Investire in ETF

Gli ETF o Exchange Traded Funds (il significato di ETF in italiano è fondi quotati in borsa) sono dei nuovi modi sempre più richiesti per investire nei mercati finanziari. Ma cosa sono esattamente gli ETF? Come i fondi d’investimento, gli ETF sono costruiti su un “paniere” di attività come azioni, obbligazioni, commodities o valute. 

Per esempio, per investire in fondi ci sono degli ETF costruiti per replicare la performance del FTSE MIB: significa che hanno un numero di azioni di società presenti nell’indice in proporzioni tali da permettere di replicare l’andamento dell’indice il più fedelmente possibile.

Ci sono ETF che replicano un particolare settore come quello energetico o quello delle materie prime, o replicano andamenti di mercati come quello dell’oro, del petrolio o il dollaro statunitense. Scopriamolo meglio i dettagli attraverso questa guida agli ETF.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKERVANTAGGIDEPOSITO MINIMOAPERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

ETF: Guarda il Video per capire subito cosa sono

ETF: cosa sono e come funzionano?

Come il nome suggerisce, gli exchange traded funds sono quotati in una borsa come le azioni della borsa italiana: su quest’ultimo mercato borsistico troviamo proprio il mercato ETFPlus per negoziare gli etf in Italia.

L’ETF è suddiviso in un determinato numero di azioni che si possono comprare o vendere. Ad esempio, se compri un ETF che replica il settore energetico invece di comprare le azioni delle singole imprese del comparto stai investendo direttamente sull’indice settoriale attraverso le performance combinate delle varie azioni. Con una singola operazione riesci ad avere un’esposizione sull’intero settore.

Gli ETF hanno molteplici benefici, oltre a quelli standard dei fondi comuni d’investimento. Come le azioni, gli ETF possono essere negoziati durante gli orari di borsa, con prezzi aggiornati in modo continuo durante la seduta di trading.

Gli ETF sono strumenti molto trasparenti: puoi trovare facilmente dove il fondo è investito e quali sono le performance. Inoltre, gli ETF hanno costi decisamente minori rispetto a quelli che si possono affrontare con altri fondi d’investimento.

Con i migliori broker di trading online, puoi negoziare gli ETF attraverso i CFD (contratti per differenza). I broker di trading che trovi su TradingCenter.it offrono un’ampia gamma di ETF, compresi quelli sugli indici di mercati esotici.

Tra i vantaggi di questo strumento di trading ci sono i bassi costi di negoziazione e di cambio valuta.

Un ETF azionario può costare 3 volte meno di un fondo azionario (come nel caso del mercato esotico), può arrivare a costare dieci volte meno di un fondo che investe sul mercato azionario europeo o americano.

ETP: differenze tra ETF, ETC ed ETN

Gli ETF fanno parte (insieme ad ETC ed ETN) degli ETP (Exchange Traded Products) ovvero la macrocategoria di prodotti ad indice quotati nella borsa italiana.

Risulta utile fare un’ulteriore quindi la differenze tra gli ETP di cui non abbiamo ancora discusso: ETC ed ETN.

Gli ETC (Exchange Traded Commodities) indicano un prodotto che si riferisce ad una materia prima. Per ETN (Exchange Traded Notes) intendiamo invece i titoli di debito che replicano un indice non azionario come ad esempio un insieme di materie prime.

ETC ed ETN sono molto più rischiosi degli ETF in quanto se fallisce l’entità emittente dei primi due prodotti si perde il totale capitale utilizzato per l’investimento.

ETF: come comprarli?

Gli ETF si possono comprare nello stesso modo in cui si acquistano le azioni: via internet di norma si risparmia. Considera che se in uno sportello bancario arrivi a pagare circa lo 0.7% della somma investita come commissione, online si scende in genere sotto lo 0.2%. Il fatto poi che si tratti di prodotti di quotati in borsa continuamente può essere un vantaggio. Di fatto, un fondo comune lo puoi comprare o vendere una sola volta al giorno; un ETF lo puoi scambiare anche più volte in una sola giornata.

ETF: a replica fisica e a replica sintetica

Esistono gli ETF a replica fisica e quelli a replica sintetica. La differenza riguarda la maniera in cui lo strumento il suo lavoro.

Comprando un ETF a replica fisica acquisti effettivamente dei titoli dell’indice del mercato in cui intendi investire; comprando un ETF a replica sintetica non compri necessariamente quei titoli ma investi nel mercato di tuo interesse grazie a particolari prodotti finanziari detti derivati.

