Il nascente caso antitrust del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti contro Google attirerà l’attenzione di cui ha bisogno per avere successo, anche se il democratico Joe Biden vincerà la presidenza degli Stati Uniti il mese prossimo. Con questa affermazione da parte degli esperti antitrust, i trader intenzionati ad investire in azioni in ambito tech, sanno cosa aspettarsi.  

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Google e il caso antitrust: tutto quello che c’è da sapere

William Kovacic, professore di antitrust presso la George Washington University Law School, ha affermato che si aspetta che un Dipartimento di Giustizia guidato da Biden faccia una di queste due cose: sostenere il caso fino in fondo o modificare la denuncia per aggiungere nuove accuse. Sicuramente, non ci sarà un’archiviazione del caso.

Ricapitolando, nella giornata di martedì, l’attuale Dipartimento di Giustizia ha chiesto a un tribunale di verificare se Google di Alphabet avesse infranto la legge antitrust per mantenere il suo predominio nel segmento della ricerca web e nella pubblicità associata alla ricerca. Google ha negato ogni illecito.

Al momento, l’entourage di Biden ha rifiutato di commentare la causa. Tuttavia, il portavoce Bill Russo ha affermato che un’amministrazione Biden lavorerebbe a stretto contatto, sui problemi dei Big Tech, con il rappresentante David Cicilline, il cui comitato della Camera ha prodotto un rapporto in cui accusa Google di utilizzare tattiche aziendali aggressive per contrastare i suoi concorrenti.

Russo ha aggiunto che un’amministrazione Biden si impegnerebbe a fare di più per garantire che un potere di mercato eccessivo non danneggi le famiglie e i lavoratori americani.

A seguito della diffusione della notizia, le azioni Google sono in ribasso dello 0,15% nel pre market di oggi, dopo il rialzo del 2,25% di ieri.

Cosa aspettarsi

Herbert Hovenkamp, che insegna diritto antitrust presso la Carey Law School dell’Università della Pennsylvania, ha affermato che ci si deve attendere che la causa federale venga ampliata sotto l’amministrazione Biden.  

D’altro canto, un’amministrazione Biden non avrebbe bisogno di guardare lontano per espandere la causa. Il procuratore generale del Colorado Phil Weiser, un veterano del Dipartimento di Giustizia del presidente Barack Obama, è a capo di un gruppo bipartisan che esamina l’intera portata dell’attività di Google.

Ciò significa che il Colorado potrebbe esaminare altri aspetti dell’attività di Google, come le accuse secondo cui l’azienda utilizzerebbe la sua popolare funzione di ricerca per favorire i grandi inserzionisti e i propri prodotti, come il portale YouTube.

Ad onor del vero, però, è anche possibile che il team di Biden sia disposto a prendere in considerazione la possibilità di un accordo con Google. Al contrario non vi è alcun segno che una nuova amministrazione Trump potrebbe fare altrettanto.

Il presidente Donald Trump e altri conservatori hanno criticato aspramente alcune aziende tecnologiche per aver presumibilmente tentato di soffocare le voci dei sostenitori conservatori. Una preoccupazione che il team di Biden non condividerebbe.

Le opzioni di transazione potrebbero includere l’accettazione da parte di Google della non discriminazione nella ricerca o il blocco della pre installazione dei prodotti Google, come Chrome, sugli smartphone Android, in cambio dell’accesso al Play Store di Google.

Altri articoli dello stesso autore: