Ieri si è tenuto il 75 ° anniversario dell’inizio della conferenza di Bretton Woods, tenutasi al Mount Washington Hotel negli Stati Uniti (dal 1 al 22 luglio 1944). La conferenza ha creato il sistema finanziario che usiamo oggi, stabilendo le regole che governano ancora le nostre economie. Luno, un’azienda di criptovaluta globale, ha recentemente condotto un’indagine sul Futuro dei soldi in sette mercati chiave. Questo per analizzare la comprensione e gli atteggiamenti che gli individui di tutto il mondo hanno sviluppato nei confronti del sistema finanziario.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKERVANTAGGIDEPOSITO MINIMOAPERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Luno evidenzia i problemi attuali

I risultati indicano che gli intervistati dei mercati emergenti stanno cercando un cambiamento nel modo in cui oggi operano gli scambi monetari globali e il sistema bancario. La conferenza di Bretton Woods, nota anche come la Conferenza monetaria o Conferenza monetaria delle Nazioni Unite, ha creato un nuovo modo di gestire e scambiare valori tra individui e organizzazioni, principalmente in base alle esigenze dei paesi e dei mercati sviluppati.

Marcus Swanepoel, CEO di Luno, afferma che i risultati del sondaggio mostrano che i mercati emergenti stanno cercando di cambiare il sistema finanziario creato 75 anni fa. L’aumento della popolazione, i cambiamenti nella distribuzione e la disuguaglianza della ricchezza, in un momento di enormi progressi nella tecnologia significano che gli attuali sistemi finanziari devono sottoporsi ad un altro momento di Bretton Woods.

Un sistema finanziario che comprende tutti

Gli individui in questi mercati non possono permettersi, e non dovrebbero più, pagare i tassi di cambio esorbitanti, accettare la svalutazione nazionale o perdere quando trasferiscono semplicemente denaro tra individui o entità. L’accesso a un sistema finanziario più inclusivo consentirà alle persone di tutto il mondo di pensare a nuovi e migliori modi di scambio di valore e la tecnologia può svolgere un ruolo chiave qui.

L’indagine ha mostrato che gli intervistati hanno tre aree principali di preoccupazione per il sistema finanziario esistente: vantaggi economici, sicurezza e trasparenza. Era anche molto chiaro che, dove non hanno accesso immediato alla ricchezza nel modo in cui operano i mercati sviluppati, gli intervistati hanno dimostrato una maggiore comprensione di come dovrebbe funzionare per loro e sono aperti ad essere più creativi con il modo di massimizzare il valore di ciò che hanno.

Il sondaggio evidenza una mancanza di fiducia

Nelle società più abbienti, la conoscenza, la protezione e la comprensione del denaro sono meno sviluppate. Ad esempio, alla domanda su quanto siano sicuri riguardo alla loro attuale situazione finanziaria, il Sudafrica (36%), la Nigeria (35%) e il Regno Unito (24%) hanno mostrato la più alta percentuale di individui che affermano di non sentirsi molto sicuri. Questi sono numeri allarmanti e con incertezze politiche come Brexit, anche i mercati consolidati sono sotto pressione. Oltre il 91% degli intervistati in Sud Africa dichiara di pagare un conto bancario personale e il 75% afferma di utilizzare il servizio di mobile banking. I risultati indicano anche che gli intervistati in Sud Africa sono più prudenti con i loro soldi rispetto a quelli nei mercati europei, in quanto la seconda percentuale più alta di intervistati ha dichiarato di investire in prodotti (fondi comuni e titoli azionari) provenienti da quelli del Sud Africa.

In confronto, un’alta percentuale di individui provenienti dai mercati europei; Francia (70%), Regno Unito (61%) e Italia (59%) hanno dichiarato di non investire di solito con lo scopo di aumentare la propria ricchezza. Quando agli intervistati è stato chiesto del budget mensile e delle spese, solo il 54% delle persone nel Regno Unito ha dichiarato di fissare un budget mensile per le spese personali , un enorme confronto con il 73% che ha affermato di aver fatto in Sud Africa, l’80% in Malesia e il 65% in Nigeria. Ciò indica che quelli nei mercati emergenti sono più cauti con le loro finanze personali, con il 66% degli intervistati che affermano che la ragione principale per avere fondi è assicurare il benessere delle loro famiglie.

I nuovi mercati gestiscono diversamente i fondi

Anche se il sistema finanziario è stato istituito 75 anni fa da alcune delle più grandi menti del mondo, è chiaro che molti mercati stanno lottando con la loro economia e non utilizziamo la tecnologia che è ora disponibile. In tutti i mercati, la percentuale di individui che riteneva che la propria economia nelle aree in cui vivono stia funzionando molto bene era bassa. Le risposte più forti sono venute dal Sud Africa (27%) e dalla Nigeria (23%), dove hanno ritenuto che la loro economia fosse piuttosto scadente.

Gli individui provenienti dalle aree rurali hanno mostrato una maggiore percentuale di negatività nei confronti della loro economia rispetto a quelli nelle aree urbane, questo è in gran parte dovuto alla mancanza di accesso al sistema finanziario in quelle aree. Il 23% degli intervistati in Nigeria e il 22% degli intervistati in Sud Africa hanno manifestato una difficoltà per loro nell’inviare denaro all’estero. Il Sudafrica (22%) e la Nigeria (23%) hanno mostrato la più alta percentuale di atteggiamento positivo nei confronti di un’unica moneta globale, migliorando l’attuale sistema finanziario, mentre solo il 7% degli intervistati nel Regno Unito ha concordato.

Una valuta unica

La risposta più comune alla domanda su quali sarebbero i vantaggi di una singola valuta globale, la maggioranza di tutti i mercati si è detta migliore per l’economia globale ; Regno Unito (20%), Francia (21%), Indonesia (39%), Italia (25%), Malesia (25%), Nigeria (39%) e Sudafrica (35%). La risposta più popolare in tutti i mercati a quello che sarebbe lo svantaggio di una valuta globale era che i paesi sarebbero diventati meno indipendenti.

Marcus Swanepoel pensa che mentre alcuni dei più grandi colossi tecnologici del mondo annunciano che stanno lanciando monete di criptovaluta, si crede che i mercati in via di sviluppo saranno gli adottanti principali. La ricerca mostra che in questi mercati le persone sono più esperte dal punto di vista finanziario perché devono esserlo, il che significa che hanno bisogno e comprendono i benefici che le nuove monete possono offrire.

Altri articoli dello stesso autore:

Condividi l'articolo con i tuoi amici
error