Con una decisione ampiamente attesa, la Food and Drug Administration ha ampliato la sua autorizzazione all’uso di emergenza per il vaccino COVID-19 di Pfizer (NYSE: PFE) e BioNTech (NASDAQ: BNTX) anche ai giovani con più di 12 anni. Naturalmente, il mondo del trading online si chiede cosa cambierà per le case farmaceutiche dal punto di vista finanziario, adesso. Investire in azioni in questo settore continua a rimanere una tendenza forte, anche se i risultati, fino ad ora, sono controversi. Ma andiamo con ordine.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: OBRInvest

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: FXPN

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Pfizer, una pole position solo di visibilità

L’ampliamento dell’autorizzazione per BNT162b2 si basa sulla capacità del vaccino di indurre la produzione di anticorpi COVID-19. Nel dettaglio, i livelli di anticorpi che la terapia ha generato nei partecipanti alla sperimentazione clinica di età compresa tra 12 e 15 anni, sono stati pari ai livelli di anticorpi raggiunti nei partecipanti nella fascia di età compresa tra 16 e 25 anni.

Tali anticorpi sembrano proteggere i pazienti dall’infezione dal coronavirus.

A partire da una settimana dopo aver ricevuto la seconda dose di BNT162b2, è stato rilevato che nessuno dei 1.005 adolescenti che sono stati inoculati ha sviluppato il COVID-19. Tra i 978 partecipanti allo studio che hanno ricevuto iniezioni di placebo, invece, ci sono stati 16 casi di COVID-19. Ciò equivale a un risultato di protezione del 100%, sebbene i numeri dello studio siano relativamente piccoli.

Il profilo degli effetti collaterali per gli adolescenti è stato simile a quello osservato in soggetti di età pari o superiore a 16 anni. In entrambi i gruppi, le persone hanno avuto più effetti collaterali dopo la seconda dose rispetto alla prima dose.

Pfizer e BioNTech hanno battuto ancora Moderna (NASDAQ: MRNA) anche in termini di ottenimento dell’autorizzazione della FDA per la somministrazione del loro vaccino agli adolescenti. Tuttavia, il periodo di esclusività di BNT162b2 in questo gruppo demografico, che presumibilmente durerà solo un paio di mesi, non rappresenterà, probabilmente, un grande vantaggio finanziario.

Sono già in atto ampi contratti di vendita con il governo degli Stati Uniti per entrambi i vaccini a mRNA, quindi aprire l’uso di BNT162b2 a una fascia di età più ampia non aumenterà le sue vendite.

Fino a quando un altro vaccino non sarà autorizzato per gli adolescenti, parte delle dosi di Pfizer verranno utilizzate a questo scopo. Si verrà dunque a creare un restringimento dell’offerta per la popolazione adulta che verrà colmato dai vaccini Moderna o Johnson & Johnson.

Uno sguardo al mercato

Le Azioni Pfizer hanno chiuso la seduta di ieri in ribasso dell’1,28%, a 49.35 dollari. L’autorizzazione sopramenzionata e il probabile lancio di una pasticca contro il covid nel 2022, hanno lievemente cambiato il sentiment dei trader, che nel pre market di oggi spingono il titolo ad un lieve rialzo dello 0,23%. Su dodici mesi, la risorsa è in crescita del 3,28%.

Le Azioni BioNTech, pur valendo molto di più, stanno subendo una pressione maggiore. Il titolo ha chiuso ieri a quota 190.02 dollari, registrando un calo del 2,14%, a cui si aggiunge l’ulteriore ribasso delle contrattazioni pre marker, al momento del 2,08%. Tuttavia, su dodici mesi, la risorsa rimane in crescita del 296,2%.

Le azioni Moderna, invece, ieri hanno chiuso a +0,28%, con un rialzo su 12 mesi del 137,65%. Infine, le Azioni Johnson & Johnson sono in crescita del 13,26% rispetto ad un anno fa, ma attualmente subiscono la pressione che il mercato sta riservando a tutto il settore.

 

 

Altri articoli dello stesso autore:

  •  
  •  
  •  
  •