PayPal Holding Inc è diventato il primo operatore straniero con il controllo al 100% di una piattaforma di pagamento in Cina. La conferma arriva direttamente dai dati del governo cinese. Secondo un rapporto degli azionisti del National Enterprise Credit Information Publicity System, infatti, il gigante statunitense della fintech ha acquisito l’ultima quota del 30% che ancora non possedeva della società cinese GoPay, formalmente nota come Guofubao Information Technology Co., il 31 dicembre 2020. La notizia ha entusiasmato i trader che si sono riversati a comprare Azioni PayPal, facendo salire il titolo a +3,06%, durante l’ultima seduta di mercato.

Per quanto riguarda il trading online sull’azienda californiana, la quotazione vanta un rialzo su 12 mesi del 113.63%. Attualmente, il titolo si trova vicinissimo al suo picco storico di 247 dollari per azione, avendo raggiunto, ieri, il prezzo di 244 dollari. Nel pre market di oggi, la quotazione è data in rialzo, al momento, di un ulteriore 0,44%, che porterebbe il titolo oltre 245 dollari.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: FXPN

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

PayPal e l’acquisizione di GoPay: i dettagli

L’acquisto della rimanente quota di GoPay è avvenuto un anno dopo che PayPal aveva acquisito la partecipazione del 70% del brand cinese, per un importo non divulgato. Ed è così che l’operatore finanziario americano è diventato la prima società straniera autorizzata a fornire servizi di pagamento online in Cina, controllando al 100% il sistema di pagamento.

Al momento, non sono stati divulgati altri dati riguardanti l’operazione e PayPal ha rifiutato di commentare.

Nel prendere il pieno controllo di uno dei più piccoli attori nel più grande mercato dei pagamenti al mondo, ovvero quello cinese, PayPal competerà con giganti nazionali del calibro Alipay, di proprietà di Ant Group, affiliato ad Alibaba, e WeChat Pay, di proprietà di Tencent Holdings Ltd

La Cina apre a 360° il settore finanziario. Non a caso, l’acquisto totale di GoPay da parte di PayPal arriva anche nel mezzo della campagna antimonopolio di Pechino contro Alibaba Group Holding Ltd e altre società Internet.

Lo scorso agosto, PayPal ha nominato Hannah Qiu a capo delle attività in Cina, responsabile della formulazione della strategia a lungo termine nella seconda economia mondiale. Stando a quanto si legge sul sito web di PayPal, Qiu è una ex dirigente dell’unità fintech dell’assicuratore Ping An Group OneConnect.

PayPal aveva precedentemente affermato, nel piano annuale 2019, che il suo obiettivo iniziale in Cina era quello di fornire soluzioni di pagamento transfrontaliere a commercianti e consumatori cinesi. In particolare, le attività previste avrebbero permesso di collegare l’ecosistema commerciale del paese alla rete globale di PayPal.

La concorrenza

Ed è proprio in quell’area che PayPal affronta la lotta più aspra della concorrenza delle società cinesi.

Bill Deng, amministratore delegato e co-fondatore di XTransfer, una piattaforma di pagamento con sede a Shanghai che facilita i trasferimenti di denaro transfrontalieri per i commercianti cinesi, non è stato affatto timido sulle sue ambizioni di emulare PayPal.

Interpellato da Reuters, Deng ha dichiarato di considerare la propria azienda come il PayPal cinese nelle attività transfrontaliere.

Per la società americana, quindi, sarà dura, ma intanto l’azienda vanta un primato importantissimo, anche considerando le recenti relazioni tra Washington e Pechino.

Altri articoli dello stesso autore: