L’euro si è abbassato venerdì ed è sulla buona strada per il suo calo settimanale più consistente nelle ultime tre settimane. Uno slittamento dei rendimenti dei titoli governativi centrali ha aumentato le pressioni per nuove politiche di stimolo da parte delle banche centrali globali. Il rendimento del principale Bund decennale tedesco DE10YT = RR ha superato il tasso di deposito della Banca Centrale Europea di -0,40%.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKERVANTAGGIDEPOSITO MINIMOAPERTURA CONTO
Corsi Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

I titoli tedeschi in negativo

Un analista di livello afferma che agisce come una barriera psicologica anche se i rendimenti dei titoli tedeschi a più breve scadenza sono già ben al di sotto di esso. Ma nonostante l’inesorabile calo dei rendimenti, la moneta unica è stata sostenuta relativamente bene a circa $ 1,12, un livello scambiato sopra dall’inizio di giugno e dell’1,5% sopra il minimo del 2019 di $ 1,155 a fine maggio.

Gli analisti dicono che la forza sorprendente dell’euro è dovuta al timore che qualsiasi stimolo da parte della Banca centrale europea dopo anni di tassi di politica negativa e più cicli di acquisti di obbligazioni possa essere sminuito dai probabili grandi tagli dei tassi da parte della Fed.

Fiducia nella BCE

Gli strateghi di Commerzbank hanno dichiarato che Anche se non è da escludere in alcun modo la possibilità che la BCE possa ancora una volta suscitare una sorpresa espansiva, a medio termine, potrebbe trovare difficile compensare eccessivamente la portata significativa della Fed per i tagli dei tassi di interesse.

Venerdì, la moneta unica EUR = EBS è diminuita dello 0,1% a $ 1,1273 ed è in linea con una perdita settimanale dello 0,8% rispetto al dollaro, la sua più grande perdita settimanale da metà giugno.

Le aspettative sui tagli dei tassi degli Stati Uniti non saranno scosse dai dati sull’occupazione dovuti più tardi, con gli economisti interpellati da Reuters che prevedono che i salari non agricoli degli Stati Uniti aumenteranno di 160.000 a giugno dai 75.000 di maggio.

Le principali valute mondiali

L’indice del dollaro DXY contro un paniere di sei valute principali è rimasto poco cambiato a 96.823, dopo aver trascorso il giorno precedente in una fascia ristretta poiché i mercati finanziari statunitensi sono stati chiusi per la festa dell’indipendenza. Il dollaro australiano AUD = D4 è stato un po ‘più debole a $ 0,7016 dopo essere salito a un massimo di due mesi di $ 0,7048 il giorno precedente.

Il dollaro australiano è avanzato dell’1,4% questa settimana, con i tagli attesi dei tassi da parte della Fed e della BCE, che hanno contribuito a spostare un po ‘di attenzione dalla parzialità dell’allentamento della Reserve Bank of Australia. La sterlina ha lottato vicino a un minimo di due settimane di $ 1,2557 GBP = D4 scandito mercoledì. Sarà il giorno giusto per investire sul forex?

Altri articoli dello stesso autore: