La società cinese Xiaomi Corp prevede di realizzare veicoli elettrici (EV) utilizzando la fabbrica di Great Wall Motor Co Ltd. L’indiscrezione è arrivata da tre persone informate sui fatti. Ancora un’azienda tecnologica, dunque, che decide di partecipare alla corsa alla mobilità intelligente. Sulla Borsa di Hong Kong, dopo la notizia, le Azioni Xiaomi sono schizzate a +6,28%, a quota 25.40 HKD. Sui mercati OTC, al contrario, il titolo è sceso del 7,23%, portandosi sotto i 3 dollari per azione. Le Azioni Great Wall sono aumentate di oltre il 15%.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: OBRInvest

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: FXPN

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Xiaomi oltre gli smartphone, scelta obbligata

Xiaomi, uno dei più grandi produttori di smartphone al mondo, è in trattative per utilizzare uno degli stabilimenti della Great Wall in Cina per realizzare veicoli elettrici con il proprio marchio. Gli informatori hanno preferito rimanere anonimi, vista la non ufficialità della notizia.

Xiaomi produrrà modelli di veicoli elettrici destinati al mercato di massa, in linea con il posizionamento più ampio dei suoi prodotti di elettronica.

Great Wall, che non ha mai offerto servizi di produzione ad altre società, fornirà anche consulenza ingegneristica a Xiaomi, per accelerare il progetto.

Entrambe le società prevedono di annunciare la partnership all’inizio della prossima settimana, con gli investitori alla finestra.

Veicoli più intelligenti

Il piano arriva mentre Xiaomi cerca di diversificare i suoi flussi di entrate dal business degli smartphone, che rappresenta la maggior parte del suo fatturato, ma con margini di profitto sottili come una lama. Mercoledì, la società ha segnalato l’aumento dei costi a causa di una carenza globale di chip. E ha riportato entrate trimestrali inferiori alle stime di mercato.

La mossa arriva anche in un contesto in cui già diverse case automobilistiche e aziende tecnologiche stanno lavorando a stretto contatto. L’obiettivo è sviluppare veicoli ancora più smart con tecnologie come cabine intelligenti e guida autonoma.

Il fornitore di motori di ricerca cinese Baidu Inc ha dichiarato, a gennaio, che prevede di realizzare veicoli elettrici utilizzando uno stabilimento automobilistico di proprietà di Geely. La casa automobilistica offrirà al colosso del web cinese consulenza ingegneristica e produzione a contratto.

Reuters ha anche segnalato le rispettive ambizioni automobilistiche di Apple Inc e Huawei Technologies Co Ltd.

Il fondatore e amministratore delegato di Xiaomi, Lei Jun, ritiene che l’esperienza dell’azienda nella produzione di hardware contribuirà ad accelerare la progettazione e la produzione dei suoi veicoli elettrici.

Oltre agli smartphone, Xiaomi produce dozzine di dispositivi connessi a Internet tra cui scooter, purificatori d’aria e cuociriso.

L’azienda prevede di lanciare il suo primo veicolo elettrico intorno al 2023. Great Wall, il più grande produttore di camioncini della Cina, quest’anno ha lanciato un marchio autonomo per veicoli elettrici e smart. Sta anche costruendo una fabbrica di veicoli elettrici in Cina con la tedesca BMW AG.

La casa automobilistica ha venduto 1,11 milioni di veicoli l’anno scorso, aiutata dalla popolarità di modelli come il camioncino della serie P e gli EV Ora. Attualmente sta costruendo il suo primo stabilimento in Thailandia.

Nell’ambito del trading online, la scelta di investire in azioni nel settore dei veicoli elettrici sarà sempre più diffusa. I trader sono sempre più alla ricerca di potenziali vincitori di questa ricca battaglia.

Altri articoli dello stesso autore:

  •  
  •  
  •  
  •