Nel cambio GBP/USD di oggi, la sterlina beneficia della debolezza del dollaro, ma si profilano ostacoli. La valuta del Regno Unito continua il suo percorso in salita contro il biglietto verde, nonostante la politica della banca centrale e le preoccupazioni per una seconda ondata di contagi di coronavirus ne abbiano limitato i guadagni. Per chi sceglie di investire nel Forex in questo particolare momento storico/economico, le condizioni del dollaro USA rappresentano il più importante indicatore finanziario.

La sterlina ha recuperato quasi tutte le perdite subite nei confronti del dollaro, a seguito del sell off alimentato dalla pandemia a marzo e aprile. La scorsa settimana, la valuta britannica è salita ad un massimo di cinque mesi.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250€

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200€

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10€

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Cambio sterlina dollaro tra appuntamenti e previsioni

Nel complesso, la ripresa della sterlina è stata impressionante nelle ultime settimane. La moneta ha registrato il suo più grande aumento mensile in più di un decennio a luglio. Ciò è avvenuto nonostante le prospettive di una svolta nei negoziati per la Brexit con l’Europa, prima della scadenza di dicembre, rimangano incerte.

Secondo gli analisti, la salita della sterlina non dipende tanto dalla sua forza, quanto dalla debolezza del dollaro. Le pressioni sul biglietto verde stanno riprendendo, in parte, a causa della risposta della Federal Reserve al coronavirus. Ad ogni modo, la moneta britannica sta recuperando anche contro l’euro.

Tuttavia, il pound si è rafforzato, nelle ultime settimane, di circa il 15% contro il biglietto verde, ma meno del 6% rispetto all’euro e di circa il 12% contro lo yen giapponese. Ulteriore segnale che sia la debolezza della valuta USA a generare i guadagni di quella inglese.

Allo stesso tempo, la sterlina deve affrontare venti contrari sia interni che esterni.

La scorsa settimana, Il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato che rinvierà la prossima fase di allentamento delle misure preventive contro il coronavirus, di almeno due settimane, a causa del recente aumento dei tassi di infezione.

Negli Stati Uniti, i democratici del Congresso e i negoziatori della Casa Bianca sono in trattative su un nuovo disegno di legge per contrastare la pandemia. Venerdì è scaduto il termine per estendere i pagamenti della disoccupazione.

Le previsioni

Al momento, secondo gli esperti, qualsiasi ritardo nello svelare ulteriori misure di stimolo all’economia alimenterebbe un altro giro di vendite in attività rischiose, e trascinerebbe la sterlina verso il basso.

Gli investitori attendono anche l’incontro politico della Banca d’Inghilterra, fissato per il prossimo giovedì. La riunione avverrà in un momento in cui i mercati monetari stanno già valutando le prospettive di tassi di interesse negativi all’inizio del prossimo anno.

Andando a dare un’occhiata ai grafici del cambio sterlina dollaro, traspare come la coppia GBP/USD sia ora focalizzata sulla resistenza 1,2970, appena superata. Per i trader sarà importante capire se la quotazione potrà rimanere sopra questo livello.

Ad ogni modo, la debolezza del biglietto verde a breve termine sembra essersi stabilizzata e, per oggi, è probabile che la GBP si consolidi e venga scambiata tra 1,3020 e 1,3125.

Altri articoli dello stesso autore: