Non c’è ancora l’ufficialità, ma sembrerebbe che la casa farmaceutica tedesca sia finalmente vicina a raggiungere l’accordo per risolvere buona parte delle 125 mila cause legate alla questione Glisofato. Bayer sarebbe coinvolta nello scandalo a causa dell’acquisizione Monsanto, azienda statunitense che ha prodotto un diserbante contenente, appunto, Glisofato, sostanza oggi considerata cancerogena.

La società tedesca sarebbe pronta a chiudere circa 80mila contenziosi, su 125mila, sborsando complessivamente 10 miliardi, accantonati dall’azienda specificatamente per questo motivo. Attualmente, sulla casa farmaceutica pesano già tre condanne. Fonti vicino al management della compagnia sostengono che, per questo motivo, Bayer accetterà un accordo solo se questo andrà a chiudere definitivamente le cause aperte.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250€

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200€

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10€

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Azioni Bayer: la situazione sui mercati finanziari

Con queste novità, le previsioni sul Titolo Bayer AG sono piuttosto positive. Il grafico rileva un importante rialzo subito dopo la fuga di notizie.

In questo momento, nella seduta odierna di mercato, la quotazione è in ribasso dell’1,20%, a 61,52 euro per azione. Tuttavia, nelle ultime sedute c’è stata un’importante crescita che ha favorito gli acquisti.

Andando a valutare la situazione complessiva, dopo il crollo delle Borse di metà Marzo, il titolo ha reagito con convinzione, recuperando parte dei guadagni persi. Attualmente, la variazione su 1 anno è in positivo del 15,53%. Minimo e massimo di 52 settimane rispettivamente di 44,85 e 78,34 euro.

Gli analisti sono propensi a consigliare il Titolo Bayer come investimento di qualità e ampio margine di apprezzamento. D’altro canto, tutto il settore farmaceutico ha vinto la sfida delle trimestrali. Anche Bayer ha battuto le previsioni, con ricavi superiori alle attese.

Case farmaceutiche: la corsa al vaccino vale 30 miliardi

Occhi puntati sul settore della ricerca farmaceutica anche in Borsa, dal momento che la corsa al vaccino per prevenire il Covid19 vale ben 30 miliardi. Gli investitori che riusciranno ad indovinare chi vincerà la sfida, potranno raggiungere ottimi profitti. Già oggi, il valore delle aziende impegnate nella ricerca è lievitato di 175 miliardi.

E’ stato stimato che, per la società che si aggiudicherà la distribuzione del vaccino, ci saranno guadagni immediati fino a 30 miliardi, e successive entrate annuali tra i 2 e i 25 miliardi.

E’ anche una sfida tra economie mondiali: USA, Cina e Europa vogliono raggiungere la meta per primi. Ne deriverà un mercato influenzato, certamente, anche da questa battaglia.

Nonostante l’Organizzazione mondiale della Sanità reclami la collaborazione, la scoperta del vaccino anti covid19 ha un valore economico e politico troppo alto.

Il primo Stato che svilupperà l’antidoto potrà proteggere i propri confini ad un costo basso, ma soprattutto potrà dare un incredibile slancio alla propria economia.

Tant’è che per vincere la sfida si tenta qualsiasi strada. Basti pensare che Trump, per aggiudicarsi il primato, avrebbe persino tentato di acquistare l’esclusiva sulla ricerca della casa tedesca Cure Vac.

Tra le migliori sperimentazioni in atto, al momento, c’è anche quella italo-inglese, con un vaccino sviluppato dall’Università di Oxford, in collaborazione con la società italiana Advent-IRBM con sede a Pomezia, nel Lazio.

Altri articoli dello stesso autore: