentate del 2,15%, fino a questo momento, nel trading after-hour e pre market che anticipa la seduta odierna. Il titolo, che nel complesso è sceso di oltre il 25% da gennaio, ora vale quasi 672 dollari per azione. Su dodici mesi, la crescita supera ancora il 130%.

Nella seduta odierna, invece, il Bitcoin perde parte dei guadagni di ieri. La coppia BTC/USD, che è riuscita a toccare, nelle ultime ore, un prezzo di 40,595 dollari, viene ora scambiata a 37,440, in calo di circa il 3%.

Per quanto riguarda le altre criptovalute, Ethereum registra un calo superiore al 4%, a quota 2,240 dollari, dopo aver toccato un massimo di giornata di 2,431.17. Per la seconda criptovaluta più grande al mondo, il rialzo su dodici mesi rimane comunque impressionante, pari a oltre il 600%.

 

 

Altri articoli dello stesso autore:

Il nostro voto
Sommario
Tesla dichiara una svalutazione di 23 milioni a causa del Bitcoin
Nome Articolo
Tesla dichiara una svalutazione di 23 milioni a causa del Bitcoin
Descrizione
News per il trading online di oggi: Azioni Tesla in rally nel pre market dopo gli utili trimestrali, Bitcoin scende di nuovo. Tutti i dati.
Autore
Sito Editore
TradingCenter.it
Logo Editore