La più grande banca italiana UniCredit (CRDI.MI) si è attaccata ai suoi obiettivi per l’anno dopo aver registrato un aumento del 26% dell’utile netto rettificato nel terzo trimestre, grazie a guadagni commerciali e commissioni costanti che hanno compensato un calo degli interessi.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKER VANTAGGI DEPOSITO MINIMO APERTURA CONTO
Corsi Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Le dichiarazioni della banca promettono bene

La banca ha dichiarato che l’utile netto tra luglio e settembre è stato pari a 1,1 miliardi di euro (1,2 miliardi di dollari), sia in termini dichiarati sia quando rettificato per le voci una tantum, compresa la vendita della sua quota residua nella banca online Fineco (FBK.MI) nel periodo. Anche gli accantonamenti inferiori alle attese a fronte delle perdite sui prestiti nel trimestre hanno favorito gli utili.

Gli analisti avevano cercato in media un utile netto di 1,01 miliardi di euro su ricavi per 4,57 miliardi di euro, sulla base di un consenso compilato dalla banca. I risultati del terzo trimestre del titolo UniCredit dell’anno scorso sono stati colpiti da una perdita di valore delle sue attività turche e dalla risoluzione di un caso di sanzioni contro l’Iran con Washington.

In linea con la strategia di perdere risorse non core sotto la direzione dell’amministratore delegato Jean Pierre Mustier, UniCredit ha dichiarato mercoledì scorso di aver venduto l’intera sua quota dell’8,4% nell’illustre banca milanese Mediobanca (MDBI.MI), dove era stata il gruppo maggiore azionista. La vendita allontana UniCredit da una faida degli investitori in Mediobanca, dove il miliardario Leonardo Del Vecchio ha recentemente costruito una partecipazione del 7,5% e sfidato la strategia del top management.

E’ il momento di Investire su Unicredit?

UniCredit ha dichiarato che i ricavi sono stati pari a 4,7 miliardi di euro tra luglio e settembre, sostenuti dalla sua attività commerciale. Le commissioni sono migliorate rispetto all’anno precedente, mentre il reddito derivante dall’attività di prestito tradizionale si è ridotto del 5%. La banca ha aumentato il suo capitale principale al 12,6% delle attività nel trimestre aiutato dalla vendita della partecipazione Fineco. Ha inoltre ridotto la percentuale di prestiti problematici sui prestiti totali al 5,7%, il livello migliore tra le principali banche italiane.

Mustier, un banchiere di investimenti francese che ha iniziato come CEO di UniCredit a metà 2016, ha venduto attività e raccolto liquidità per ripulire il bilancio della banca da debiti deteriorati. Ora sta lavorando per ridurre l’esposizione della banca all’Italia, una strategia che è impostata per aiutare UniCredit a migliorare le sue condizioni di finanziamento. La banca presenterà un nuovo piano aziendale il 3 dicembre che Mustier ha detto che sarebbe stato chiamato Team 2023. UniCredit ha dichiarato di aver ridotto le sue partecipazioni in titoli di stato italiani di 3,6 miliardi di euro nel trimestre.

Altri articoli dello stesso autore:

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.