Molti appassionati di criptovaluta affermano che Bitcoin e altre valute digitali non rispettano a pieno la legge. I titoli recenti chiariscono che non è vero: il progetto Libra di Facebook affronta le udienze del Congresso americano e il respingimento da parte di altri governi. I sostenitori del Bitcoin però spiegano che la criptovaluta è nata per favorire un miglioramento sull’onestà delle transazioni.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKER VANTAGGI DEPOSITO MINIMO APERTURA CONTO
Corsi Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Bitcoin nato per aumentare l’onestà

Bitcoin è stato progettato per creare più onestà nel governo, nelle imprese e nei soldi. Bitcoin aveva lo scopo di portare più luce, non oscurità, al mondo. Sfortunatamente, i suoi primi usi commerciali – come il mercato della Via della Seta – promuovevano attività criminali. Molti dei primi cripto-appassionati hanno una mentalità anti-establishment, persino cripto-anarchica, e hanno avanzato la falsa idea che Bitcoin fosse anti-governativo.

Le transazioni con Bitcoin sono pseudonome, ma non anonime. Altri progetti crittografici vogliono creare monete che consentano transazioni più anonime. Ma l’ anonimato, soprattutto con il denaro, aiuta a generare attività illegali e questo è l’opposto di ciò per cui il Bitcoin è stato creato. Mentre le transazioni Bitcoin sono pseudonome, sono un mezzo per condurre attività illegali perché la traccia delle prove blockchain è permanente.

Quando apri un conto bancario o invii fondi tramite trasmettitori di denaro, devi fornire informazioni identificative su di te. Tali requisiti KYC e AML sono progettati per frenare il riciclaggio di denaro sporco e il trasferimento illegale di fondi. Ma nel mondo criptato, ad alcuni utenti non piace attenersi a tali requisiti per aprire gli account di scambio o di portafoglio, e molti fornitori di servizi resistono perché queste regole creano attrito nel processo di inserimento degli utenti. Ma l’ondata legale sta rendendo sempre più chiaro che le leggi che regolano le imprese di servizi monetari , che richiedono la conformità a KYC e AML, si applicano agli scambi crittografici, ai portafogli di custodia e ad altri fornitori di servizi.

Questi numerosi controlli e il fatto che le criptovalute siano spesso sotto accusa, non giovano ai risultati in borsa, infatti gli investimenti sul Bitcoin stanno rendendo poco nelle ultime settimane.

AML alla base di ogni società

Nei paesi del G20 , gli scambi affrontano gli standard AML e contrastano le regole del fondo per il terrorismo (CTF) del Financial Action Task Force (FATF). Prima del gennaio 2020, nell’Unione europea, gli scambi devono conformarsi alla quinta direttiva antiriciclaggio (AMLD5), che tratta gli scambi come gli istituti finanziari e richiede loro di svolgere la dovuta diligenza dei clienti e inviare segnalazioni di attività sospette (SAR).

Ad esempio, l’ecosistema Bitcoin Core (BTC) spicca le sue speranze sulla rete Lightning, che utilizza nodi speciali per creare canali di pagamento che sono probabilmente soggetti alle leggi sul trasmettitore di denaro. Le monete alt che forniscono funzioni di anonimato cercano di evitare la tracciabilità. Mentre il loro futuro legale è annebbiato, BSV costruisce un ecosistema con la conformità in mente ora. Ecco perché BSV non sarà relegata nel piccolo mondo degli hobbisti criptati, ma ha il percorso migliore per l’adozione globale.

Gli scambi di criptovaluta devono essere regolamentati in modo da non diventare un agenzia clandestina che consentano il trading di numerose risorse digitali discutibili. È inoltre necessaria una supervisione regolamentare per proteggere gli investitori, ad esempio per impedire il commercio di lavaggi che gonfia artificialmente il presunto volume di uno scambio; assicurare che gli operatori di cambio separino le proprie attività fiat e cripto da quelle dei clienti.

Le criptovalute si devono regolamentare

La mania iniziale delle offerte di monete nel 2017 sta ora comportando un’azione normativa di controllo, e giustamente. La maggior parte di tali ICO era costituita da offerte di sicurezza non registrate e non doveva sfuggire alle leggi sui titoli solo perché i token offerti venivano creati su Ethereum o su altre piattaforme crittografiche.

Le monete stabili sono una tendenza popolare, ma hanno bisogno di supervisione per garantire che siano effettivamente supportate dal valore reale. Le indagini del Procuratore Generale di New York su Bitfinex e Tether hanno rivelato come la moneta stabile dell’USD non sia sostenuta al 100% da attività pari al valore totale delle monete coniate, e certamente non sostenute da attività liquide di valore affidabile.

Molti osservatori ritengono che le monete di Tether siano state utilizzate per gonfiare artificialmente il valore di BTC, anche durante la folle corsa del 2017 di BTC, e influenzare indebitamente il mercato BTC. Ciò a sua volta innesca aumenti e cadute artificiali di altre criptovalute, che storicamente si accompagnavano alle tendenze dei prezzi di BTC. Se emetti una moneta stabile (su BSV o qualsiasi altra piattaforma), le risorse di supporto devono essere verificabili e controllabili per garantire che ogni moneta in dollari di moneta stabile sia sostenuta da un equivalente dollaro di fondi reali o attività liquide.

Altri articoli dello stesso autore:

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.