La Fondazione americana per la difesa delle democrazie (FDD) ha raccolto una valutazione dei rischi attuali dell’uso di criptovalute da parte dei paesi avversari agli Usa. Nel rapporto, l’agenzia delinea possibili scenari futuri che renderebbero la resistenza alla blockchain una minaccia più ampia. Nello specifico, il FDD ha analizzato come paesi come la Russia , la Cina , il Venezuela e l’ Iran stanno implementando la tecnologia della moneta digitale.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKER VANTAGGI DEPOSITO MINIMO APERTURA CONTO
Corsi Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Dollaro a rischio per via del rialzo del Bitcoin

Nel rapporto, il FDD mette in guardia da uno scenario in cui uno dei paesi sopraindicati convince altre nazioni a utilizzare una criptovaluta basata sullo stato basata su un’importante esportazione di materie prime come il petrolio, le sanzioni sarebbero molto più difficili da far rispettare. Un altro scenario di preoccupazione potrebbe sorgere se un avversario dovesse compiere progressi nella creazione di un’infrastruttura digitale di portafoglio valutario in cui i suoi cittadini possano detenere e negoziare la criptovaluta, nonché utilizzarla per transazioni con società locali.

Il rapporto mette ulteriormente in guardia contro il successo di un avversario americano con la tecnologia blockchain nel suo sistema bancario nazionale in misura tale da poter integrare la sua piattaforma nei settori dei sistemi finanziari di altre nazioni. Nel frattempo, il parlamento russo, la Duma di Stato, ha nuovamente rinviato l’adozione della principale legge sulla criptazione del paese Sulle risorse finanziarie digitali (DFA) fino alla sessione autunnale, in quanto i funzionari non sono stati in grado di raggiungere una posizione comune sul destino delle valute digitali in Russia.

Trump non approva la Libra

Secondo quanto riferito, la banca centrale cinese sta sviluppando la propria moneta digitale in risposta alla Libra di Facebook, in quanto quest’ultima potrebbe presumibilmente rappresentare una minaccia per il sistema finanziario del paese. In particolare, i piani della banca arrivano in un momento in cui la Cina ha preso una linea dura per il trading di criptovalute, con le istituzioni finanziarie che vietano il trading di Bitcoin, le prime offerte di monete e gli scambi di crittografia.

A metà maggio, Cointelegraph ha riferito che il Venezuela stava valutando la possibilità di chiudere gli scambi commerciali reciproci con la Russia utilizzando il rublo, oltre alla valuta digitale veneziana Petro, sostenuta dal petrolio, un progetto controverso lanciato per la prima volta nel febbraio 2018.

In Iran, l’acquisto e la vendita di criptovalute è illegale, come annunciato dal vice governatore per le nuove tecnologie della Banca centrale iraniana Nasser Hakimi . Il 6 luglio, il Ministro dell’Industria, Commercio e Forniture Iraniano ha dichiarato che il Congresso degli Stati Uniti stava lavorando per fermare l’accesso dell’Iran alle criptovalute e alle attività minerarie di Bitcoin nel tentativo di prevenire l’evasione delle sanzioni.

Altri articoli dello stesso autore:

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.