Dal punto di vista dei costi quelli a replica fisica sono lievemente più cari di quelli a replica sintetica per via di una maggior complessità nella gestione del portafoglio.

ETF: Rischi e Opportunità

Gli ETF nascondono rischi non sempre facili da individuare. C’è una cosa importante che va ricordata: la loro apparente semplicità non deve far dimenticare che come qualsiasi altra forma d’investimento devono esser acquistati in base a quello che è il profilo di rischio di ciascuno di noi. Se sei una persona che non vuole rischiare affatto di perdere del denaro compra solo ETF che puntano su liquidità in euro o in titoli di stato in euro a breve termine; se sei uno che accetta un rischio moderato puoi anche comprare ETF che investono in obbligazioni societarie o titoli di stato a medio/lungo termine. Se pur di ottenere un buon ritorno sul tuo investimento non temi il rischio o non temi una perdita anche di un 10% da un giorno all’altro, puoi acquistare ETF che puntano sulle borse. In assoluto, il rischio più alto lo puoi riscontrare negli ETF che moltiplicano con la leva finanziaria le variazioni delle borse: questi ultimi possono effettivamente perdere più del 10% da un giorno all’altro.

Gli ETF obbligazionari convengono?

Attraverso gli ETF obbligazionari si riesce a diluire il rischio emittente. Se compri delle obbligazioni, a meno che tu non abbia un capitale di centinaia di migliaia di euro e tu possa comprare almeno cento titoli diversi, corri un rischio notevole perchè basterà che vada in default uno dei singoli titoli che hai all’interno del tuo portafoglio e brucerai tutto il tuo denaro.

Fino al 2000 era impensabile che un emittente obbligazionario fallisse, poi abbiamo vissuto i default dell’Argentina, della Parmalat ed altri. E’ quindi fondamentale difendere il nostro capitale dal rischio emittente ovvero dal rischio di default e gli ETF obbligazionari consentono di farlo perchè ti consente di investire su un “paniere” di titoli veramente alto (100, 200 a volte anche più di 1000 titoli diversi).

La convenienza degli ETF obbligazionari inoltre è data anche dalla diversificazione temporale. Se compri delle obbligazioni non puoi avere una diversificazione ampia sulle scadenze (alcuni titoli di stato ad esempio scadono a 10, 20 e addirittura a 40 anni). Gli ETF obbligazionari che investono su un paniere di obbligazioni o sui titoli di stato offrono la possibilità di investire lungo tutte le scadenze (brevi, medie e a lungo termine). Questa è un’ulteriore diversificazione perchè i titoli lunghi non rendono quanto i titoli brevi e viceversa.

Infine, le obbligazioni che rendono bene hanno tagli molto alti (50, 100 mila euro) e non puoi comprarle personalmente perchè anche se tu avessi 200 mila euro di capitale da investire potresti comprarne al massimo 4 di titoli ma non riusciresti a diversificare e il rischio di default farebbe saltare in questo caso il 25% di capitale. L’ETF obbligazionario permette di investire in modo meno rischioso in attività finanziarie rischiose: è un controsenso? No, non lo è perchè se vuoi investire su titoli high yield (che hanno alto rendimento ma anche alto rischio di default) o ad esempio su obbligazioni di paesi emergenti (anche questi rendono tanto ma anch’essi son molto rischiosi) piuttosto che comprare 1 o 2 titoli high yield e 1 o 2 obbligazioni dei mercati emergenti, compreremo uno o più ETF che hanno all’interno 100 o più titoli high yield o 100 o più titoli di stato di paesi emergenti (Russia, India, Indonesia, Brasile, Messico). In questo modo manteniamo un livello di diversificazione elevato attraverso un ETF obbligazionario.

ETF: conclusioni

A questo punto, avendo compreso a fondo cosa sono gli ETF ti sarà ancor più chiaro fare investimenti in ETF puri e in ETF tramite CFD che appunto viene offerta dalle piattaforme di trading online.

Vediamo adesso quali sono i principali e migliori ETF su cu investire presenti sul mercato mondiale e le quotazioni in tempo reale.

Sommario
Investire in ETF
Nome Articolo
Investire in ETF
Descrizione
✅Scopri cosa sono gli ETF, il loro funzionamento e come investire su di essi. Quali sono i vantaggi principali e le differenze con altri strumenti? ✅
Autore
Sito Editore
TradingCenter.it
Logo Editore