Unicredit ha appena dichiarato di aver nominato Mirko Bianchi, attualmente co-chief financial officer, come nuovo capo delle attività di gestione patrimoniale e private banking del gruppo. La decisione è stata presa nell’ambito dell’ultimo rimpasto di gestione della banca italiana. Una notizia che contribuisce, nella sfera del trading online, al rialzo odierno del titolo dell’istituto di credito, in questo momento pari a +0,50%.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250€

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200€

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10€

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Unicredit, le ultime novità

Stefano Porro, attualmente co-CFO insieme a Bianchi, assumerà la responsabilità esclusiva dell’incarico e riporterà a Wouter Devriendt, l’ex CEO di Dexia, ora responsabile della finanza e del controllo del gruppo UniCredit.

Bianchi, che sarà supportato dal vice Stefano Vecchi, attuale responsabile della gestione patrimoniale in Italia, riporterà direttamente ai co-CEO di UniCredit per il settore bancario commerciale nell’Europa occidentale, Francesco Giordano e Olivier Khayat.

Nel dettaglio, Mirko Bianchi prende il posto di Marco Bizzozero, che ha deciso di lasciare il gruppo per lavorare presso un’azienda fintech statunitense.

Tutti i nuovi incarichi diventeranno ufficiali a partire da giovedì.

UniCredit punta a vendere i leasing tedeschi e altre attività

Nel frattempo, come emerso recentemente, UniCredit sta cercando di vendere le sue operazioni di leasing tedesco e un’unità di investimento immobiliare locale. L’indiscrezione è stata rivelata da alcune fonti informate sui fatti, ma che hanno preferito rimanere anonime. Se confermata, la vicenda rappresenterebbe un’altra mossa da parte della banca italiana per liberarsi di beni.

L’attività di leasing in Germania di UniCredit, che fornisce finanziamenti per beni capitali come macchinari, ha un valore patrimoniale netto di circa 500 milioni di euro.

Un rappresentante di UniCredit in Germania ha rifiutato di commentare la notizia.

L’istituto di credito milanese ha completato con successo una complessa ristrutturazione societaria sotto la guida dell’amministratore delegato Jean Pierre Mustier, dalla metà del 2016. In questo percorso, il gruppo ha perso miliardi di euro in attività per rafforzare la sua forza finanziaria e ripulire il suo bilancio.

Ora, le banche europee si stanno preparando a un nuovo aumento di prestiti non pagati, man mano che le misure di sostegno del governo per aiutare le imprese colpite dal coronavirus e dall’indebolimento della domanda saranno gradualmente eliminate.

Il piano di vendita di beni di UniCredit arriva dopo che la rivale Intesa Sanpaolo ha ricevuto due offerte non vincolanti per la sua attività di leasing, che sta vendendo insieme a 1 miliardo di euro di contratti di leasing deteriorati.

Le banche che cedono le operazioni di leasing continuano a offrire ai propri clienti servizi di leasing tramite un fornitore di terze parti.

Inoltre, UniCredit inizierà ad ottobre la vendita di WealthCap, un’azienda che offre ai clienti opportunità di investimento nel settore immobiliare. Si stima che WealthCap abbia un valore aziendale di 150-200 milioni di euro.

Sul mercato, le Azioni Unicredit sono in rialzo da tre sedute consecutive, pur avendo il titolo un valore attuale di 7.1610, ovvero circa la metà del massimo di 52 settimane di 14.442.

Le Azioni Intesa Sanpaolo sono invece in calo dello 0,37%, a quota 1.6186. In questo caso, il massimo di 52 settimane equivale a 2.6325, con una variazione in negativo, su base annuale, del 24,8%.

Altri articoli dello stesso autore: