La diffusione del Covid19 nel mondo ha avuto enormi ripercussioni sulle economie delle nazioni coinvolte. Con il lockdown imposto dai governi per contrastare la pandemia, tantissime attività sono state costrette a chiudere i battenti, con un conseguente calo della produzione, in molti casi ingestibile. Le Borse di tutto il mondo sono crollate, la disoccupazione è in netto rialzo e il mercato delle valute ha iniziato ad essere caratterizzato da una forte volatilità. Tanti investitori hanno scelto di comprare e investire in criptovalute per arginare i rischi. Eppure, esaminare attentamente la condizione attuale del mercato valutario, può aprire a nuove opportunità interessanti, derivanti da diversi scenari.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Le considerazioni degli analisti sull’impatto del coronavirus sulle principali valute

Partiamo dalla moneta unica. L’Europa è stato il primo continente ad essere travolto dall’emergenza, dopo la Cina. Italia e Spagna hanno dato il via all’epidemia nel Vecchio Continente, subendone anche le maggiori conseguenze, sia a livello sanitario che economico. E facendo registrare il più alto numero di morti tra le nazioni UE.

I governi, dopo aver deciso per un inevitabile lockdown, hanno iniziato gradualmente ad allentare le misure di contenimento e a varare eccezionali provvedimenti per far ripartire l’economia. La BCE ha annunciato un’iniezione di denaro da ben 750 miliardi di euro.

In questo contesto, la moneta unica ha perso molto del suo valore, in particolare contro il dollaro. A marzo, la coppia EUR/USD viaggiava attorno a quota 1,068, uno dei livelli più bassi degli ultimi anni.

Anche la sterlina ha subito il colpo, facendo registrare il più importante ribasso dal 1970. Il Regno Unito è stato l’ultimo Paese a dichiarare il lockdown in Europa, dopo le controverse strategie del primo ministro. Inevitabilemente, l’incertezza ha aggravato la situazione, trasformando la Gran Bretagna in uno dei Paesi con il più alto numero di morti per coronavirus.

La forza del dollaro

La valuta che ha reagito meglio all’impatto del covid19 è stata senz’altro il dollaro americano.

Ciò che ha maggiormente aiutato il biglietto verde ad essere forte è legato alla richiesta di valuta americana nel mondo, in questo momento di crisi. Il dollaro USA, infatti, costituisce il 70% delle riserve di valuta estera delle banche centrali di tutto il mondo.

Tuttavia, continuano le tensioni tra USA e Cina. Washington insiste nel controllare gli investimenti nelle aziende cinesi e i conti delle società cinesi quotate in Borsa. Si attende una risposta da parte di Pechino, ma la situazione generale di incertezza sta spingendo gli investitori alla vendita ad oltranza, soprattutto nel mercato azionario.

Donald Trump persiste nel mostrarsi ottimista sulla forza del dollaro, sostenendo l’efficiacia della propria politica economica per contrastare la crisi finanziaria. In realtà, il biglietto verde si sta rafforzando, come abbiamo visto, per altri motivi.

Di conseguenza, risulta difficile fare previsioni a lungo termine. Soprattutto in un contesto in cui l’alta volatilità farà la differenza ancora per molti mesi.

Altri articoli dello stesso autore: