Il produttore Peugeot PSA e l’italo-americana Fiat Chrysler (FCA) hanno ristrutturato i termini della loro prevista fusione per risparmiare denaro. Le due compagnie hanno inoltre intensificato i livelli di riduzione dei costi promessi durante la pandemia. Le due società, destinate a confluire in Stellantis, la quarta casa automobilistica più grande del mondo, hanno dichiarato congiuntamente che i nuovi termini dell’accordo prevedono alcuni tagli.  

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

I dettagli del nuovo contratto

Fiat ridurrà a 2,9 miliardi di euro la parte in contanti dei 5,5 miliardi di dividendo speciale che i suoi azionisti riceveranno secondo quanto stabilito lo scorso anno.

La francese PSA, il cui portafoglio di marchi comprende anche Citroen e Opel, a sua volta rinvierà il previsto scorporo della sua partecipazione del 46% nel produttore di componenti Faurecia, fino a dopo la chiusura della fusione, e lo estenderà a tutti gli azionisti del nuovo gruppo. La capitalizzazione di mercato di Faurecia è di circa 5,9 miliardi di euro.

I due gruppi hanno affermato che i nuovi emendamenti hanno l’obiettivo di preservare l’equilibrio del contratto di fusione originale. Inoltre, si specifica che la proprietà di Stellantis rimane divisa al 50/50 tra gli attuali azionisti di PSA e FCA.

Tuttavia, una fonte molto vicina alle due compagnie, nella giornata di ieri, avrebbe affermato che lo scopo delle modifiche è, in realtà, quello di rafforzare la struttura di bilancio di entrambe le società, dopo la crisi del COVID-19. E inoltre, di garantire che il piano di fusione si concluda il prima possibile.

Scendendo ancor più nei dettagli della questione, i tagli stabiliti dal nuovo contratto sono stati decisi dopo che gli analisti del gruppo hanno stabilito che un così alto pagamento in contanti agli azionisti di FCA, avrebbe potuto indebolire le finanze della nuova casa automobilistica. L’analisi ha tenuto conto principalmente del fatto che l’industria automobilistica sta pagando un prezzo molto elevato per l’epidemia di coronavirus.

L’amministratore delegato di FCA Mike Manley e il CEO di PSA Carlos Tavares hanno ribadito la necessità che le due società arrivino alla fusione con i bilanci più solidi possibili. Al contempo, è molto importante che gli azionisti ricevano quanto stabilito in precedenza.

FCA e PSA hanno affermato che le sinergie annuali stimate dalla loro fusione sono state ora viste a oltre 5 miliardi di euro, rispetto a una stima iniziale di oltre 3,7 miliardi.

Infine, le due case automobilistiche hanno confermato di aspettarsi di completare il processo di fusione entro la fine del primo trimestre del 2021.

Entrambe, all’inizio di quest’anno, hanno interrotto i pagamenti dei dividendi sui risultati del 2019, ciascuno del valore di 1,1 miliardi di euro.

Quotazione Fiat oggi 15 Settembre

In questo momento, le Azioni Fiat quotate a Piazza Affari sono in rialzo del 5,62% e hanno raggiunto un prezzo di 10.544 euro per azione. Su dodici mesi, tuttavia, la quotazione ha perso il 20,53% del suo valore.

Attualmente, Fiat Chrysler ha una capitalizzazione di mercato di 21.32B, con oltre 2 miliardi di azioni in circolazione.

 

Altri articoli dello stesso autore: