Riprende a salire il prezzo Bitcoin contro il dollaro USA, nella seduta odierna di mercato. Chi ha scelto di investire in Bitcoin, oggi, può contare su una quotazione in rialzo dello 0,69% a 9.212,1. Il cambio BTC/USD, tuttavia, risulta in netto calo su base mensile. Il mercato sembra puntare la resistenza a 9.288 che, se superata, potrebbe segnare un buon passo per puntare, di nuovo, i 10k. Secondo gli analisti, la quotazione si sta comportando esattamente come richiede la sua storia rialzista. Per i prossimi giorni, pertanto, si prevede una nuova risalita del prezzo.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250€

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200€

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10€

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Prezzo Bitcoin raggiunge nuovi massimi in un giorno

Nella seduta odierna, il bitcoin ha raggiunto nuovi traguardi su una varietà di metriche, nonostante molti traders continuino a definire la criptovaluta “noiosa”.

Il primo traguardo riguarda gli indirizzi attivi che hanno raggiunto, oggi, i 450K, il picco più alto da quando la moneta digitale è stata lanciata nel 2017.

La combinazione dei nuovi indirizzi in aumento, assieme agli indirizzi attivi anch’essi in aumento e con il conteggio delle transazioni orarie in rialzo, ha contribuito a dare una scossa alla quotazione.

Nella giornata precedente, il livello di difficoltà di mining di Bitcoin era rimasto sostanzialmente invariato, con un aggiustamento in calo di appena lo 0,0033%. I volumi giornalieri di bitcoin sono scesi da $ 52 miliardi a metà maggio a $ 15 miliardi.

Uno sguardo alla condizione di Mining

Le difficoltà di Mining del Bitcoin hanno attraversato raramente una condizione così statica come quella di adesso. Nelle ultime giornate, infatti, è stata registrata la più piccola variazione percentuale in 10 anni.

La rete Bitcoin ha regolato il livello di difficoltà alle 01:18 UTC il 1 luglio a 15,7842 trilioni, in calo di appena lo 0,0033% rispetto al precedente livello di 15,7847 trilioni fissato il 17 giugno. La variazione percentuale è stata abbastanza piccola da essere arrotondata a zero.

La difficoltà di estrazione di bitcoin misura quanto sia difficile competere per i premi sulla rete. La misura è progettata per adattarsi ogni 2.016 blocchi, circa ogni due settimane, in base alla potenza di calcolo totale del gioco di mining.

L’adeguamento trascurabile di mercoledì significa che la potenza di calcolo media totale connessa al Bitcoin, negli ultimi 14 giorni, è cambiata di pochissimo. Le cause possono essere la mancanza di nuovi dispositivi di mining collegati o la compensazione che in genere avviene dopo l’Halving.

Storicamente, il dato è rimasto stabile al livello iniziale di 1, per un anno, dopo l’estrazione del blocco della genesi, prima di iniziare a salire all’inizio del 2010. L’ultima volta che la misura ha registrato una variazione dello 0% è stata nel marzo 2010.

Da allora, ci sono stati solo otto casi in cui la variazione della difficoltà di estrazione, sia in negativo che in positivo, è stata inferiore allo 0,1%.

Ad ogni modo, la potenza totale di mining sulla rete Bitcoin si è ampiamente ripresa dal profondo calo registrato a seguito del dimezzamento di Maggio. Tuttavia, è ancora da superare il massimo storico registrato all’inizio di Marzo.

Altri articoli dello stesso autore: