Un tribunale indiano ha convocato Alibaba e il suo fondatore Jack Ma a rispondere delle accuse di un ex dipendente dell’azienda che afferma di essere stato licenziato ingiustamente, dopo aver segnalato censure e notizie false sulle app aziendali. La notizia è stata riportata da Reuters poche ore fa e qualche settimana dopo che l’India ha iniziato a vietare l’utilizzo di UC News di Alibaba, UC Browser e altre 57 app cinesi, per problemi di sicurezza, dopo uno scontro con Pechino.

A seguito del divieto, a cui la Cina si è opposta, l’India ha cercato risposte scritte da tutte le società interessate. In particolare, è stato chiesto alle società se censurassero o meno alcuni contenuti o agissero per qualche governo straniero.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250€

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200€

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10€

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Alibaba e la vicenda giudiziaria in India

In atti giudiziari datati 20 luglio e in precedenza non segnalati, l’ex dipendente di UC Web di Alibaba, Pushpandra Singh Parmar, sostiene che la società era solita censurare i contenuti visti come sfavorevoli per la Cina. Le sue app UC Browser e UC News, secondo l’ex dipendente, hanno spesso mostrato false notizie.

Secondo alcuni documenti emersi recentemente, il giudice civile Sonia Sheokand, di un tribunale distrettuale di Gurugram, una città satellite della capitale dell’India, Nuova Delhi, ha convocato il numero uno di Alibaba, Jack Ma, assieme ad altri esponenti dell’azienda. Il Team dovrà presentarsi in tribunale, personalmente o tramite un avvocato, il giorno 29 luglio.

Il giudice ha anche chiesto alla società e ai suoi dirigenti di fornire risposte scritte in merito alle accuse, entro 30 giorni.

UC India ha dichiarato che questa azione giudiziaria rientra nel suo impegno a difesa del mercato indiano e del benessere dei suoi dipendenti locali. Inoltre, si specifica che le politiche adottate sono conformi alle leggi locali.

Al momento, Alibaba non ha rilasciato commenti sulla vicenza.

Parmar, che ha lavorato come direttore associato presso l’ufficio UC Web di Gurugram fino all’ottobre 2017, chiede un risarcimento danni per 268.000 dollari.

Il caso giudiziario è l’ultimo ostacolo per Alibaba in India, dopo il divieto di scaricare le proprie app di notizie approvato dal governo indiano. A seguito di questo provvedimento, UC Web ha iniziato a licenziare alcuni membri del personale in India.

Prima che le app fossero bandite, l’app di UC Browser era stato scaricata almeno 689 milioni di volte in India, mentre UC News contava 79,8 milioni download, la maggior parte durante il 2017 e il 2018.

Quotazione Alibaba, Titolo ai massimi 

I trader che hanno scelto di investire in Azioni Alibaba sono alle prese con una quotazione dal duplice volto. Da una parte, il Titolo sta toccando, in questo periodo, i massimi annuali, nonché i massimi storici. Di conseguenza, vista a lungo termine, la situazione è piuttosto positiva, con il prezzo in crescita di quasi il 40% in 12 mesi.

Al contempo, nel breve termine, la quotazione vive di tantissimi alti e bassi, sia legati alla crisi globale del mercato azionario, sia inerenti ad alcune problematiche che la società sta affrontando, come nel caso sopracitato.

Il Titolo Alibaba ha chiuso l’ultima seduta di mercato a Wall Street in calo dell’1,14%, a quota 249 dollari per azione.

Altri articoli dello stesso autore: