Nell’ambito del trading online di queste ultime settimane del 2020, uno degli argomenti più in trend tra gli investitori è, senz’altro, se comprare azioni Airbnb o meno. La società di San Francisco sta per lanciare la sua storica IPO, sulla quale ci sono diverse novità. Secondo il Wall Street Journal, infatti, Airbnb intende aumentare la fascia di prezzo per la sua offerta pubblica iniziale tra $ 56 e $ 60 per azione.

In precedenza, la compagnia aveva pianificato di vendere azioni tra i $ 44 e i $ 50 ciascuna. Ciò significa un aumento del 27% sul prezzo minimo e del 20% sul prezzo massimo.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: OBRInvest

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: FXPN

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Aggiornamenti IPO Airbnb: tutti i dettagli

La società statunitense di affitti di case potrebbe informare gli investitori già oggi della nuova gamma di prezzi, con una dichiarazione pubblica.

Airbnb intende vendere 50 milioni di azioni tramite la sua offerta pubblica prevista per il 10 dicembre. La nuova gamma di prezzi stabilita aumenterebbe la valutazione di Airnbnb a $ 42 miliardi, inclusi titoli come opzioni e unità di azioni limitate. Airbnb comparirà sul Nasdaq con il simbolo ABNB.

La valutazione aggiornata corrisponderebbe a oltre il doppio della più recente valutazione privata di Airbnb di $ 18 miliardi (Aprile 2020).

La scorsa settimana anche la società di consegne di cibo DoorDash ha aumentato la sua gamma di prezzi IPO. La compagnia, anch’essa con sede a San Francisco, prevede di vendere 33 milioni di azioni a un prezzo compreso tra $ 90 e $ 95 per azione, rispetto a un obiettivo precedente compreso tra $ 75 e $ 85 per azione.

L’IPO di DoorDash è prevista per l’8 dicembre, mentre il suo debutto commerciale al NYSE seguirà il giorno successivo.

Le due startup mirano a raccogliere un totale di $ 6,2 miliardi nella fascia più alta delle loro gamme di prezzo. Secondo Bloomberg, si tratta di un nuovo record per il volume delle IPO di dicembre.

Airbnb semplifica le commissioni

Nel frattempo, la compagnia guidata da Brian Chesky ha richiesto alla maggior parte degli host professionali al di fuori del Nord America di includere tutte le commissioni di servizio nella tariffa presentata agli ospiti. Una mossa che, certamente, rispecchia il modo in cui operano le piattaforme rivali.

Nel dettaglio, Airbnb richiederà agli host che utilizzano software di terze parti di gestire le prenotazioni in modo tale da eliminare la commissione di servizio pagata dagli ospiti, che viene tradizionalmente applicata al prezzo della quota. Gli host, invece, pagheranno una tariffa standard del 15%, rispetto al tipico 3% che viene attualmente applicato.

La nuova struttura tariffaria con i prezzi semplificati, secondo alcuni test realizzati dalla stessa Airbnb, avrebbe contribuito a generare il 17% di prenotazioni in più.

Tuttavia, se questi cambiamenti hanno ottenuto l’approvazione degli host più grandi, lo stesso non si può dire dei piccoli affittuari, preoccupati di non riuscire ad aumentare i prezzi di quel tanto che servirebbe per coprire l’aumento della tariffa di accoglienza.

Altri articoli dello stesso autore:

  •  
  •  
  •  
  •