La società lussemburghese che si occupa di tutelare le informazioni dei consumatori, afferma che è in discussione con Amazon. L’accusa è sulle registrazioni vocali fatte da clienti che hanno utilizzato l’assistente intelligente Alexa. La società di Lussemburgo è l’autorità di controllo capofila della società nell’UE, il che significa che coordina le indagini sugli affari per conto degli altri Stati membri.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKER VANTAGGI DEPOSITO MINIMO APERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Amazon non risponde

Nonostante tutto Amazon ha rifiutato di commentare alle accuse subite. Ma un portavoce della National Data Protection Commission (CNPD) ha affermato che i cittadini potrebbero presentare un accordo conforme alla nostra autorità o alla sua autorità nazionale di controllo se avessero preoccupazioni. Il portavoce ha aggiunto che sfortunatamente, in questa fase, non è possibile commentare ulteriormente questo caso poiché vincolati dall’obbligo del segreto professionale

La preoccupazione per le registrazioni di Alexa è emersa ad aprile dopo che l’agenzia di stampa Bloomberg ha parlato con il personale che aveva trascritto clip per l’azienda. Diceva che le registrazioni erano state talvolta innescate dagli altoparlanti intelligenti di Amazon che avevano male interpretato il comando che dovrebbe limitare quando l’audio viene trasmesso all’azienda. Riferiva di aver incluso conversazioni quotidiane e casi di sospetto di violenza sessuale.

Amazon assume revisori umani

Amazon afferma di utilizzare revisori umani per migliorare l’accuratezza della sua tecnologia di riconoscimento vocale e per sviluppare nuove funzionalità. Mentre parte di questo lavoro viene svolto negli uffici di Amazon, è emerso che alcuni appaltatori esterni sono stati incoraggiati a fare le trascrizioni da casa. A giugno, il capo Alexa di Amazon, Dave Limp, ha dichiarato alla BBC che solo una parte dell’1% delle registrazioni di Alexa è stata controllata dagli umani.

Ma ha riconosciuto che i termini e le condizioni dell’azienda potrebbero essere stati più specifici per chiarire che l’audio potrebbe essere soggetto a revisione umana. Ultimamente le azioni Amazon hanno avuto un ribasso per via delle continue indagini che subisce. Dopo la notizia del non rispetto dei lavoratori, continuano le accuse e questo probabilmente porterà nuovamente il titolo a perdere valore. Molti trader consigliano comunque di comprare azioni Amazon in giornata, visto il prezzo favorevole.

Google e Apple non registreranno più

Alla fine della scorsa settimana, l’azienda ha aggiunto un’opzione nell’app per smartphone di Alexa per consentire agli utenti di escludere le proprie registrazioni dal relativo database. Un portavoce ha dichiarato alla BBC che questa mossa non era correlata alle azioni del CNPD. La scorsa settimana, Apple ha rivelato di aver interrotto anche la revisione umana delle registrazioni effettuate tramite il suo assistente virtuale Siri, mentre Google ha dichiarato di aver sospeso controlli simili effettuati sull’audio acquisito tramite il suo Assistente in tutta l’UE.

L’autorità di controllo principale per queste due società è il supervisore dei dati dell’Irlanda il quale ha detto alla BBC che era in contatto con entrambe le aziende. Un portavoce BBC ha affermato che la Commissione per la protezione dei dati si sta impegnando sia con Google che con Apple per stabilire ulteriori dettagli sul trattamento dei dati personali nel contesto della trascrizione manuale delle registrazioni audio raccolte dagli assistenti digitali di tali società e per stabilire in che modo le società interessate ritengono che tali il trattamento dei dati è conforme ai loro obblighi GDPR (General Data Protection Regulation). Anche Google ha cominciato a occuparsi delle accuse nei suoi confronti, anche se nonostante tutto il titolo si sta comportando bene oggi. Gli speculatori hanno deciso di investire sulle azioni Google a rialzo, visto il trend rialzista che ha preso da alcuni giorni.

Altri articoli dello stesso autore:

Condividi l'articolo con i tuoi amici
error