Il titolo Amazon è cresciuto solo del 17% da inizio anno, rispetto a un guadagno del 19% per l’S&P500. I titoli tecnologici peer-cap di Facebook e Microsoft sono entrambi in crescita del 40% circa da inizio anno. Lo scorso anno Amazon è stato scambiato costantemente al di sotto del suo obiettivo, un segno insolitamente ribassista che emerge solo quando gli investitori hanno dubbi su un titolo e questo ha portato le azioni a non raggiungere un nuovo massimo nel 2019.

Sempre meno investimenti su Amazon

Il massimo storico delle azioni Amazon rimane il segno 2.050 che ha colpito a settembre 2018. La media mobile a 200 giorni è diventata piatta ed è rimasta piatta per l’anno passato. In altre parole, l’azione di trading sulle azioni Amazon è stata negativa per l’anno passato e mostra segni che il meglio del rally di azioni Amazon pluriennale potrebbe essere finito. Certo, i volumi di trading sono ormai deboli per alcune ragioni molto legittime, ma questa non rimarrà debole per sempre. Rimpicciolendo, il quadro generale qui rimane favorevole e Amazon, che continua a proiettarsi come un grande coltivatore di entrate nei prossimi anni con significativi driver di margine al rialzo.

Perché Amazon è stato debole

Il titolo di Amazon è stato debole nell’ultimo anno per alcuni motivi. La maggior parte di essi è incentrata sul rallentamento della crescita delle entrate e delle spese. La tesi del grande quadro su Amazon è che la società ha sconvolto l’intero mondo del commercio al dettaglio con la tecnologia, avrebbe funzionato a margini stretti per guadagnare rapidamente quote di mercato nel mondo del commercio e quindi – dopo aver stabilito il dominio nel commercio al dettaglio – espandere i margini su un’enorme base di entrate per produrre enormi profitti, che teoricamente produrrebbe un grande prezzo delle azioni AMZN.

Nell’ultimo anno, questa tesi è stata messa in discussione da una cosa: la concorrenza. Amazon non ha una stretta nel mondo dell’e-commerce come molti pensavano. Si sono adattati a questa nuova ondata di commercio, costruendo solidi canali digitali e ampliando le capacità omni-channel. In tal modo, sono diventati legittimi concorrenti di Amazon.

La maggiore concorrenza ha portato a rallentare la crescita del core business di Amazon. Ha anche portato a spese di adempimento, poiché per combattere questa concorrenza, Amazon ha implementato la spedizione gratuita in un giorno per conquistare i clienti. Il risultato? La crescita dei ricavi è rallentata, l’espansione dei margini ha rallentato e la crescita dei profitti è rallentata. Con il rallentamento della crescita degli utili, le azioni AMZN sono diminuite.

A peggiorare le cose, ci sono considerevoli rischi antitrust all’orizzonte, si vociferano voci che Amazon stia promuovendo ingiustamente i suoi prodotti rispetto a prodotti di terze parti per aumentare i profitti e anche il panorama dello streaming TV è diventato saturo di concorrenti. Questi sono tutti rischi di ottica che non aiutano gli investitori a credere che la narrativa sulla crescita tornerà presto in pista.

Perché Amazon non sarà per sempre debole

Il titolo Amazon è stato debole nell’ultimo anno per motivi molto legittimi. Il core business dell’azienda sta rallentando a causa della concorrenza. L’aumento della concorrenza pesa contemporaneamente sui margini, quindi la crescita dei profitti ha subito un doppio successo. Questo doppio colpo ha provocato uno stock debole. Tutto ciò ha senso. Ma ha anche senso che questa debolezza del titolo non durerà per sempre.

Proprio come Apple sta diventando meno dipendente dall’iPhone costruendo un business software (ma domina ancora il mercato degli smartphone), Amazon sta diventando meno dipendente dal suo business e-commerce costruendo altri verticali di crescita (ancora domina il mercato dell’e-commerce).

L’e-commerce è la grande storia di Amazon

Ma Amazon gestisce anche un business cloud di infrastruttura ad alto margine e molto grande che cresce ad un tasso del 30% in più. Gestiscono inoltre un’attività di pubblicità digitale in rapido ridimensionamento e con margini molto elevati che ha una lunga passerella davanti a sé. C’è il commercio al dettaglio offline che ha un enorme potenziale grazie alla nuova tecnologia Amazon senza cassa e all’enorme base secondaria Prime.

C’è anche il settore logistico, farmaceutico e lo streaming di videogiochi con Twitch. In altre parole, Amazon è una parte dell’e-commerce e tutta una serie di parti di altre cose. Certo, oggi le altre cose non comprendono un grosso pezzo della torta. Ma tutte quelle altre cose stanno crescendo più rapidamente delle attività di e-commerce, e la maggior parte di quelle aziende ha margini di profitto più alti di quelle di e-commerce.

Pertanto, poiché tali attività si ridimensioneranno nei prossimi anni, la loro crescita dovrebbe essere additiva al profilo del margine di Amazon e alla traiettoria di crescita degli utili. Allo stesso tempo, Amazon dovrebbe mantenere il controllo prevalentemente dominante del mercato dell’e-commerce a causa del loro ecosistema di oltre 100 milioni di sottoscrizioni Prime.

Conclusione sugli investimenti su Amazon

In generale, le azioni Amazon andranno bene, anche se il commercio elettronico potrebbe continuare a rallentare. Ma rimarrà un business in crescita per molto più tempo perché Amazon farà costantemente leva sulla sua enorme base di utenti per mantenere il controllo dominante nel mercato dell’e-commerce a crescita secolare. Allo stesso tempo, le altre attività di Amazon continueranno a crescere con grande ritmo – e così facendo, molte di esse forniranno driver al rialzo per il profilo di margine complessivo dell’azienda. Pertanto, mentre la crescita dei profitti di Amazon è rallentata nell’ultimo anno, non rallenterà per sempre. Invece, i tassi di crescita degli utili dovrebbero accelerare nel medio termine grazie al cloud e alla rampa di annunci digitali.

Altri articoli dello stesso autore:

Piattaforma: 24option

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

Recensione

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

Recensione

*Terms and conditions apply

Condividi l'articolo con i tuoi amici
error

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.